Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Operazione Erostrato - Parla Rinaldo Della Rocca, finito nel mirino della mafia viterbese - L'imprenditore: "Mi hanno incendiato 12 auto per il ruolo che avevo nel Silb, che hanno frainteso..."

“Un atto mostruoso, che continuo a non accettare”

Condividi la notizia:

Rinaldo Della Rocca

Rinaldo Della Rocca

Maxi rogo al Poggino - Le auto incendiate

Maxi rogo al Poggino – Le auto incendiate

Maxi rogo al Poggino - Le auto incendiate

Maxi rogo al Poggino – Le auto incendiate

Viterbo – “Parlai di intimidazione. Di un’intimidazione chiara e netta. E oggi, stando a quanto ricostruito dai carabinieri, posso dire di aver avuto ragione”. Rinaldo Della Rocca ribadisce quanto denunciato all’Arma di Viterbo il giorno dopo l’incendio che ha distrutto 12 auto della sua rivendita, in località Poggino. “Un evidente atto ritorsivo” per i militari che hanno lavorato all’inchiesta antimafia Erostrato, che hanno ricondotto l’episodio all’organizzazione criminale capeggiata da Giuseppe Trovato e Ismail Rebeshi.

“Un episodio di cui non riesco a capacitarmi – dice Della Rocca a Tusciaweb -, che non riesco ad accettare. Perché aver visto la propria attività andare completamente a fuoco è stato davvero inaccettabile. Mi auguro che sia finita qui, perché da queste persone c’è da aspettarsi di tutto”.

Della Rocca, oltre a gestire la D. Auto e a essere impegnato politicamente, fino a settembre dello scorso anno era membro del direttivo provinciale del Sindacato italiano locali da ballo\Federazione italiana pubblici esercizi. “Ero delegato al rapporto con le istituzioni”, spiega. Della Rocca prima e gli inquirenti poi ricollegano l’incendio delle auto proprio al ruolo che l’imprenditore ricopriva all’interno del Silb. Il Silb, tra le altre cose, partecipa alle commissioni di vigilanza e di sicurezza costituite dal comune di Viterbo per rilasciare le autorizzazioni per i locali da ballo. Autorizzazioni che più di una volta sarebbero state negate, dalla commissione comunale, al Range Club di Ismail Rebeshi.

“Il Silb – sottolinea Della Rocca – tutela tutte le discoteche che rispettano le regole e le normative. Ma nelle commissioni di vigilanza e di sicurezza si limita a dare il proprio parere. Non ha poteri decisionali né il diritto di voto. E non ha mai creato ostacoli al Range Club. Come non ne ho mai creati io, che nel sindacato ho sempre avuto un ruolo marginale. Per di più, quando è stata negata la licenza al Range Club non ero neppure in commissione. E poi sono stati i vigili del fuoco a negarla, dopo aver fatto un sopralluogo nella discoteca”.

Della Rocca parla di “fraintendimento”. “Gli autori dell’incendio delle mie auto – dice – hanno frainteso le mie possibilità decisionali, come membro del Silb, all’interno della commissione comunale. Possibilità decisionali che erano nulle. Ma i miei sospetti sono ricaduti solo ed esclusivamente su questo episodio perché non ce ne sono stati altri a cui ho potuto ricondurre l’incendio. È un anno che ci ragiono ma resto convinto della mia idea: il movente dell’intimidazione, perché di intimidazione si è trattata, un’intimidazione chiara e netta, è stato il mio ruolo, frainteso, come membro del Silb all’interno della commissione comunale”.

A tredici mesi dall’incendio, Della Rocca ancora non riesce a farsene una ragione. “È stato un atto mostruoso, che mi ha causato un danno grosso e reale – evidenzia -. Un atto di cui non riesco a capacitarmi. Il mancato rilascio di un’autorizzazione, in cui non c’entravo nulla, come ha potuto scatenare un’ira così funesta?”.

Escluso il movente imprenditoriale. “Con quei signori (Della Rocca si riferisce a Trovato e Rebeshi, ndr) non ho mai avuto rapporti commerciali o di affari, e nella mia attività non sono mai entrati. So che uno dei due (Rebeshi, ndr) vendeva auto, ma le portava soprattutto all’estero. Quindi non c’era neppure una concorrenza diretta. Il mio autosalone è piccolino, non ho una mega concessionaria che può dar fastidio. E in quarant’anni che faccio questo lavoro non ho mai avuto problemi”.


Della Rocca e Grazini furono i primi a parlare di mafia


Divorate dalle fiamme 12 auto nel piazzale di una concessionaria – “Ricominceremo più forti e con un sorriso…” – “Non mi avete indebolito, anzi rafforzato” – “La professionalità dei pompieri ha evitato conseguenze più gravi” – “Avvertimenti, intimidazioni, cosa sta succedendo a Viterbo?” – Rogo al Poggino, dissequestrate vetture divorate dalle fiamme


Condividi la notizia:
5 febbraio, 2019

Mafia viterbese ... Gli articoli

  1. "Dopo Santa Rosa, vedi i fuochi d'artificio... pam pam"
  2. "Un'associazione di stampo mafioso tutta viterbese capeggiata da Giuseppe Trovato"
  3. "Sussistono il reato associativo e il metodo mafioso"
  4. La mafia e le mani sulle discoteche
  5. Riesame, misure cautelari confermate per i 13 arrestati nel blitz antimafia
  6. "Non c'è l'associazione di stampo mafioso e le intercettazioni sono inutilizzabili"
  7. “Ubertini ha la mia massima fiducia”
  8. "Non mi dimetto, in tutta questa vicenda io sono una vittima"
  9. "Si ride e si piange, gli abbiamo dato indo culo..."
  10. Mafia viterbese, cinque arrestati su 13 rinunciano al riesame
  11. Oggi secondo round al riesame, lunedì tocca al boss Giuseppe Trovato
  12. "Uniti per reagire a tutte le forme di criminalità organizzata"
  13. Mafia viterbese, primi tre "no" del tribunale del riesame
  14. "E' fondamentale opporsi chiaramente alla mafia"
  15. Trasferito in un carcere in Sardegna il boss Trovato
  16. "Confesercenti in prima linea contro la mafia"
  17. "Non ci sottometteremo mai a comportamenti mafiosi"
  18. Il parrucchiere Pecci si difende davanti al tribunale del riesame
  19. 'Ndrangheta, Forieri e Trovato cercavano l'appoggio delle cosche
  20. Mafia viterbese, gli arrestati puntano al tribunale della libertà
  21. "Il naso era tutto frantumato, speriamo muoia"
  22. Anche Coldiretti alla manifestazione per dire no alla mafia
  23. Mafia viterbese, gli arrestati venerdì davanti al tribunale del riesame
  24. Mafia viterbese - Chiuso il bar di Luigi Forieri, "luogo di ritrovo di molti sodali"
  25. Anche l'Adoc alla fiaccolata contro la mafia
  26. "Mafia viterbese, aderiamo alla manifestazione come chiaro segnale di presa di posizione"
  27. “In comune un muro invalicabile contro la mafia”
  28. Della Rocca e Grazini furono i primi a parlare di mafia
  29. Per non sentirci soli con la mafia...
  30. "La mafia nel viterbese c’è da tempo"
  31. "L'avvocato Alabiso? Me lo devo togliere dai coglioni"
  32. "Signor sindaco non minimizzi il fenomeno mafioso..."
  33. "Mafie, solo con un'azione corale possono essere sconfitte"
  34. "Fiaccolata contro le mafie, saremo in prima fila"
  35. Anche Massimiliano Smeriglio alla fiaccolata contro la mafia
  36. Mafia viterbese, è corsa al tribunale del riesame
  37. "Un panorama criminale pericoloso e inquietante"
  38. "Mai ceduto a tentativi di estorsione e minacce..."
  39. "Sì alla fiaccolata contro la mafia"
  40. "Sindaco... per me non è mai spropositato dire no alla malavita"
  41. "Gravissimo sminuire il fenomeno mafioso"
  42. Mafia viterbese, sfiorato lo scontro tra due bande criminali
  43. "Tutti trattengono il fiato, perché tutti sanno di essere colpevoli..."
  44. “A Viterbo non ci sono organizzazioni mafiose, solo delinquentelli"
  45. "Mafia viterbese, il sindaco Arena riferisca subito in consiglio comunale"
  46. "Una città che si schiera contro la mafia innanzitutto combatte il degrado"
  47. "Mai dato soldi all'organizzazione e non mi sono mai sottomesso"
  48. "Vi ho cacciato fuori dai guai e voglio un bel ringraziamento"
  49. "Rischio infiltrazioni mafiose in Comune, si faccia chiarezza"
  50. "Arena e Ubertini sono traditori di merda..."
  51. "Una fiaccolata per dire no alla mafia"
  52. Mafia viterbese, si difendono il barista e la commessa
  53. "La guerra la facciamo pure a chi ha la divisa"
  54. "Una risposta incisiva alle esigenze di sicurezza dei cittadini"
  55. "Si convochi un consiglio comunale aperto per la legalità..."
  56. "Luigi Forieri si vantava di avere legami con la 'ndrangheta"
  57. "Agivano in una delirante concezione di onnipotenza"
  58. "Un consiglio comunale aperto per parlare di legalità e sicurezza"
  59. "Viterbo mai colpita da organizzazioni criminali e questo ci preoccupa"
  60. "Mosap: "Serve tutelare le vittime della banda"
  61. "Ti ammazzo, brutto figlio di troia. Infame. Ti sparo int' 'a capa"
  62. Un interrogatorio, spontanee dichiarazioni e tanti silenzi
  63. Denunciare! Denunciare! Denunciare!
  64. "Al fianco di vittime di racket e usura"
  65. "Mafia, è la prima volta a Viterbo"
  66. "Io ti sbudello, io me la prendo anche con un bambino"
  67. "Violenza e terrore, intimidazioni ed estorsioni"
  68. "Grazie alle forze dell’ordine che lavorano per garantire sicurezza"
  69. Auto bruciate, teste di maiale mozzate e buste con proiettili
  70. 13 arresti per associazione a delinquere di stampo mafioso
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR