--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Umberto Cinalli sulla sua pagina Facebook - Assieme a Legambiente ha collaborato alla stesura dei primi rapporti che denunciavano la presenza della mafia nella Tuscia

“Tutti trattengono il fiato, perché tutti sanno di essere colpevoli…”

di Daniele Camilli

Condividi la notizia:

Viterbo - Umberto Cinalli

Viterbo – Umberto Cinalli

Mafia a Viterbo - I tredici arrestati

Mafia a Viterbo – I tredici arrestati

Mafia nel Viterbese - Un'immagine di un atto intimidatorio

Mafia nel Viterbese – Un’immagine di un atto intimidatorio

Viterbo – “E’ il più grave fatto di cronaca della storia recente di Viterbo”, e il silenzio di questi giorni, silenzio da parte della politica, delle organizzazioni, delle persone, “è solo cautela, paura, attesa di capire se e quando il proprio nome potrà essere fatto, associato, sfiorato. Da una intercettazione telefonica o ambientale, da una foto scattata in strada”.

Umberto Cinalli, sulla sua pagina Facebook. 

Il riferimento è ai 13 arresti per associazione a delinquere di stampo mafioso. La scorsa settimana, a Viterbo. L’organizzazione mafiosa avrebbe voluto controllare compro oro, locali notturni e ditte di trasloco. Avrebbe voluto condizionare la politica e l’economia del territorio, secondo gli inquirenti.

“Tutti trattengono il fiato. Perché tutti sanno di essere colpevoli”, prosegue Umberto Cinalli.

Cinalli conosce bene i fenomeni mafiosi che caratterizzano il territorio. Nonostante i “no, la mafia a Viterbo non esiste”, detto fino a poco tempo fa, è andato avanti. Ha studiato, analizzato, scritto. E’ stato uno dei protagonisti del rapporto di Legambiente sulle mafie nella Tuscia. Una decina di anni fa. Prima ancora di lui, che a Viterbo c’era la mafia, l’aveva detto Giuseppe Sini. Insieme, con altri, hanno dato vita al Tavolo per la pace, che si occupa di diffondere la cultura della pace e dei diritti della persona, della solidarietà sociale, della democrazia e del dialogo tra i popoli.

Tra la fine degli anni ’80 e l’inizio dei ’90 Sini parlò di infiltrazioni mafiose, ossia l’arrivo sul territorio di Viterbo e della Tuscia della mafia siciliana tramite una serie di appalti. Nel caso invece della presunta organizzazione evidenziata dagli arresti della scorsa settimana, si parla invece di una mafia territoriale. Quella che Libera ha definito quinta mafia o mafia da contaminazione. Un metodo, che si fonda su convenienza e omertà e che trova le proprie radici direttamente sul territorio in cui si sviluppa.


Multimedia: Fotocronaca: Mafia a Viterbo – I tredici arrestati – Operazione Erostrato, gli arrestati – Scacco alla Mafia nel Viterbese – Video: Prestipino e Palma spiegano come agiva l’organizzazione mafiosa – 13 arresti per associazione a delinquere di stampo mafioso – Scacco alla Mafia nel Viterbese


“Occorre avere un minimo di capacità e di esperienza del fenomeno concussivo e ricattatorio che si trova alla base dei sistemi mafiosi – scrive Cinalli – per capire che a Viterbo probabilmente le persone coinvolte o consapevoli sono molte più di quelle arrestate. Molte più di quelle ‘presunte’ vittime”. 

“Il silenzio è solo cautela, paura, attesa di capire se e quando il proprio nome potrà essere fatto, associato, sfiorato. Da una intercettazione telefonica o ambientale, da una foto scattata in strada. Potrà essere tirato in ballo chiunque, anche gli insospettabili, anche le cariche più ‘alte’ delle amministrazioni locali. Le più alte”.

“Un piccolo favore elettorale, una raccomandazione, un consiglio, una battuta ambigua potranno essere letti alla luce di un fenomeno di grande rilevanza giudiziaria come un’ipotesi di favoreggiamento, come una desistenza colpevole, come un’incauta fiducia concessa senza giudizio”, sostiene.

Ma non è solo questo. “A Viterbo – spiega Cinalli – il sistema politico ed economico ha sempre avuto padroni e relazioni feudali, dipendenti, basate sulla convenienza reciproca (anche tra avversari) a spartire la gestione pubblica, quindi un sistema conveniente e ricattabile di relazioni”.

Un sistema clientelare. Fatto di raccomandazioni e spintarelle. “Ce penso io al tu’ fijo, nun te preoccupà”. “Te lo trovo io un lavoro”. Quante volte lo abbiamo sentito dire? Quanti figli e figlie si sono sentiti dire dai propri genitori che quello che conta è il quieto vivere. Che se vuoi trovare un lavoro ti devi prostrare al potente di turno. Che non ti devi mai ribellare, mai alzare la testa, perché non conviene. Perché potresti avere sempre bisogno di qualcosa. Oppure, “ma chi te lo fa fare?”.

“Le presunte vittime – precisa Cinalli – non lo sono in realtà, nella misura in cui si accetta il sistema per una convenienza. Il ricatto è parte dello scambio”. La paura pure. “Così lo spazio dell’incontro è comune, siamo tutti amici e nessuno pensa che ci si possa denunciare a vicenda. ‘Chiamami a casa fuori dall’orario di ufficio, ci penso io a darti una mano’…. E così facendo inizia il percorso verso la dipendenza dalla concussione implicita, il quieto conveniente vivere. Tra imprese e importanti esponenti della politica e della cultura la solidale e reciproca convenienza si gioca da sempre sul filo della legalità e sotto il filo dell’etica. Non troverete nomi di personalità indignate contro la mafia a Viterbo. Tutti spereranno con i propri avvocati (con evidenti conflitti di interesse difensori, amministratori, vittime e indagati) in una prescrizione prossima e salvifica. Tutti trattengono il fiato. Perché tutti sanno di essere colpevoli. Se non altro (i pochi) di non avere avuto il coraggio di denunciare per tempo”.

Daniele Camilli


Condividi la notizia:
1 febbraio, 2019

Mafia viterbese ... Gli articoli

  1. "Sono una delle vittime della mafia viterbese", dice in aula la titolare del compro oro di via Genova
  2. "Dopo Santa Rosa, vedi i fuochi d'artificio... pam pam"
  3. "Un'associazione di stampo mafioso tutta viterbese capeggiata da Giuseppe Trovato"
  4. "Sussistono il reato associativo e il metodo mafioso"
  5. Vittima della mafia non riesce a onorare un debito, condannata
  6. La mafia e le mani sulle discoteche
  7. Riesame, misure cautelari confermate per i 13 arrestati nel blitz antimafia
  8. "Non c'è l'associazione di stampo mafioso e le intercettazioni sono inutilizzabili"
  9. “Ubertini ha la mia massima fiducia”
  10. "Non mi dimetto, in tutta questa vicenda io sono una vittima"
  11. "Si ride e si piange, gli abbiamo dato indo culo..."
  12. Mafia viterbese, cinque arrestati su 13 rinunciano al riesame
  13. Oggi secondo round al riesame, lunedì tocca al boss Giuseppe Trovato
  14. "Uniti per reagire a tutte le forme di criminalità organizzata"
  15. Mafia viterbese, primi tre "no" del tribunale del riesame
  16. "E' fondamentale opporsi chiaramente alla mafia"
  17. Trasferito in un carcere in Sardegna il boss Trovato
  18. "Confesercenti in prima linea contro la mafia"
  19. "Non ci sottometteremo mai a comportamenti mafiosi"
  20. Il parrucchiere Pecci si difende davanti al tribunale del riesame
  21. 'Ndrangheta, Forieri e Trovato cercavano l'appoggio delle cosche
  22. Mafia viterbese, gli arrestati puntano al tribunale della libertà
  23. "Il naso era tutto frantumato, speriamo muoia"
  24. Anche Coldiretti alla manifestazione per dire no alla mafia
  25. Mafia viterbese, gli arrestati venerdì davanti al tribunale del riesame
  26. Mafia viterbese - Chiuso il bar di Luigi Forieri, "luogo di ritrovo di molti sodali"
  27. Anche l'Adoc alla fiaccolata contro la mafia
  28. "Un atto mostruoso, che continuo a non accettare"
  29. "Mafia viterbese, aderiamo alla manifestazione come chiaro segnale di presa di posizione"
  30. “In comune un muro invalicabile contro la mafia”
  31. Della Rocca e Grazini furono i primi a parlare di mafia
  32. Per non sentirci soli con la mafia...
  33. "La mafia nel viterbese c’è da tempo"
  34. "L'avvocato Alabiso? Me lo devo togliere dai coglioni"
  35. "Signor sindaco non minimizzi il fenomeno mafioso..."
  36. "Mafie, solo con un'azione corale possono essere sconfitte"
  37. "Fiaccolata contro le mafie, saremo in prima fila"
  38. Anche Massimiliano Smeriglio alla fiaccolata contro la mafia
  39. Mafia viterbese, è corsa al tribunale del riesame
  40. "Un panorama criminale pericoloso e inquietante"
  41. "Mai ceduto a tentativi di estorsione e minacce..."
  42. "Sì alla fiaccolata contro la mafia"
  43. "Sindaco... per me non è mai spropositato dire no alla malavita"
  44. "Gravissimo sminuire il fenomeno mafioso"
  45. Mafia viterbese, sfiorato lo scontro tra due bande criminali
  46. “A Viterbo non ci sono organizzazioni mafiose, solo delinquentelli"
  47. "Mafia viterbese, il sindaco Arena riferisca subito in consiglio comunale"
  48. "Una città che si schiera contro la mafia innanzitutto combatte il degrado"
  49. "Mai dato soldi all'organizzazione e non mi sono mai sottomesso"
  50. "Vi ho cacciato fuori dai guai e voglio un bel ringraziamento"
  51. "Rischio infiltrazioni mafiose in Comune, si faccia chiarezza"
  52. "Arena e Ubertini sono traditori di merda..."
  53. "Una fiaccolata per dire no alla mafia"
  54. Mafia viterbese, si difendono il barista e la commessa
  55. "La guerra la facciamo pure a chi ha la divisa"
  56. "Una risposta incisiva alle esigenze di sicurezza dei cittadini"
  57. "Si convochi un consiglio comunale aperto per la legalità..."
  58. "Luigi Forieri si vantava di avere legami con la 'ndrangheta"
  59. "Agivano in una delirante concezione di onnipotenza"
  60. "Un consiglio comunale aperto per parlare di legalità e sicurezza"
  61. "Viterbo mai colpita da organizzazioni criminali e questo ci preoccupa"
  62. "Mosap: "Serve tutelare le vittime della banda"
  63. "Ti ammazzo, brutto figlio di troia. Infame. Ti sparo int' 'a capa"
  64. Un interrogatorio, spontanee dichiarazioni e tanti silenzi
  65. Denunciare! Denunciare! Denunciare!
  66. "Al fianco di vittime di racket e usura"
  67. "Mafia, è la prima volta a Viterbo"
  68. "Io ti sbudello, io me la prendo anche con un bambino"
  69. "Violenza e terrore, intimidazioni ed estorsioni"
  70. "Grazie alle forze dell’ordine che lavorano per garantire sicurezza"
  71. Auto bruciate, teste di maiale mozzate e buste con proiettili
  72. 13 arresti per associazione a delinquere di stampo mafioso
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR