Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Comune - Il Movimento Civico Viterbo 2020 incalza l'assessore

“Ubertini doveva marciare con noi in prima fila contro la mafia”

Condividi la notizia:

Claudio Ubertini

Claudio Ubertini

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo –  Ringraziamo l’assessore Claudio Ubertini per il chiarimento, sebbene tardivo, circa la sua totale assenza sia in consiglio comunale, sia alla conferenza stampa, sia alla fiaccolata contro la mafia e prendiamo atto, con un certo stupore, di come tale scelta sia stata frutto di un consiglio del sindaco Arena.

Noi riteniamo che questo suggerimento sia stato veramente un pessimo consiglio: Ubertini avrebbe dovuto semmai ribadire il suo ruolo di vittima marciando in prima fila con noi contro i suoi persecutori e contro chi ha così vilmente attentato alla serenità sua e dei suoi cari, non far pesare la sua assenza.

Sindaco Arena, quali ragioni politiche possono mai suggerire una tale strategia? Ancorché non tutte univoche, dalle dichiarazioni stampa di oggi sembra che la palla ora spetti al sindaco, come peraltro suggerito nell’intervento di Antoniozzi in consiglio.


Articoli: Arena: “Ubertini ha la mia massima fiducia” – Ubertini: “Non mi dimetto, in tutta questa vicenda io sono una vittima”


Siamo lieti di apprendere dalle stesse parole di Ubertini, riportate a mezzo stampa, che anche l’assessore si sia messo a completa disposizione delle decisioni del primo cittadino, il quale ora però deve esprimersi. La fiducia del sindaco e della maggioranza nei confronti dell’assessore Ubertini non è di certo stata così evidente nel corso della seduta, dove solo la flebile voce del consigliere Micci ha tentato di abbozzare il proprio sostegno. Quindi, sindaco, cosa ne pensa? Che vuole fare?

La nostra richiesta di dimissioni, condivisa più o meno velatamente da altri gruppi consiliari tanto di minoranza che di maggioranza, parte da un semplice postulato. Da quanto abbiamo appreso dai mezzi di informazione che hanno riportato, a volte anche testualmente, stralci degli atti di inchiesta, Ubertini è stato descritto dagli inquirenti come poco collaborativo e che, fortemente provato dagli atti intimidatori e ben consapevole del regista degli stessi, abbia preferito sottomettersi al clan.

Al nostro gruppo consiliare pare logico concludere che chi si lascia intimidire da minacce malavitose non sia la persona più adatta ad occupare il ruolo di assessore all’Urbanistica, sicuramente ad alto rischio di intimidazioni e minacce mafiose, soprattutto in un momento in cui si andranno a gestire i 17 milioni delle periferie. Chi si lascia spaventare da intimidazioni al punto di sottomettersi ha diritto alla nostra umana solidarietà ma perde il requisito fondamentale per gestire con serenità appalti e fondi pubblici.

Ferma restando la sua posizione di vittima, questa non ci esime, come prima forza politica della città, dal fare considerazioni di opportunità politica circa il ruolo da lui rivestito.

Per questo motivo ribadiamo al sindaco Arena la nostra richiesta di prendere in considerazione la possibilità di chiedere all’assessore se non sussistano i presupposti per farsi da parte, finché la conclusione di questa terribile vicenda non faccia ritrovare all’assessore la sua tranquillità e serenità.

Gruppo Consiliare Movimento Civico Viterbo 2020

 


Condividi la notizia:
18 febbraio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR