Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Roma - Lo studio si basa sui dati Meteoexpert - Novantasette i roghi divampati dall'inizio dell'anno - Secca anche del Po

Analisi Coldiretti: deficit precipitazioni e pericolo incendi

Condividi la notizia:

Siccità

Siccità

Roma – Siccità come se fossimo ad agosto. A segnalarlo è un’analisi di Coldiretti sulla base dei dati Meteoexpert.

 “L’Italia è a secco dopo che il trimestre invernale 2019 ha fatto registrare un deficit pluviometrico nazionale pari a -30%, che equivale a circa 15 miliardi di metri cubi in meno di acqua rispetto alla media stagionale”. Questo è quanto emerge da un’analisi della Coldiretti sulla base dei dati Meteoexpert.

Risulta evidente che “la situazione peggiore è al nord dove le precipitazioni sono praticamente dimezzate”.

In particolare “l’area maggiormente penalizzata dalla mancanza di acqua è il nord-ovest dove più evidente è stata anche l’anomalia termica stagionale con temperature superiori di 1,2 gradi la media”.

“Il bilancio alla fine del primo trimestre dell’anno – sottolinea la Coldiretti – è grave come quella del 2017, uno degli anni peggiori del secolo, che ha creato difficoltà anche per gli usi civili nei centri urbani ed è costata 2 miliardi di euro in danni all’agricoltura a causa della siccità che ha tagliato i raccolti delle principali produzioni, dagli ortaggi alla frutta fino al mais, ma anche ai vigneti e al fieno per l’alimentazione del bestiame per la produzione di latte”.

Situazione critica in particolare per fiumi e laghi. “L’anomalia climatica di quest’anno – specifica la Coldiretti – ha compromesso le riserve nel terreno, lasciato senza neve le montagne ed a secco invasi, fiumi e laghi”.

A farne le spese “il Po che è già a 3,12 metri sotto lo zero idrometrico al ponte della Becca a Pavia” e  “il lago di Como che ha un riempimento di appena il 7,6% con un livello di -27,7 centimetri vicino al record negativo storico registrato nel 1958”, mentre “il Maggiore è riempito solo per meno di un terzo (29,5%) del suo potenziale con un livello di appena 8,7 centimetri”. 

Una situazione che favorisce anche gli incendi come sottolineato dall’analisi di Coldiretti su dati Effis. Secondo lo studio “in Italia è divampato più di un incendio al giorno con ben 97 incendi dall’inizio dell’anno con 2576 ettari bruciati contro gli appena 4 roghi dello stesso periodo del 2018 e 26 ettari devastati”. 


Condividi la notizia:
31 marzo, 2019

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR