--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Roma - Lo afferma Alberto Delitala, direttore del dipartimento Neuroscienze - L'ipotesi più plausibile del gesto rimane quella di uno scambio di persona

“Spari in strada, Manuel stabile ma non ha sensibilità agli arti inferiori”

Condividi la notizia:

Manuel Mateo Borduzzo

Manuel Mateo Borduzzo

Roma  – Le condizioni della promessa del nuoto Manuel Mateo Borduzzo sono stabili, ma il giovane non avrebbe sensibilità agli arti inferiori. Il diciannovenne era stato colpito da un proiettile davanti a un bar a Roma.

Manuel Mateo Borduzzo, l’atleta di nuoto colpito nella notte tra sabato e domenica da un proiettile davanti a un bar della capitale, rimane in prognosi riservata. 

Il diciannovenne è ricoverato all’ospedale San Camillo di Roma. La giovane promessa del nuoto è stata sottoposta a un doppio intervento per bloccare l’emorragia toracica e per l’estrazione del proiettile che si è fermato su una vertebra. 

“Il giovane presenta un buon stato di coscienza, ma al momento non ci sono segni di ripresa agli arti inferiori – afferma all’Ansa Alberto Delitala, il direttore dipartimento Neuroscienze –. Verrà eseguita una risonanza magnetica e sono in corso i potenziali evocati, che ci daranno un’indicazione sulla possibilità del midollo spinale di condurre l’impulso nervoso”.

Intanto proseguono le indagini. Gli inquirenti stanno cercando di identificare i due uomini a bordo dello scooter da cui è partito il colpo di pistola che ha ferito Manuel.

Gli investigatori stanno anche cercando di individuare i partecipanti alla rissa avvenuta poco prima in un pub a pochi metri di distanza dal punto in cui è stato ferito il ragazzo. Uno dei partecipanti sembrerebbe essere stato identificato.

Da chiarire il movente del gesto. L’ipotesi al momento più plausibile rimane quella di uno scambio di persona. A sparare al giovane potrebbe essere stato qualcuno che ha partecipato alla rissa e ha confuso il ragazzo per un altro. 


Condividi la notizia:
4 febbraio, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR