Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Oriolo Romano - L'imputato potrebbe essere anche l'autore del furto in una villa a Cerveteri

Vende un rolex e un ipad rubati, accusato di ricettazione

Condividi la notizia:

Oriolo Romano - Ingresso al centro storico

Oriolo Romano – Ingresso al centro storico

Oriolo Romano – (ma.ma.) – Finisce a processo perché accusato di ricettazione per aver venduto un ipad e, molto probabilmente, anche un rolex. L’imputato potrebbe essere anche l’autore del furto dei due oggetti, rubati prima della ricettazione, in una villa a Cerveteri. 

Un uomo avrebbe venduto a un cittadino di Oriolo Romano un ipad, precedentemente rubato in una casa. In aula, nei giorni scorsi, il giudice Gaetano Mautone ha ascoltato sia il cittadino che ha acquistato il dispositivo elettronico sia il proprietario della villa in cui è stato compiuto il furto e da cui sarebbero stati prevelati i due oggetti.

“Ho acquistato l’ipad nel 2014 a circa 130 euro. Voleva vendermi anche l’orologio, ma io non l’ho acquistato. Però, ho dovuto accompagnare l’imputato da un orafo a cui voleva venderlo. Ho dovuto accettare per forza di accompagnarlo perché era diventato un po’ aggressivo e insistente – ha detto in aula il cittadino di Oriolo Romano -. In seguito, dopo aver acquistato l’ipad, ho consegnato il dispositivo ai carabinieri”.

In aula anche il proprietario degli oggetti rubati nella sua casa di Cerveteri. Il testimone ha riferito di essersi accorto del furto dopo che la sua ex moglie lo aveva chiamato dicendo che a casa erano scomparsi degli oggetti. “L’orologio era in cassaforte, ma quando ho controllato era sparito. Eppure la cassaforte era correttamente chiusa e quindi a sottrarmi il rolex doveva essere stato qualcuno con le chiavi”.

I sospetti del proprietario si concentrerebbero sull’imputato perché quest’ultimo avrebbe svolto dei lavori di tinteggiatura nella sua casa, nel periodo precedente il furto, e perché poi avrebbe intrattenuto un’amicizia con la figlia della sua ex moglie. All’epoca dei fatti l’uomo infatti abitava a Cerveteri con la ex moglie e i figli di lei, avuti da una precedente relazione.

In aula il magistrato Gaetano Mautone ha rinviato l’udienza al 13 settembre per eventuale discussione.

 

 

 


Condividi la notizia:
20 gennaio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR