--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Operazione Erostrato - Enrico Valentini e Angelo Di Silvio, legali della della famiglia Camilli, chiariscono quanto accaduto relativamente all'inchiesta sulla mafia viterbese e annunciano azioni legali contro chi strumentalizza e infanga

“Mai ceduto a tentativi di estorsione e minacce…”

Condividi la notizia:

Sport - Calcio - Viterbese - Piero Camilli

Piero Camilli

L'avvocato Enrico Valentini

L’avvocato Enrico Valentini

Angelo di Silvio

Angelo di Silvio

Viterbo – “Mai ceduto a tentativi di estorsione e minacce. Mai pagato nessuno e tantomeno Casertano. Sempre denunciato ogni fatto delittuoso”. I legali della della famiglia Camilli, Enrico Valentini e Angelo Di Silvio, dopo le notizie apparse sulla stampa, chiariscono quanto accaduto relativamente all’inchiesta sulla mafia viterbese.  

“I Camilli – spiegano i legali – hanno sempre denunciato alle competenti autorità giudiziarie e di polizia ogni episodio delittuoso di cui sono stati vittime. Con risultati insoddisfacenti tanto che sono stati costretti a istallare in maniera più efficace in tutti i luoghi di lavoro e non solo strumenti di video-sorveglianza e ad assumere personale di guardiania notturna sia stabile che itinerante”.

I Camilli sono parte offesa in tutta la vicenda che visto svilupparsi l’inchiesta del carabinieri operazione Erostrato

“Va sottolineato – continuano gli avvocati Valentini e Di Silvio – che Piero Camilli e i suoi familiari sono stati indicati come parti offese nel procedimento in quanto obiettivi di un sodalizio criminale che voleva far “punire” il rifiuto di assoggettarsi a qualsiasi forma di ricatto o di estorsione. È infatti ovvio che, se Camilli avesse pagato, non sarebbe stato assolutamente bersaglio di minacce, di tentativi di aggressione e/o di sequestro. Tant’è vero che sino al momento dell’arresto Camilli e i suoi familiari erano monitorati da dagli uomini dell’associazione criminale. L’unica colpa di Camilli è stata quella di rifiutarsi di pagare, come forse tanti altri hanno fatto. I fatti emergono chiari e lampanti anche dalla lettura degli articoli di stampa e dell’ordinanza, fatti inquietanti hanno visto i Camilli ignari obiettivi dei malviventi”.

I legali affrontano la questione dei terreni contesi ed escludono qualsiasi pagamento di “mazzette”.  

“Per quanto concerne la vicenda Vinci , è di solare evidenza come furono gli stessi Camilli a denunciare il Vinci all’autorità giudiziaria per minacce, falso e truffa. È altrettanto evidente che la vertenza civile davanti al tribunale ha avuto un suo percorso processuale che ha portato ad attribuire il possesso dei terreni ai Camilli da parte del giudice di Viterbo in quanto legittimi proprietari. Ogni speculazione su presunte mazzette è frutto di pura fantasia. Deve essere chiaro che la famiglia Camilli non ha mai soggiaciuto e mai soggiacerà a ricatti ed estorsioni criminali tanto dirette quanto mascherate. Per quanto concerne le presunte somme pagate da Camilli va detto che nessuna somma è stata mai corrisposta ad alcuno, tantomeno al Casertano. Personaggio totalmente sconosciuto da Camilli”.

I due avvocati infine annunciano azioni legali per chi ha strumentalizzato la vicenda per infangare i Camilli.

“Certi di aver chiarito la posizione dei nostri assistiti, preannunciamo azioni legali nei confronti di tutti coloro che strumentalizzando le notizie emerse tentino di infangare ingiustamente il nome di una famiglia di imprenditori che ha costruito con il lavoro la propria posizione dando occupazione centinaia di persone.  La famiglia Camilli non può consentire di essere oggetto di una fuorviante interpretazione, a volte esasperata dolosamente da certa stampa, avendo rischiato e subito ritorsioni per non aver voluto soggiacere a ricatti ed estorsioni varie”.

 


Condividi la notizia:
2 febbraio, 2019

Mafia viterbese ... Gli articoli

  1. Mafia viterbese, incertezza sul rito per i tredici arrestati
  2. "Sono una delle vittime della mafia viterbese", dice in aula la titolare del compro oro di via Genova
  3. Sodale salta il battesimo di "famiglia" per andare al bingo con una "puttanella"...
  4. "Dopo Santa Rosa, vedi i fuochi d'artificio... pam pam"
  5. "Un'associazione di stampo mafioso tutta viterbese capeggiata da Giuseppe Trovato"
  6. "Sussistono il reato associativo e il metodo mafioso"
  7. Vittima della mafia non riesce a onorare un debito, condannata
  8. La mafia e le mani sulle discoteche
  9. Riesame, misure cautelari confermate per i 13 arrestati nel blitz antimafia
  10. "Non c'è l'associazione di stampo mafioso e le intercettazioni sono inutilizzabili"
  11. “Ubertini ha la mia massima fiducia”
  12. "Non mi dimetto, in tutta questa vicenda io sono una vittima"
  13. "Si ride e si piange, gli abbiamo dato indo culo..."
  14. Mafia viterbese, cinque arrestati su 13 rinunciano al riesame
  15. Oggi secondo round al riesame, lunedì tocca al boss Giuseppe Trovato
  16. "Uniti per reagire a tutte le forme di criminalità organizzata"
  17. Mafia viterbese, primi tre "no" del tribunale del riesame
  18. "E' fondamentale opporsi chiaramente alla mafia"
  19. Trasferito in un carcere in Sardegna il boss Trovato
  20. "Confesercenti in prima linea contro la mafia"
  21. "Non ci sottometteremo mai a comportamenti mafiosi"
  22. Il parrucchiere Pecci si difende davanti al tribunale del riesame
  23. 'Ndrangheta, Forieri e Trovato cercavano l'appoggio delle cosche
  24. Mafia viterbese, gli arrestati puntano al tribunale della libertà
  25. "Il naso era tutto frantumato, speriamo muoia"
  26. Anche Coldiretti alla manifestazione per dire no alla mafia
  27. Mafia viterbese, gli arrestati venerdì davanti al tribunale del riesame
  28. Mafia viterbese - Chiuso il bar di Luigi Forieri, "luogo di ritrovo di molti sodali"
  29. Anche l'Adoc alla fiaccolata contro la mafia
  30. "Un atto mostruoso, che continuo a non accettare"
  31. "Mafia viterbese, aderiamo alla manifestazione come chiaro segnale di presa di posizione"
  32. “In comune un muro invalicabile contro la mafia”
  33. Della Rocca e Grazini furono i primi a parlare di mafia
  34. Per non sentirci soli con la mafia...
  35. "La mafia nel viterbese c’è da tempo"
  36. "L'avvocato Alabiso? Me lo devo togliere dai coglioni"
  37. "Signor sindaco non minimizzi il fenomeno mafioso..."
  38. "Mafie, solo con un'azione corale possono essere sconfitte"
  39. "Fiaccolata contro le mafie, saremo in prima fila"
  40. Anche Massimiliano Smeriglio alla fiaccolata contro la mafia
  41. Mafia viterbese, è corsa al tribunale del riesame
  42. "Un panorama criminale pericoloso e inquietante"
  43. "Sì alla fiaccolata contro la mafia"
  44. "Sindaco... per me non è mai spropositato dire no alla malavita"
  45. "Gravissimo sminuire il fenomeno mafioso"
  46. Mafia viterbese, sfiorato lo scontro tra due bande criminali
  47. "Tutti trattengono il fiato, perché tutti sanno di essere colpevoli..."
  48. “A Viterbo non ci sono organizzazioni mafiose, solo delinquentelli"
  49. "Mafia viterbese, il sindaco Arena riferisca subito in consiglio comunale"
  50. "Una città che si schiera contro la mafia innanzitutto combatte il degrado"
  51. "Mai dato soldi all'organizzazione e non mi sono mai sottomesso"
  52. "Vi ho cacciato fuori dai guai e voglio un bel ringraziamento"
  53. "Rischio infiltrazioni mafiose in Comune, si faccia chiarezza"
  54. "Arena e Ubertini sono traditori di merda..."
  55. "Una fiaccolata per dire no alla mafia"
  56. Mafia viterbese, si difendono il barista e la commessa
  57. "La guerra la facciamo pure a chi ha la divisa"
  58. "Una risposta incisiva alle esigenze di sicurezza dei cittadini"
  59. "Si convochi un consiglio comunale aperto per la legalità..."
  60. "Luigi Forieri si vantava di avere legami con la 'ndrangheta"
  61. "Agivano in una delirante concezione di onnipotenza"
  62. "Un consiglio comunale aperto per parlare di legalità e sicurezza"
  63. "Viterbo mai colpita da organizzazioni criminali e questo ci preoccupa"
  64. "Mosap: "Serve tutelare le vittime della banda"
  65. "Ti ammazzo, brutto figlio di troia. Infame. Ti sparo int' 'a capa"
  66. Un interrogatorio, spontanee dichiarazioni e tanti silenzi
  67. Denunciare! Denunciare! Denunciare!
  68. "Al fianco di vittime di racket e usura"
  69. "Mafia, è la prima volta a Viterbo"
  70. "Io ti sbudello, io me la prendo anche con un bambino"
  71. "Violenza e terrore, intimidazioni ed estorsioni"
  72. "Grazie alle forze dell’ordine che lavorano per garantire sicurezza"
  73. Auto bruciate, teste di maiale mozzate e buste con proiettili
  74. 13 arresti per associazione a delinquere di stampo mafioso
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR