Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Sutri - Quattro anni e mezzo per rapina impropria all'imputata - All'ottavo mese di gravidanza aveva appena fatto razzia di soldi e gioielli assieme a un complice minorenne

Ladra butta giù per le scale la padrona di casa, condannata

Condividi la notizia:

Viterbo - Il tribunale

Viterbo – Il tribunale

La pm Eliana Dolce

La pm Eliana Dolce

Sutri – Condannata a quattro anni e mezzo di carcere la ladra che il 10 gennaio 2017, assieme a un complice minorenne, fece rotolare per le scale la padrona di casa, lasciandola svenuta nell’ingresso e dandosi alla fuga con soldi e gioielli.

Accusata di rapina impropria, è stata condannata dal collegio presieduto dal giudice Silvia Mattei anche a una multa di 1800 euro e all’interdizione dai pubblici uffici per cinque anni. Sul banco degli imputati una nomade, per la quale la pm Eliana Dolce aveva chiesto cinque anni di reclusione e cinquemila euro di multa. 

Vittima una donna d’origine polacca, residente in un condominio di Sutri, che stava rientrando a casa per pranzo, quando, aprendo la porta dell’appartamento, si è trovata davanti due malviventi già pronti alla fuga. “Mentre salivo ho sentito che qualcuno da sotto suonava il mio campanello, ma mon ho capito che era per avvisare i ladri del mio rientro”, ha raccontato la stessa vittima durante il processo, spiegando come al portone dovesse essersi un palo. 

L’imputata, incinta all’ottavo mese di gravidanza, e il complice minorenne hanno aggredito la donna per guadagnarsi una via di fuga, l’hanno trascinata per le scale strappandole la maglietta e infine l’hanno fatta precipitare lungo l’ultima rampa, facendola infine stramazzare nell’androne d’ingresso del palazzo, dove è stata trovata svenuta dai vicini di casa i quali, allertati dalle urla e dai rumori, l’hanno trovata a terra svenuta e hanno dato l’allarme.

Per rianimare la poveretta, gli operatori del 118 hanno dovuto praticarle il massaggio cardiaco, dopo di che la donna è stata trasferita d’urgenza al pronto soccorso dell’ospedale di Belcolle per gli accertamenti e le cure del caso.

La coppia, nel frattempo, veniva immediatamente catturata dai carabinieri, grazie alla prontezza di spirito di una vicina che stava parcheggiando l’auto nel cortile quando ha visto una vettura con a bordo due persone partire a tutto gas dal piazzale del condominio. “Invece di parcheggiare li ho seguiti per un tratto, per vedere la direzione che prendevano”, ha spiegato in aula la testimone, le cui precise indicazioni hanno permesso ai militari di bloccare subito e far scattare le manette ai polsi in flagranza ai malviventi.

Il complice è stato deferito al tribunale per i minori di Roma, mentre la donna è stata condannata ieri a quattro anni e mezzo di reclusione che, presumibilmente, essendo diventata nel frattempo madre di un figlio in tenera età non sconterà. Il collegio, inoltre, ha disposto la restituzione alla vittima del denaro e dei monili che le erano stati sottratti, sequestrati fino a ieri in quanto corpo del reato. 

Silvana Cortignani

– Aggredita da una coppia di ladri, sviene e viene rianimata dal 118


Condividi la notizia:
6 febbraio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR