Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Milano - L'incidente potrebbe essere avvenuto per un malore dell'autista

Autobus travolge poliziotti, feriti tre agenti

Condividi la notizia:

Polizia

Immagine di repertorio

Milano – Autobus dell’Atm si schianta contro due macchine della polizia parcheggiate in piazzale Cadorna a Milano. Tre gli agenti che sarebbero rimasti coinvolti nell’incidente, due di loro sarebbero in gravi condizioni. 

Tre agenti della polizia di stato sono rimasti feriti nel corso di un incidente stradale avvenuto questa mattina in piazzale Cadorna a Milano.

Un autobus dell’Atm si sarebbe schiantato contro due macchine della polizia. Tre agenti sono stati colpiti e sono stati portati in ospedale. Due di loro sono in gravi condizioni.

Secondo quanto riferisce l’Atm all’Ansa, il mezzo avrebbe colpito le due pattuglie della polizia “forse per un malore del conducente”.

Sembrerebbe inoltre che le due vetture al momento dell’incidente fossero “ferme sul ciglio della strada, e una delle vetture è stata scagliata sul marciapiede, travolgendo i tre agenti che sarebbero stati sul marciapiede”.

 Uno degli agenti è stato trasportato in codice rosso all’ospedale Niguarda per fratture a entrambe le gambe, ma non sarebbe in pericolo di vita. Un altro poliziotto è invece stato trasportato al Policlinico in codice giallo. Il conducente dell’autobus è ricoverato al Fatebenefratelli in codice verde.

L’Atm aspetta di vedere le immagini della videocamera installata sul mezzo pubblico per ricostruire con esattezza l’accaduto.

 

 

 

 

 

 


Condividi la notizia:
17 febbraio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR