- Viterbo News – Viterbo Notizie – Tusciaweb – Tuscia News – Newspaper online Viterbo – Quotidiano on line – Italia Notizie – Roma Notizie – Milano Notizie – Tuscia web - http://www.tusciaweb.eu -

Supercar dalla Germania, Elio Marchetti pedinato dagli investigatori fino in Puglia

Condividi la notizia:
  • Tweet [1]
  • [2]
  • [3]

Elio Marchetti [4]

Elio Marchetti

Guardia di finanza e Polstrada nella concessionaria [5]

Viterbo – Operazione Déjà vu – Guardia di finanza e Polstrada nella concessionaria di via Mainella

Viterbo – Sorpreso a Foggia dalla polstrada mentre incontrava i presunti complici pugliesi, Elio Marchetti è stato identificato facilmente per una multa. Auto di grossa cilindrata importate in Italia dalla Germania col trucco per evadere il fisco, procede a ritmi serrati il processo scaturito dall’operazione Deja Vu.

E’ l’operazione sfociata, il 3 maggio 2017, nell’arresto dell’imprenditore del settore auto Elio Marchetti, 45 anni, accusato di associazione per delinquere finalizzata all’evasione fiscale sulle vetture di grossa cilindrata importate dall’estero in concorso con la dipendente Carla Corbucci e l’imprenditore pugliese Domenico Sordo, titolare dell’agenzia di pratiche auto di Foggia coinvolta nell’inchiesta. Fuori dal processo grazie al ricorso a riti alternativi altri tre indagati, tra i quali spicca il pluripregiudicato foggiano Giuseppe De Lucia, titolare di una società di autotrasporti in Puglia.

Ieri sono stati sentiti un’impiegata dell’agenzia delle entrate di Viterbo, un agente della polizia stradale di Foggia e due clienti di Marchetti, che presso il suo autosalone hanno acquistato, tra il 2015 e il 2016, due vetture di lusso, una Nissan Qashqai e una Mercedes Gla, entrambe importate dalla Germania dall’imprenditore viterbese tramite le società cartiera di Latina, secondo l’accusa per evadere l’Iva.


La trasferta in Puglia di Elio Marchetti

Interessante la deposizione del poliziotto della polstrada del capoluogo pugliese, il quale ha raccontato come, nel corso di un’indagine per falso e riciclaggio di autovetture, abbiano scoperto un collegamento tra il titolare dell’agenzia di pratiche auto Domenico Sordo, il titolare della società di trasporti Giuseppe De Lucia e due viterbesi, giunti a Foggia la mattina del 19 marzo 2015 a bordo di una Mini Cooper bianca, con doppia targa, la sua e la targa prova. 

“Erano Elio Marchetti e un suo collaboratore – ha spiegato il testimone – erano diretti all’agenzia di pratiche auto, dove li abbiamo visti entrare verso le 9,50 con dei fascicolo in mano e da dove sono usciti verso le 11. A un certo punto, come ci aspettavamo accadesse, per via di alcune telefonate intercettate di Sordo, è arrivato anche De Lucia, a bordo di una Smart”.

La coppia è stata identificata quando è risalita in macchina e ha preso oltretutto anche una multa.

“Abbiamo pedinato i due viterbesi, fermandoli per un controllo e facendo loro anche un verbale per una trasgressione al codice della strada. Con l’occasione li abbiamo anche identificati ed erano Elio Marchetti e il suo collaboratore”, ha sottolineato l’agente, venuto apposta da Foggia. 


Tra i dubbi sollevati dalle difensore Roberto Massatani, se la società tedesca fornitrice di Marchetti comprasse auto usate da privati, se questi fossero nel caso soggetti a Iva oltralpe e se sia stata acquisita la relativa documentazione presso l’agenzia delle entrate della Germania.

L’avvocato Marco Valerio Mazzatosta ha sottolineato al collegio presieduto dal giudice Silvia Mattei come una delle presunte società cartiera fino al 2013 risultasse ancora attiva.

Giuliano Migliorati, invece, ha chiesto alla dipendente delle entrate se risultassero pagamenti diretti dalla Gold Droup di Marchetti alla tedesca First Trade e se ci fossero differenze tra la presunte provviste versate alle società cartiera e i pagamenti al fornitore, domande alle quali la teste non ha potuto rispondere: “Ci ha pensato la guardia di finanza”. 

Si torna in aula il 5 marzo. 

Silvana Cortignani


Condividi la notizia:
  • Tweet [1]
  • [2]
  • [3]
  • Tweet [1]
  • [2]
  • [3]