Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Appello in extremis di Alvaro Ricci (Pd): "È il consiglio comunale che programma e investe" - Minoranza pronta a inviare tutto a Corte dei conti e Anac

“Appalto ponte rifiuti, giunta e sindaco ritirino gli atti”

Condividi la notizia:

Alvaro Ricci

Alvaro Ricci

Viterbo – (g.f.) – “Rifiuti, sindaco e giunta ritirino gli atti. È il consiglio comunale l’unico organo chiamato ad approvare le linee d’indirizzo”. L’opposizione non abbassa la guardia e Alvaro Ricci anticipa le intenzioni per la seduta di oggi.

Sull’appalto ponte non indietreggiano. Già ampiamente contestato, nel metodo e nel merito. Pronti a spedire tutto a corte dei conti e Anac. Ma non è questo il punto. Prevenire è meglio che curare.

“Ritirassero la determina a contrarre – continua Ricci – e la delibera sull’appalto ponte”. Quello della durata di un anno, in attesa del definitivo, valore undici milioni di euro, costerà qualcosa come 500mila euro per vari adempimenti.

“Sono ancora in tempo a farlo – precisa Ricci – è il consiglio comunale a dettare le regole di programmazione e investimento, non è un passacarte. Tanto, la proroga a Viterbo Ambiente c’è già”. Per altri quattro mesi e comunque fino all’assegnazione dell’appalto che l’opposizione chiede di ritirare e rivedere.

Pure sulla proroga concessa, ci sarebbe da discutere. “C’erano tutti i tempi per evitarla. Le linee guida le aveva lasciate l’amministrazione Michelini e se intendevano modificarle, sarebbe stata sufficiente una seduta di consiglio.

Ne sono state fatte due, tutte chieste dall’opposizione, senza risultati. E dire che da parte nostra c’è stata massima disponibilità, anche a rivedere le linee. Pure io, che stavo dall’altra parte quando sono state varate”.

Nel frattempo sono passati mesi. “Forse avrà inciso la crisi nel rinvio, noi restiamo fortemente perplessi.

Ma quello che voglio dire è che il punto non è portare tutti i documenti agli organi competenti. Il punto su cui invito la maggioranza a riflettere è che ci sono i tempi e i modi per fermare l’appalto. Nel rispetto delle regole e nell’interesse della città.

Questo chiediamo. Uno scatto d’orgoglio da parte del consiglio comunale. Come ieri in commissione, quando non sono state rispettate le regole e maggioranza e opposizione insieme hanno deciso di rinviare il provvedimento.

Poi, chi ha dovere di controllare, valuterà. Non c’è accanimento da parte nostra. Chiediamo solo che tutto si svolga nel rispetto delle norme e delle prerogative di ognuno. Niente più e niente meno”.


Articoli: “Appalto ponte rifiuti, porteremo gli atti in procura e corte dei conti” – “L’appalto ponte costerà 500mila euro che pagheranno i cittadini” – “Appalto dei rifiuti prorogato senza coperture economiche” – Rifiuti, appalto ponte da 10 milioni e mezzo – Arena: “Appalto ponte per i rifiuti, la delibera è perfetta”


Condividi la notizia:
28 marzo, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR