Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - In sette alla sbarra con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti - Incastrati dalle intercettazioni e dai successivi riscontri

Droga su ordinazione dalla capitale per lo sballo del fine settimana

Condividi la notizia:

Viterbo - Tribunale

Viterbo – Tribunale

Fabrica di Roma – Droga su ordinazione dalla capitale per lo sballo del fine settimana. In sette alla sbarra con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti. Incastrati dalle intercettazioni e dai successivi riscontri. 

E’ il presunto giro scoperto nel 2013 a Fabrica di Roma dai carabinieri che stavano indagando su un più vasto giro di stupefacenti riguardante il comprensorio dei Cimini, il distretto industriale di Civita Castellana e più in generale la Bassa Tuscia.

In sette, tutti italiani, tra i quali una donna, sono tuttora a processo per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti davanti al giudice Silvia Mattei, che la scorsa settimana ha sentito uno dei militari della compagnia di Civita Castellana che hanno condotto le indagini, scaturite dalle intercettazioni disposte dall’autorità giudiziaria nell’ambito di una più ampia inchiesta della procura della repubblica di Viterbo. 

“Nel corso delle indagini, è emerso che uno degli attuali imputati era l’organizzatore che raccoglieva le ‘ordinazioni’ degli amici, nel fine settimana si recava a comprare lo stupefacente a Roma e poi lo distribuiva. A volte, quando andava a Roma, si portava qualcuno in aiuto”, ha spiegato il testimone. 

Per avere contezza dei sospetti che trafficassero droga, alcuni degli imputati furono fermati una e anche più volte. Una coppia, fermata per un controllo mentre viaggiava in auto, avrebbe tentato di disfarsi della cocaina di cui si parlava nelle intercettazioni gettandola dal finestrino.

Nel novembre 2013, a un altro posto di blocco, sulla strada Massarella, nei pressi di un distributore, furono fermati invece tre soggetti, trovati ance loro in possesso della cocaina preannunciata nelle conversazioni captate dagli investigatori.

Il processo riprenderà a ottobre. 


Condividi la notizia:
24 febbraio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR