--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Processo "Déjà vu" - Un finanziere spiega in aula come l'imprenditore sarebbe riuscito a eludere l'Iva sulle vetture di lusso estere vendute nei suoi autosaloni

“Marchetti importava auto tedesche col trucco tramite le società cartiera”

di Silvana Cortignani
Condividi la notizia:

Elio Marchetti

Elio Marchetti

Viterbo - Operazione Déjà vu - Guardia di finanza e Polstrada nella concessionaria di via Mainella

Viterbo – Operazione Déjà vu – Guardia di finanza e Polstrada nella concessionaria di via Mainella

Guardia di finanza e Polstrada nella concessionaria

Viterbo – Operazione Déjà vu – Guardia di finanza e Polstrada nella concessionaria di via Mainella

Guardia di finanza e Polstrada nella concessionariaGuardia di finanza e Polstrada nella concessionaria

Viterbo – Operazione Déjà vu – Guardia di finanza e Polstrada nella concessionaria di via Mainella

Viterbo – Supercar dall’estero col trucco, dopo la deposizione fiume dell’ispettore Mauro Di Paola della polizia stradale che nell’udienza del 15 gennaio ha illustrato come funzionava il “sistema Marchetti”, ieri è stata la volta di un maresciallo della guardia di finanza che è invece entrato nei particolari della presunta truffa carosello sfociata nell’operazione “Déjà vu”. 

Davanti al collegio presieduto dal giudice Silvia Mattei, anche il camionista e il titolare della ditta di autotrasporti di Capena che portavano materialmente in Italia le vetture che sarebbero state acquistate “sotto copertura” in Germania da Elio Marchetti.

Hanno spiegato come i pagamenti fossero effettuati dalle società cartiera di Pomezia e di Latina, “sollecitate se necessario dallo stesso Marchetti”, ma come le vetture venissero poi “sistematicamente scaricate all’uscita del casello autostradale di Orte oppure nel piazzale delle rivendite viterbesi di Marchetti, di solito il sabato sera, previo accordo telefonico con un suo collaboratore di nome Claudio”. 


E’ il processo scaturito dall’arresto del 3 maggio 2017 dell’imprenditore del settore auto Elio Marchetti, 45 anni, accusato di associazione per delinquere finalizzata all’evasione fiscale sulle vetture di grossa cilindrata importate dall’estero in concorso con la dipendente Carla Corbucci e l’imprenditore pugliese Domenico Sordo, titolare dell’agenzia di pratiche auto di Foggia coinvolta nell’inchiesta. Ricorrendo a riti alternativi, sono invece rimasti fuori dal processo il pluripregiudicato foggiano Giuseppe De Lucia, titolare di una società di autotrasporti in Puglia, e l’altra dipendente di Marchetti coinvolta nell’inchiesta della procura, Emilia Tiveddu, nonché Simone Girolami, uno dei due fratelli di Latina titolari di altrettante presunte società cartiera. 


L’indagine della guardia di finanza si sarebbe focalizzata sulla nazionalizzazione di vetture importate dall’estero con regime di Iva agevolata, in seguito a dati contrastanti sulle immatricolazioni tra agenzia delle entrate e motorizzazione civile. 

“Una novantina le vetture commercializzate tra il 2015 e il 2016 da Marchetti, che le acquistava dal fornitore comunitario tedesco ‘First Trade Gmbh’ tramite due società cartiera di Pomezia e di Latina, ‘Pack Engine Italia’ e ‘Lux Car 2015’, sul cui conto venivano effettuati i bonifici, entrambe sconosciute al fisco, senza sede operativa, senza dipendenti e senza mezzi”, ha spiegato il maresciallo della finanza. 

“Dalle indagini bancarie, sono emersi bonifici in ingresso su conti correnti delle società cartiera da parte delle concessionarie Gold Group e Elca di Marchetti, dirottati dalla Pack e dalla Lux alla società tedesca gestita da Adrian Glowats per l’acquisto di vetture che poi lo stesso Marchetti vendeva al cliente finale, l’acquirente privato, che col rivenditore viterbese sottoscriveva il contratto di vendita, scambiava assegni e bonifici”, ha proseguito il testimone, incalzato dai pubblici ministeri Stefano D’Arma e Eliana Dolce. 

Argomenti ostici per i non addetti ai lavori, dall’Iva transnazionale alla cessione intracomunitaria senza Iva, sui quali hanno battuto durante il controesame i difensori,  secondo i quali, inoltre, la Pack Engine Italia non sarebbe stata una scatola vuota, nonostante al suo indirizzo la finanza abbia trovato soltanto dei garage senza alcun marchio o insegna. Tra le attività della presunta società cartiera, intestata a Simone Girolami, un pilota con cui Marchetti condividerebbe la passione per i bolidi a due ruote e per la pista, risulterebbe infatti anche la vendita di motoveicoli, assistenza e ricambi. 

Silvana Cortignani


Condividi la notizia:
6 febbraio, 2019

Operazione Déjà vu ... Gli articoli

  1. Supercar col trucco da Marchetti, condannati un pugliese e il prestanome di Latina
  2. Supercar dall'estero col trucco, indagato anche il fornitore tedesco di Marchetti
  3. Elio Marchetti, come un fiume in piena, si difende davanti ai giudici
  4. Supercar dalla Germania, Elio Marchetti pedinato dagli investigatori fino in Puglia
  5. Supercar col trucco, ecco come funzionava il "sistema Marchetti"...
  6. E' il titolare di una società cartiera il primo teste contro Elio Marchetti
  7. Nuovi guai giudiziari per l'imprenditore Elio Marchetti
  8. Giro di auto dall'estero, Elio Marchetti torna in libertà
  9. Supercar col trucco, ai domicilari da oltre sei mesi Marchetti chiede revoca
  10. Supercar dall'estero col trucco, processo lampo per Elio Marchetti
  11. Elio Marchetti sventa un tentativo di suicidio in carcere
  12. Giro di auto dall'estero, sequestrate le targhe
  13. Evade dai domiciliari, Elio Marchetti in carcere
  14. Frode carosello, confermati i domiciliari dal Riesame
  15. Giro di auto dall'estero, il Riesame prende tempo
  16. Frode carosello, parola al tribunale del riesame
  17. Per prestanome un muratore e il gestore di una lavanderia
  18. Giro di auto dall'estero, difese pronte a ricorrere al Riesame
  19. Evadevano l'Iva per poi spartirsi il bottino
  20. Giro di auto dall'estero, si setacciano le intercettazioni
  21. Giro di auto dall'estero, altri tre indagati
  22. Anche due donne viterbesi tra gli arrestati
  23. Giro di auto dall'estero, interrogatori fiume
  24. Déjà vu, ovvero già vissuto...
  25. "Tutto ruotava intorno a Elio Marchetti..."
  26. Operazione Déjà vu - Arrestato Elio Marchetti
  27. Reati contro il fisco, arrestato Elio Marchetti
  28. Reati contro il fisco, sei arresti
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR