--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Anche Acli, Azione Cattolica, Caritas, Gavac, movimento dei Focolari e scout parteciperanno alla fiaccolata di venerdì 15 febbraio

“Insieme in piazza per dire no alla mafia”

Condividi la notizia:

Viterbo - Via Marconi

Viterbo – Via Marconi

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Le Acli di Viterbo, l’Azione cattolica diocesana, la Caritas viterbese, il Gavac, il movimento dei Focolari di Viterbo e gli scout del Masci e dei gruppi Agesci VT4 e VT5 aderiscono alla manifestazione antimafia promossa dai sindacati confederali per venerdì 15 febbraio.

Come realtà calate nella comunità civile ed ecclesiale, sentiamo nostro dovere ribadire l’impegno a contrastare fenomeni criminali che, per citare papa Francesco, si dimostrano espressioni di una cultura di morte, da osteggiare e da combattere.

Al contempo, invitiamo tutte le componenti sociali e politiche a interrogarsi sulle ragioni che hanno permesso l’insediarsi sul nostro territorio di un’organizzazione di stampo mafioso. Casi del genere avvengono, ricorda il papa, “sfruttando carenze economiche, sociali e politiche, trovando un terreno fertile per realizzare i loro deplorevoli progetti”.

Sostenere percorsi di difesa della legalità, aumentare le azioni di lotta alla povertà, creare reti solidali capaci di alleviare situazioni di disperazione e di degrado: tutti come cittadini possiamo dare il nostro contributo in ambiti e luoghi diversi, tenendo come punto di riferimento il bene comune e il netto e inequivoco rifiuto di ogni sopraffazione e violenza.

L’operazione “Erostato”, condotta dai carabinieri e dalla direzione distrettuale antimafia ha condotto all’arresto di 13 persone con l’accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso.

È la prima volta che tale reato viene contestato a Viterbo, ha ricordato il comandante provinciale dell’arma. Adoperiamoci tutti affinché non si verifichino le condizioni perché possa accadere di nuovo.

Pierluigi Vito


Condividi la notizia:
11 febbraio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR