--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Dura presa di posizione di Silvano Olmi e Maurizio Federici durante il Giorno del ricordo - Questa mattina il corteo organizzato dal Comitato 10 febbraio

“Chi nega le foibe è un imbecille, un delinquente e un birbaccione…”

di Daniele Camilli
Condividi la notizia:


Viterbo - Il corteo per il Giorno del Ricordo

Viterbo – Il corteo per il Giorno del Ricordo

Viterbo - Silvano Olmi

Viterbo – Silvano Olmi

Viterbo - Maurizio Federici

Viterbo – Maurizio Federici

Viterbo - Mauro Rotelli, Giovanni Arena, Fabio Valentini ed Enrico Maria Contardo

Viterbo – Mauro Rotelli, Giovanni Arena, Fabio Valentini ed Enrico Maria Contardo

Viterbo - La deposizione della corona di fiori al monumento dedicato ai martiri delle foibe

Viterbo – La deposizione della corona di fiori al monumento dedicato ai martiri delle foibe

Viterbo - Il corteo per il Giorno del Ricordo

Viterbo – Il corteo per il Giorno del Ricordo

Viterbo - Il corteo per il Giorno del Ricordo

Viterbo – Il corteo per il Giorno del Ricordo

Viterbo - Il corteo per il Giorno del Ricordo

Viterbo – Il corteo per il Giorno del Ricordo

Viterbo - Il corteo per il Giorno del Ricordo

Viterbo – Il corteo per il Giorno del Ricordo

Viterbo – “I leoni da tastiera che negano le foibe o ne infangano il ricordo sono soltanto degli imbecilli, dei delinquenti e dei birbaccioni”. Silvano Olmi e Maurizio Federici del Comitato 10 febbraio puntano il dito contro chi, in questi giorni, ha alzato voce e tiro sui social network, accusando chi lavora per ricostruire la memoria degli infoibati di essere dei falsari.

Oggi è il 10 febbraio, il Giorno del ricordo. Quello delle foibe dove tra il 1943 e il 1947 vennero gettate migliaia di persone. Dopo essere state uccise. In diversi casi ancora vive. Altrettante sono state costrette ad andarsene. Un lungo esodo che raggiunse anche Viterbo. Accusate dall’esercito partigiano del maresciallo Tito di aver collaborato con nazisti e fascisti nel corso della seconda guerra mondiale.

Un corteo silenzioso questa mattina ha attraversato Viterbo. Da piazza del Teatro, dove è partito, fino a Valle Faul, dove c’è la piazza dedicata ai martiri delle foibe e a Carlo Celestini, ucciso e infoibato nella ex Jugoslavia. Il primo ad essere rintracciato dalle ricerche portate avanti dal Comitato 10 febbraio. 

Ad aprire la manifestazione lo striscione con il nome del comitato. Davanti tre donne, l’assessora comunale ai lavori pubblici Laura Allegrini, Rita Chiatti e Anna Melito. Tre donne per ricordare il sacrificio di una ragazza. Norma Cossetto, studentessa italiana di un paese vicino a Visignano in Istria, violentata e uccisa da partigiani jugoslavi nel 1943. “Il 4 e 5 ottobre di ogni anno – ha sottolineato Olmi – ricorderemo le atrocità che è stata costretta a subire. Siamo stati i primi a farlo e la nostra iniziativa diventerà anche una manifestazione nazionale”. 

Olmi punta il dito anche contro i giornali. Nello specifico Repubblica, Corriere della Sera e Fatto Quotidiano che “oggi – ha precisato Olmi – non hanno dedicato nemmeno una riga al Giorno del ricordo”.

Le persone infoibate nate nella Tuscia sono in tutto quindici. Cinque della guardia di finanza, 5 dell’arma dei carabinieri, 3 della polizia di stato, un impiegato della prefettura e un sergente dell’esercito. Tre erano di Viterbo.

Assieme a Olmi e Federici, c’erano anche il sindaco e vice sindaco di Viterbo, rispettivamente Giovanni Arena ed Enrico Maria Contardo, l’assessora ai lavori pubblici Laura Allegrini, il deputato Mauro Rotelli, il vice presidente della provincia Fabio Valentini, il consigliere comunale Paolo Bianchini, il sindaco di Bassano in Teverina Alessandro Romoli e i rappresentanti della Questura, dei carabinieri, della finanza e della prefettura.

Ad intervenire anche il deputato Mauro Rotelli che ha ricordati i tempi “quando eravamo studenti dell’università degli studi della Tuscia e ci venivano negate le aule per affrontare il tema delle foibe e le responsabilità di quella terribile tragedia”. Il vice presidente della provincia Fabio Valentini ha posto invece l’accento sull’importanza della memoria come strumento di unificazione del paese, mentre il sindaco Arena ha promesso di portare le scuole viterbesi al monumento dedicato ai martiri delle foibe e a Carlo Celestini. 

A conclusione della manifestazione anche il ricordo di Ferruccio Giurini, esule di Zara, classe 1932, che si fece l’Adriatico a remi per essere poi imprigionato in un campo di concentramento a Fano. 

Infine la deposizione di un mazzo di fiori davanti al monumento dedicato a Celestini e ai viterbesi uccisi e gettati nelle foibe. Prima ancora il saluto e gli onori dedicati ai caduti di tutte le guerre di fronte al Sacrario di piazza martiri d’Ungheria. Quest’ultima dedicata invece a chi nel 1956 ha combattuto per la libertà contro i carri armati dell’Unione sovietica.

Le iniziative per il Giorno del ricordo proseguiranno anche nel pomeriggio. A Vasanello, con l’omaggio al monumento che racconta l’uccisione del vice brigadiere di pubblica sicurezza Vincenzo Quadracci. Infoibato il 25 maggio 1945 a Equile Lipizzano.

Il 23 febbraio, a Bassano in Teverina, verrà invece inaugurato un monumento in ricordo del finanziere Giovanni Ricci deceduto nel campo di concentramento di Bar in Serbia il 26 luglio 1946. Venne investito da una frana in una galleria della miniera di rame dove era stato costretto a lavorare.

Daniele Camilli


Multimedia: Il Giorno del ricordo – Video: Chi nega le foibe è un imbecille, un delinquente e un birbaccione…”

Articoli: “Chi nega le foibe verrà denunciato”


Elenco dei viterbesi infoibati, fucilati o deceduti nei campi di concentramento jugoslavi

Finimaldo Angeletti, Nepi, 8 maggio 1913 – Plevia, 19 novembre 1944. Sotto Brigadiere della guardia di finanza.

Augusto Bacchi, Acquapendente, 20 aprile 1920 – Gulag di Borovnica, 26 giugno 1945. Guardia di finanza.

Otello Bigerna, Acquapendente, 5 ottobre 1887 – San Pietro di Gorizia, 13 settembre 1943. Civile, impiegato della prefettura.

Francesco Brocchi (detto Franco), Civita Castellana, 23 settembre 1915 – Polo, in data imprecisata del 1945. Brigadiere dei carabinieri.

Ennio Carosi, Carbognano, 15 febbraio 1912 – Gorizia, 7 maggio 1945. Vice brigadiere dei carabinieri.

Carlo Celestini, Viterbo, 6 marzo 1922 – Dyakovo, 28 aprile 1945. Sergente dell’esercito.

Pierino Corinti, Castiglione in Teverina, 4 gennaio 1911 – Canebola di Faedis (Udine), 26 aprile 1945. Guardia di finanza.

Luciano Lupattelli, Vetralla, 24 maggio 1906 – Foiba di Aquilina, frazione di Muggia, 24 aprile 1944. Carabiniere.

Giulio Mancini, Civitella d’Agliano, 19 settembre 1922 – Gorizia, 24 giugno 1945. Carabiniere ausiliario.

Cesare Merlani, Viterbo, 21 febbraio 1909 – Gulag di San Vito di Lubiana (Borovnica), luglio 1945. Guardia di finanza.

Fabio Pulcinelli, Fabrica di Roma, 11 marzo 1923 – Spalato, settembre 1943. Guardia di pubblica sicurezza.

Vincenzo Quadracci, Vasanello, 22 maggio 1894 – Equile Lipizzano, 25 maggio 1945. Vice brigadiere di pubblica sicurezza.

Giovanni Ricci, Bassano in Teverina, 18 febbraio 1915 – Campo di concentramento di Bar (Serbia), 26 luglio 1946. Guardia di finanza.

Fabio Tamantini, Viterbo, 25 dicembre 1907 – Grobnico, 14 giugno 1945. Guardia scelta di pubblica sicurezza.

Giovanni Tiburzi, celere, 24 agosto 1916 – Fiume, maggio 1945. Vice brigadiere dei carabinieri.


Condividi la notizia:
10 febbraio, 2019

Reportage ... Gli articoli

  1. La città che non vuole la mafia scende in piazza...
  2. "Il decreto sicurezza somiglia alle leggi razziali volute dal fascismo"
  3. "Pronti a stanziare le risorse necessarie per la bonifica della discarica del Cinelli"
  4. Il Riello nel degrado
  5. "L'illegalità non può avere la precedenza, entro tre mesi avvieremo le procedure di sfratto"
  6. Al "serpentone" di Bagnaia senza luce né acqua
  7. Addio al fiume fantasma che attraversa Viterbo...
  8. Riparata la recinzione del "Colosseo", ora è severamente vietato entrare
  9. Strade colabrodo ovunque
  10. "Appena abbiamo iniziato a costruirlo, le donne lo hanno subito presidiato"
  11. "Tutti trattengono il fiato, perché tutti sanno di essere colpevoli..."
  12. "Una festa per tutelare i diritti degli animali"
  13. il ricordo della sterminio degli ebrei è cosa viva anche nella Tuscia
  14. Cani e gatti contro il bullismo
  15. "Centro di ascolto, mensa e dormitorio Caritas aperti tutto il giorno"
  16. "Tutto perfetto, operativi e in allerta 24 ore su 24"
  17. I rifiuti al Riello rischiano di invadere la strada
  18. "I Pokemon Go c'hanno fatto impazzire, i ragazzi li cercavano sui binari"
  19. Quanto tempo ci vuole per riavere casa?
  20. Il collasso del centro storico
  21. Alieu Jallow tornerà in Gambia
  22. "A Mammagialla è difficile applicare pure le punizioni"
  23. Il focarone fa risplendere Bagnaia
  24. "Rischiamo la rivolta dei detenuti o un'evasione"
  25. "Piazza della Rocca, San Faustino e la Trinità vanno recuperate e valorizzate"
  26. Al Pilastro una partita di calcio contro il razzismo...
  27. "Il cortile di San Carluccio doveva essere una casa albergo per persone in difficoltà"
  28. "Un centro studi per indagare gli aspetti meno conosciuti del lavoro di Pier Paolo"
  29. La vergogna cittadina degli affreschi distrutti in via Annio e via Saffi
  30. Ventidue milioni di turisti rinunciano alla Tuscia
  31. "E' stato un padre e un fratello, l'amico del cuore"
  32. "Hai sempre cercato di disegnare un sorriso sui nostri volti"
  33. "Befane di tutta Italia unitevi..."
  34. Pienone per la calza della befana più lunga del mondo
  35. Luminaria, suggestioni poetiche nel segno del dialogo e dell’integrazione
  36. "Civita e Bagnoregio diventeranno lo snodo turistico e viario di tutta la Tuscia"
  37. Happy New Year
  38. "Chiesa San Lazzaro: reperite le risorse per il tetto, e affidati i lavori"
  39. Chiesa di San Lazzaro, dopo tre mesi il comune non ha fatto nulla
  40. "Vivo. Vivo? Respiro! Qui è pieno de topi..."
  41. "È una città che ha poca attenzione per il suo patrimonio culturale"
  42. Lago di Vico, nessuna contaminazione dovuta all'arsenico
  43. "Consiglio a tutti di visitarla, noi abbiamo deciso di passarci il Natale"
  44. La Teverina diventerà il paese delle fiabe d'Europa
  45. "Anpi, il prefetto Bruno doveva partecipare all'inaugurazione della sede"
  46. Due quintali di solidarietà per il Campo delle rose
  47. La banda della Polizia e la Croce Rossa incantano l'Unione
  48. "Provocazione fascista contro la sede dell'Anpi"
  49. "Un'aggressione mediatica senza precedenti"
  50. Un borgo dipinto a Bagnoregio e una flotta di bus turistici per collegare tutta la Tuscia
  51. Scontri, barricate, pallottole di gomma... è la battaglia di Parigi
  52. I sogni dei bambini nelle letterine a Babbo Natale...
  53. Cinelli, il telo della discarica verrà riparato e il sito bonificato
  54. I pericoli del "Colosseo", dove i ragazzi rischiano la vita
  55. "Trasformare lo studio di Pier Paolo in casa vacanze sarebbe solo uno sfregio"
  56. La Torre di Pier Paolo Pasolini rischia di diventare una casa vacanze
  57. "Pier Paolo passò qui il suo ultimo capodanno, con Bertolucci e Taviani"
  58. L'umidità sta divorando gli affreschi di Vanni al cimitero di San Lazzaro
  59. Nel cuore del rave, tra sballo, peace e love
  60. Discarica del Cinelli, l'inchiesta di Tusciaweb finisce su Rai News
  61. "Rifiuti pericolosi a Cinelli, si intervenga al più presto"
  62. La discarica di Cinelli vista dal drone
  63. Discarica del Cinelli, dieci regioni e 29 province coinvolte
  64. Oltre 140 mila tonnellate di rifiuti pericolosi
  65. Discarica del Cinelli, una bomba ecologica che rischia di esplodere
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR