--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cronaca - Originario di Carbognano era membro della Fabi e aveva curato diversi libri sul localismo

E’ morto Bruno Pastorelli, sindacalista e benemerito di Ronciglione

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Bruno Pastorelli

Bruno Pastorelli

 

Ronciglione - Alessandro Giovagnoli e Bruno Pastorelli

Ronciglione – Alessandro Giovagnoli e Bruno Pastorelli

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – E’ morto Bruno Pastorelli, sindacalista e benemerito di Ronciglione.

“E’ purtroppo venuto a mancare stanotte Bruno Pastorelli, nostro storico dirigente nazionale, che ha diviso con la Fabi e con me trentacinque anni di attività sindacale, dagli esattoriali alla comunicazione, dal Sab di Viterbo alla federazione di via Tevere, a Roma. Se ne va un uomo buono, generoso, disponibile e serio che, come seconda pelle, ha sempre indossato la maglia della Fabi, un uomo onesto e positivo che ha sempre agito nell’esclusivo interesse dei lavoratori. Per la Fabi e per tutti noi, oggi è un giorno triste perché se ne va anche una parte importante della nostra esistenza, condivisa con Bruno, nelle tante battaglie vissute insieme, gomito a gomito, fianco a fianco”.

Questo il testo del messaggio inviato a tutti gli amici da Lando Maria Sileoni, segretario generale della Fabi, il sindacato maggiormente rappresentativo nel settore del credito, assicurazioni e esattorie.

A Bruno Pastorelli, originario di Carbognano, era stata recentemente conferita la “civica benemerenza” dal comune di Ronciglione dove ha vissuto la grandissima parte della sua vita.

“Per la città di Ronciglione – è scritto nella delibera comunale con cui è stato insignito dell’alta onorificenza – ha mostrato da subito un amore incondizionato ed ha caratterizzato la sua azione locale attraverso un impegno costante volto ad animare il panorama culturale della città ed a stimolare l’impegno sociale di molti ronciglionesi così da favorire, in modo fattivo ed eccellente, la crescita sociale, civile ed economica dell’intera comunità locale”.

Bruno Pastorelli è stato anche socio fondatore e presidente dell’associazione culturale “Mariangela Virgili”, donna venerabile di Ronciglione per la quale si adoperò anche per far riprendere la procedura canonica di beatificazione.

Amico di tutti e inestimabile uomo di grande cultura ha curato anche la pubblicazione di diversi libri sul localismo tra i quali: “Ronciglione: il bombardamento del 5 giugno 1944” insieme a Silvia Scialanca, “’O prete nosto: don Osvaldo Palazzi” e cosi via.

Io lo ricorderò come un grande uomo e grande amico sempre disponibile, impegnatissimo nel lavoro del sindacato e, nel tempo libero, a promuovere e valorizzare la storia e le tradizioni dell’intera comunità viterbese e in particolare quella di Ronciglione e dintorni.

Silvio Cappelli


 – Chirieletti: “Era nostalgico ma moderno, colto e divertente, saggio e popolare”


Condividi la notizia:
18 febbraio, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR