--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Politica - Lo chiede il partito della Rifondazione comunista

“Anche a Civita Castellana un consiglio comunale su Talete”

Condividi la notizia:

Civita Castellana

Civita Castellana

Civita Castellana – Riceviamo e pubblichiamo – Il 28 dicembre del 2018 i soci della Talete spa (i sindaci dei comuni del viterbese) nella speranza forse che nel bel mezzo delle festività di fine anno questo passasse inosservato, hanno votato a favore di un aumento della bolletta di un bel 7,6%. 

Naturalmente nessun sindaco (socio) si è preso la responsabilità politica di tale votazione e nessuno si è sognato di passare per il parere dei consigli comunali, questo almeno fino a ieri, quando il comitato per l’acqua pubblica di Viterbo (Non ce la beviamo) riuscendo ad ottenere un consiglio comunale straordinario sul tema, ha smascherato la maggioranza (Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia) che obbedendo al sindaco, ha votato compatta in favore del rincaro, palesando cosi la volontà di tartassare ancor di più i cittadini già colpiti da una situazione economica generale drammatica. 

Noi riteniamo che tali importanti decisioni debbano essere prese nel massimo della trasparenza anche a Civita Castellana, specialmente in un periodo come questo che precede le elezioni comunali nelle quali i cittadini saranno chiamati a scegliere i futuri amministratori. 

Pertanto avanziamo pubblicamente la richiesta di un consiglio comunale straordinario, dove i consiglieri e le forze politiche di maggioranza e opposizione si prendano davanti ai cittadini la responsabilità di avallare o bocciare questa scelta sciagurata in modo chiaro e limpido, e non solo tramite comunicati stampa fatti di slogan gettati al vento. 

Rifondazione comunista, a Civita Castellana come in tutto il resto d’Italia, è contraria a una gestione aziendalistica dell’acqua e al conseguente aumento dei disservizi e delle tariffe che questa comporta e si schiera al fianco dei comitati per l’acqua pubblica a difesa degli interessi dei cittadini ed in special modo di quelli più in difficoltà che subiranno l’ennesima batosta.

Partito della Rifondazione comunista
Circolo Enrico Minio Civita Castellana 


Condividi la notizia:
7 febbraio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR