Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Roma - L'appello del presidente di Confagricoltura Lazio Sergio Ricotta a seguito delle proteste degli allevatori

“Prezzo latte ovino, si convochi un tavolo di crisi regionale”

Condividi la notizia:

Montefiascone - Confagricoltura - Sergio Ricotta

Montefiascone – Confagricoltura – Sergio Ricotta

Roma – Riceviamo e pubblichiamo – La protesta del comparto del latte ovino si sta allargando a macchia d’olio.

Nulla si è fatto fino ad ora per questo sistema produttivo che contribuisce in maniera determinante alla salvaguardia del territorio rurale, dalle pianure alle zone montane.

La crisi c’è da tempo anche nella nostra regione e non è stato fatto nulla di concreto, nonostante le nostre ripetute denunce, per riorganizzare il settore, partendo proprio dalla tracciabilità del latte che darebbe finalmente certezza sulle produzioni e sulla trasparenza alla filiera.

Il Lazio è la seconda regione per latte prodotto, dopo la Sardegna e conta più di 3mila allevamenti ovini e quasi 800mila capi.

Si è instaurato un meccanismo perverso, che gli allevatori pagano in prima persona poiché il prezzo pagato non copre nemmeno i costi di produzione del latte.

Per Confagricoltura è necessario riorganizzare il settore produttivo adottando subito una strategia di sistema che dia il via, da un lato ad un piano di tracciabilità del latte ovicaprino, dall’altro che sia capace di integrarsi con la parte industriale, per permettere di rilanciare le produzioni, fissando obiettivi di quantità certa e di qualità.

Occorrono interventi urgenti per salvare l’oro bianco laziale. Chiediamo alla Regione la convocazione immediata di un tavolo di crisi per poter avviare un percorso condiviso e concreto che, con l’appoggio dell’Istituto zooprofilattico di Lazio e Toscana, che è il riferimento nazionale, oltre alla fondamentale tracciabilità, consenta di valorizzare finalmente il nostro latte e i prodotti del territorio, per salvaguardare un comparto fondamentale per l’economia, l’ambiente e il territorio regionale.

Sergio Ricotta
Presidente Confagricoltura Lazio


Condividi la notizia:
11 febbraio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR