Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Andrea Belli, presidente Ance, invita il Comune ad opporsi alla decisione

“Col vincolo della Sovrintendenza si paralizza lo sviluppo della città”

Condividi la notizia:

Andrea Belli, presidente dell'Ance

Andrea Belli, presidente dell’Ance

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – La proposta di dichiarare di “notevole interesse pubblico”, da parte della Soprintendenza, l’€™area di 1600 ettari che si estende a sud di Viterbo da Bullicame e Riello fino alle Masse di San Sisto rischia fortemente di bloccare lo sviluppo dell’€™intera città e paralizzare l’economia del territorio.

Siamo estremamente sorpresi di questa prospettiva, che significa precludere o rallentare ulteriormente una serie di interventi previsti da molti anni all’€™interno dell’€™area, finalizzati allo sviluppo e al rilancio dell’€™economia locale.

Leggiamo dagli atti che la proposta della Soprintendenza mira esplicitamente a “controllare e indirizzare le fasi di sviluppo della città e favorire interventi di recupero ambientale e paesaggistico”: di fatto, con questo vincolo la Soprintendenza mira a sostituirsi al Comune nella progettazione edilizia e urbanistica del territorio, esautorando i suoi poteri.

Ci troviamo di fronte a un vero e proprio commissariamento. Praticamente, in una delle poche aree di espansione rimaste a Viterbo non si potrà costruire più nulla. E anche ampliare manufatti esistenti potrebbe risultare molto complicato, visto che qualsiasi intervento edilizio dovrà passare attraverso il parere dell’€™organo ministeriale.

Tra l’€™altro, il vincolo che intende porre la Soprintendenza si sovrappone alle indicazioni del piano paesaggistico, non ultime quelle già espresse in fase di copianificazione dalla Regione Lazio e dalla stessa Soprintendenza.

Invitiamo pertanto il Comune di Viterbo e il sindaco Arena a far sentire la propria voce presso gli organi ministeriali e a opporsi con fermezza al vincolo, o quantomeno a concordare insieme alla Soprintendenza le indicazioni di sviluppo, al fine di tutelare le opportunità di crescita e sviluppo di un intero territorio.

Andrea Belli
Presidente Ance Viterbo (associazione nazionale costruttori edili)


Articoli: Ricci: “Un vincolo enorme, non si muoverà più paglia” – Arena: “Ex Terme Inps salve, qualche problema al Paliano”  – Dal Bullicame al Riello e alle Masse, 1600 ettari da vincolare


Condividi la notizia:
18 febbraio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR