Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Operazione Erostrato - Il Movimento civico Viterbo 2020 replica a Giovanni Arena

“Signor sindaco non minimizzi il fenomeno mafioso…”

Condividi la notizia:

Chiara Frontini

Chiara Frontini

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Signor sindaco, nel corso dell’ultimo consiglio comunale il nostro gruppo, unitamente ad altri gruppi d’opposizione, ha tentato a lungo di sollecitare un suo intervento sui recenti fatti di mafia che interessano la città.

Dopo un percorso che per brevità e per evitare polemiche definiremmo “non lineare”, abbiamo finalmente ascoltato quello che ci premeva fosse detto: in consiglio lei ha dichiarato senza mezzi termini che non c’era niente da chiarire, che la città poteva stare tranquilla nella certezza che il sindaco non aveva nulla a che fare con i recenti fatti, che le parole delle intercettazioni telefoniche erano solo chiacchiere senza alcun fondamento.

Erano esattamente le parole che il nostro gruppo consiliare e, crediamo, l’intera città si aspettavano di ascoltare da lei.

Disgraziatamente, abbiamo anche ascoltato qualcosa che davvero non ci aspettavamo di sentir dire da un rappresentante delle istituzioni e da un primo cittadino: lei ha dichiarato, citando le parole pronunciate a fine anno dal signor procuratore, che “a Viterbo non esistono organizzazioni mafiose (…) non ci sono famiglie mafiose, ma solo piccoli delinquentelli che si fanno grandi adoperando metodi mafiosi”.

Vede, signor sindaco, il nostro gruppo consiliare lo scorso giovedì ha mantenuto la parola data, evitando di polemizzare e di rallentare l’iter dell’approvazione del Piano del commercio, ma di fronte ad affermazioni come queste crediamo che non si possa tacere.

Non si può tacere perché dichiarazioni del genere sono state il triste ritornello della nostra recente storia, quando negli anni ’60 e ’70 i politici democristiani in Sicilia irridevano con affermazioni simili chi denunciava l’intreccio di potere tra Cosa Nostra, i sindaci, gli assessori, i parlamentari, i ministri.

Non si può tacere perché è il medesimo concetto che espresse il sindaco di Agrigento, quando disse che nella sua terra non esisteva la mafia ma semmai il disagio sociale e la microcriminalità.

Non si può tacere perché sono le stesse parole dette dal prefetto di Parma di fronte all’inchiesta che ha portato alla luce gli interessi del clan dei Casalesi su quella città.

Non si può tacere perché la delegittimazione del fenomeno mafioso, nel corso della nostra storia, è sempre stato uno strumento molto potente e molto gradito alle cosche, e ha portato con sé degli effetti rovinosi.

Noi siamo convinti, signor sindaco, che la sua dichiarazione sia stata fatta a cuor leggero e con l’unico obiettivo di rassicurare la cittadinanza.

Ciononostante, riteniamo fondamentale che, nel corso del prossimo consiglio comunale, lei pronunci parole di tono ben diverso: che non minimizzi il fenomeno mafioso, che ne riconosca l’esistenza nella nostra città, che dica chiaramente che questo fenomeno, come alcune coraggiose inchieste hanno provato da tempo a raccontarci, non esiste da oggi ed è anzi radicato nel territorio, che è necessario prenderne coscienza come cittadini e come amministratori e combatterlo quotidianamente impegnando città e amministrazione in iniziative che aiutino ogni singolo viterbese a sentirsi parte, per dirla con Paolo Borsellino, di “un movimento culturale che abitui tutti a sentire la bellezza del fresco profumo della libertà che si oppone al puzzo del compromesso morale, dell’indifferenza, della contiguità e quindi della complicità.”

Gruppo consiliare Movimento Civico Viterbo Venti Venti


Giovanni Arena: “A Viterbo non ci sono organizzazioni mafiose, solo delinquentelli”


Condividi la notizia:
3 febbraio, 2019

Mafia viterbese ... Gli articoli

  1. "Sono una delle vittime della mafia viterbese", dice in aula la titolare del compro oro di via Genova
  2. "Dopo Santa Rosa, vedi i fuochi d'artificio... pam pam"
  3. "Un'associazione di stampo mafioso tutta viterbese capeggiata da Giuseppe Trovato"
  4. "Sussistono il reato associativo e il metodo mafioso"
  5. Vittima della mafia non riesce a onorare un debito, condannata
  6. La mafia e le mani sulle discoteche
  7. Riesame, misure cautelari confermate per i 13 arrestati nel blitz antimafia
  8. "Non c'è l'associazione di stampo mafioso e le intercettazioni sono inutilizzabili"
  9. “Ubertini ha la mia massima fiducia”
  10. "Non mi dimetto, in tutta questa vicenda io sono una vittima"
  11. "Si ride e si piange, gli abbiamo dato indo culo..."
  12. Mafia viterbese, cinque arrestati su 13 rinunciano al riesame
  13. Oggi secondo round al riesame, lunedì tocca al boss Giuseppe Trovato
  14. "Uniti per reagire a tutte le forme di criminalità organizzata"
  15. Mafia viterbese, primi tre "no" del tribunale del riesame
  16. "E' fondamentale opporsi chiaramente alla mafia"
  17. Trasferito in un carcere in Sardegna il boss Trovato
  18. "Confesercenti in prima linea contro la mafia"
  19. "Non ci sottometteremo mai a comportamenti mafiosi"
  20. Il parrucchiere Pecci si difende davanti al tribunale del riesame
  21. 'Ndrangheta, Forieri e Trovato cercavano l'appoggio delle cosche
  22. Mafia viterbese, gli arrestati puntano al tribunale della libertà
  23. "Il naso era tutto frantumato, speriamo muoia"
  24. Anche Coldiretti alla manifestazione per dire no alla mafia
  25. Mafia viterbese, gli arrestati venerdì davanti al tribunale del riesame
  26. Mafia viterbese - Chiuso il bar di Luigi Forieri, "luogo di ritrovo di molti sodali"
  27. Anche l'Adoc alla fiaccolata contro la mafia
  28. "Un atto mostruoso, che continuo a non accettare"
  29. "Mafia viterbese, aderiamo alla manifestazione come chiaro segnale di presa di posizione"
  30. “In comune un muro invalicabile contro la mafia”
  31. Della Rocca e Grazini furono i primi a parlare di mafia
  32. Per non sentirci soli con la mafia...
  33. "La mafia nel viterbese c’è da tempo"
  34. "L'avvocato Alabiso? Me lo devo togliere dai coglioni"
  35. "Mafie, solo con un'azione corale possono essere sconfitte"
  36. "Fiaccolata contro le mafie, saremo in prima fila"
  37. Anche Massimiliano Smeriglio alla fiaccolata contro la mafia
  38. Mafia viterbese, è corsa al tribunale del riesame
  39. "Un panorama criminale pericoloso e inquietante"
  40. "Mai ceduto a tentativi di estorsione e minacce..."
  41. "Sì alla fiaccolata contro la mafia"
  42. "Sindaco... per me non è mai spropositato dire no alla malavita"
  43. "Gravissimo sminuire il fenomeno mafioso"
  44. Mafia viterbese, sfiorato lo scontro tra due bande criminali
  45. "Tutti trattengono il fiato, perché tutti sanno di essere colpevoli..."
  46. “A Viterbo non ci sono organizzazioni mafiose, solo delinquentelli"
  47. "Mafia viterbese, il sindaco Arena riferisca subito in consiglio comunale"
  48. "Una città che si schiera contro la mafia innanzitutto combatte il degrado"
  49. "Mai dato soldi all'organizzazione e non mi sono mai sottomesso"
  50. "Vi ho cacciato fuori dai guai e voglio un bel ringraziamento"
  51. "Rischio infiltrazioni mafiose in Comune, si faccia chiarezza"
  52. "Arena e Ubertini sono traditori di merda..."
  53. "Una fiaccolata per dire no alla mafia"
  54. Mafia viterbese, si difendono il barista e la commessa
  55. "La guerra la facciamo pure a chi ha la divisa"
  56. "Una risposta incisiva alle esigenze di sicurezza dei cittadini"
  57. "Si convochi un consiglio comunale aperto per la legalità..."
  58. "Luigi Forieri si vantava di avere legami con la 'ndrangheta"
  59. "Agivano in una delirante concezione di onnipotenza"
  60. "Un consiglio comunale aperto per parlare di legalità e sicurezza"
  61. "Viterbo mai colpita da organizzazioni criminali e questo ci preoccupa"
  62. "Mosap: "Serve tutelare le vittime della banda"
  63. "Ti ammazzo, brutto figlio di troia. Infame. Ti sparo int' 'a capa"
  64. Un interrogatorio, spontanee dichiarazioni e tanti silenzi
  65. Denunciare! Denunciare! Denunciare!
  66. "Al fianco di vittime di racket e usura"
  67. "Mafia, è la prima volta a Viterbo"
  68. "Io ti sbudello, io me la prendo anche con un bambino"
  69. "Violenza e terrore, intimidazioni ed estorsioni"
  70. "Grazie alle forze dell’ordine che lavorano per garantire sicurezza"
  71. Auto bruciate, teste di maiale mozzate e buste con proiettili
  72. 13 arresti per associazione a delinquere di stampo mafioso
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR