--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Il giudice, convalidando l'arresto, ha rigettato la richiesta di patteggiamento

Pusher “funambolo” spaccia lanciando droga dal quinto piano

Condividi la notizia:

Viterbo - Il tribunale

Viterbo – Il tribunale

Viterbo – Spaccia dai domiciliari lanciando la droga dal balcone al quinto piano, arrestato pusher “funambolo”. Il giudice, convalidando l’arresto, ha rigettato la richiesta di patteggiamento. 

Si tratta di un 48enne sorpreso martedì sera in flagrante dai carabinieri del Norm della compagnia di Viterbo che lo stavano tenendo d’occhio da qualche tempo, sospettando che spacciasse dai domiciliari. L’attesa non è stata vana.

L’uomo, agli arresti in un palazzo di via Solieri, al Salamaro, un quartiere prossimo al centro storico di Viterbo, tra porta Faul e porta del Carmine, a un certo punto si è affacciato dal terrazzo del suo appartamento, situato al quinto piano, lanciando verso la strada un involucro, prontamente raccolto dal destinatario che si trovava sotto in attesa.

Quest’ultimo, fermato dai militari per un controllo, è stato trovato in possesso della sostanza stupefacente “caduta dal cielo”, una dose di cocaina, che ha permesso agli investigatori di proseguire l’operazione con la perquisizione domiciliare a casa del 48enne, dove sono state rinvenute altre dosi pronte per lo spaccio.

Il pusher già agli arresti domiciliari è quindi finito in manette con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Ieri mattina il 48enne è comparso in tribunale davanti al giudice Elisabetta Massini che, convalidando l’arresto, ha confermato gli arresti domiciliari, ma ha rigettato la richiesta di patteggiamento in continuazione avanzata dal difensore.

Il processo per direttissima, di conseguenza, proseguirà davanti a un altro magistrato, al quale la difesa potrà se crede tornare a proporre la richiesta di rito alternativo, sempre che la stessa venga accolta, altrimenti l’imputato sarà giudicato col rito ordinario che, in caso di condanna, non prevede lo sconto di un terzo della pena del patteggiamento. 


Condividi la notizia:
28 febbraio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR