Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Montefiascone - Il sindaco Massimo Paolini sull'ex punto di primo intervento: "Va modificato il decreto ministeriale 70/2015"

“Presidio ambulatoriale territoriale h24 fino al 31 dicembre”

Condividi la notizia:

Montefiascone - Il punto di primo intervento

Montefiascone – Il punto di primo intervento

 

Montefiascone - Il sindaco Massimo Paolini

Montefiascone – Il sindaco Massimo Paolini

Montefiascone – (m.m.) – “Il presidio ambulatoriale territoriale sarà attivo h24 fino al 31 dicembre”. Il sindaco di Montefiascone Massimo Paolini spiega la decisione della Asl di rivedere il progetto di trasformazione del punto di primo intervento in presidio ambulatoriale territoriale.

Il presidio sarà attivo h24 con un medico e un infermiere fino al 31 dicembre.

“Per il momento la questione è stata soltanto tamponata – spiega Massimo Paolini – e con la delibera del direttore generale della Asl sono state accettate le richieste del comitato ristretto dei sindaci garantendo il servizio h24 fino alla fine dell’anno con un medico e un infermiere”.

Quindi per tutto il 2019 il presidio ambulatoriale territoriale di Montefiascone sarà attivo con le stesse caratteristiche di un punto di primo intervento. Ma Paolini guarda già oltre.

“Nel frattempo bisogna lavorare sulla modifica del decreto ministeriale 70/2015 – continua il sindaco di Montefiascone – perché se c’è questo atto non c’è Asl o Regione che tenga. Sono le direttive del decreto che devono essere ottemperate”. 

Il primo cittadino di Montefiascone auspica una collaborazione di tutti al fine di una rivisitazione del decreto 70/2015.

“Mi auguro – conclude Paolini – che ci sia la collaborazione di tutti al fine di far rivedere al ministero il decreto. Infatti deve essere garantita un’assistenza al territorio al di là dei semplici numeri degli accessi a una struttura”.

 

 

 


Condividi la notizia:
10 febbraio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR