Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cerveteri - Carabinieri - Arrestato il nipote che l'avrebbe minacciata e tenuta sotto scacco per mesi

Estorce 100mila euro alla nonna e la lascia sola senza luce né riscaldamento

Condividi la notizia:

Carabinieri

Carabinieri

Cerveteri – Estorce 100mila euro alla nonna e la lascia sola senza luce né riscaldamento.

I carabinieri della compagnia di Civitavecchia al termine di una delicata attività investigativa, hanno arrestato un pregiudicato 44enne di Cerveteri, con l’accusa di estorsione e maltrattamenti in famiglia, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del tribunale di Civitavecchia.

In particolare i carabinieri della stazione di Cerveteri hanno avviato l’attività investigativa grazie alla preziosa collaborazione dei vicini dell’anziana donna, i quali in numerose occasioni avevano sentito che la stessa era oggetto di grida e litigi all’interno della sua abitazione, presumibilmente da parte del nipote.

A quel punto i militari, con intercettazioni ambientali e riscontri oggettivi forniti da testimoni e servizi di osservazione, oltre ai successivi accertamenti bancari, hanno ricostruito la vicenda.

L’anziana sarebbe stata lasciata più volte sola in casa, con riscaldamenti e corrente appositamente staccati, o in giardino, dal nipote 44enne convivente.

Quest’ultimo, dietro minacce e continue vessazioni, pare abbia anche costretto la nonna a aprire un nuovo conto corrente bancario, cointestato con lui, per una cifra di oltre 100mila euro che il ragazzo avrebbe poi intascato.

Il nipote avrebbe inoltre minacciato di far rinchiudere in manicomio la nonna se non avesse acconsentito a vendere l’abitazione di proprietà, rivolgendosi a un’agenzia immobiliare e fissando addirittura degli appuntamenti per farla vedere ai potenziali acquirenti.

Le indagini e gli accertamenti dei carabinieri sono stati pienamente concordati dall’autorità giudiziaria e hanno permesso l’emissione dell’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari.


Condividi la notizia:
16 febbraio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR