Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Politica - Dai candidati senza avversari all'incredibile pareggio tra Giustiniani e Olimpieri - Ecco come andarono le comunali del 2014

Quando a Cellere si fece il ballottaggio…

Condividi la notizia:

Cellere

Cellere

Viterbo – (a.c.) – Sono ben 27 i comuni della Tuscia chiamati alle urne per il rinnovo delle amministrazioni locali il prossimo 26 maggio. Quasi la metà del totale della provincia.

Nella stragrande maggioranza dei casi, si tratta di scadenza naturale del mandato. Rispetto alla tornata del 2014, infatti, manca all’appello solo Orte, di nuovo ai seggi già nel 2016 per rinnovare la giunta scioltasi con le dimissioni di Moreno Polo.

Si rimane comunque in 27 comuni, perché nella “lista dei convocati” entra Tarquinia. La seconda città della Tuscia dovrà scegliere il successore di Pietro Mencarini, il cui mandato è durato poco più di un anno.

Nel 2014 il sindaco eletto con la percentuale più bassa fu Fabio Bartolacci di Tuscania, che la spuntò col 33,26% delle preferenze. Un risultato anomalo, figlio di una battaglia tra ben cinque candidati, tutti capaci di superare ampiamente il 10%.

In due comuni, invece, ci furono vittorie senza sforzo: Luigi Buzi a Gradoli e Andrea Di Virginio a Piansano conquistarono la fascia tricolore come unici candidati in corsa.

Clamoroso il caso di Cellere, dove Edoardo Giustiniani e Stefania Olimpieri ottennero esattamente lo stesso numero di voti: 372 a testa. Fu necessario un ballottaggio, in cui gli elettori del terzo classificato, Antonio Fossati, si distribuirono leggermente più a favore di Giustiniani.

Rispetto alle elezioni del 2009, l’affluenza fu più bassa in tutte le città, in molti casi anche di parecchi punti percentuali. Uniche eccezioni Civitella d’Agliano, dove il numero dei votanti aumentò fino a oltre il 90%, Monterosi e Tessennano.


Così i comuni al voto nelle precedenti elezioni

ComuneAffluenza  Sindaco uscenteVoti
Bagnoregio80,9%Francesco Bigiotti71,27%
Bassano in Teverina88,9%Alessandro Romoli 74,86%
Bolsena78,1%Paolo Equitani 58,77%
Calcata81,9%Sandra Pandolfi 59,79%
Canepina84,0%Aldo Maria Moneta 67,11%
Capodimonte83,9%Mario Fanelli 60,46%
Castiglione in Teverina74,0%Mirco Luzi 72,02%
Celleno80,0%Marco Bianchi 72,36%
Cellere82,6%Edoardo Giustiniani  53,80%
Civita Castellana72,3%Gianluca Angelelli 60,10%
Civitella d’Agliano90,9%Giuseppe Mottura 54,56%
Farnese73,1%Massimo Biagini 54,48%
Gradoli74,5%Luigi Buzi 100%
Graffignano80,2%Anselmo Uzzoletti 48,42%
Grotte di Castro76,5%Piero Camilli 72,29%
Ischia di Castro84,7%Salvatore Serra 76,70%
Monte Romano87,9%Maurizio Testa 57,33%
Monterosi77,9%Sandro Giglietti 66,77%
Nepi75,2%Pietro Soldatelli 44,14%
Onano76,3%Giovanni Giuliani 80,61%
Piansano77,7% Andrea Di Virginio 100%
San Lorenzo Nuovo85,9% Massimo Bambini 38,28%
Tarquinia *72,5%Pietro Mencarini65,67%
Tessennano88,8% Ermanno Nicolai 50,58%
Tuscania81,7% Fabio Bartolacci 33,26%
Vejano80,6% Alberto Rinelli 59,48%
Villa San Giovanni in Tuscia  91,9% Mario Giulianelli 55,27%

* Dato del 2017


Condividi la notizia:
17 febbraio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR