Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Comune - Opposizione all'attacco su teatro, museo civico, via Francigena, tassa di soggiorno - Chiesta convocazione della quarta commissione

“Bar dell’Unione chiuso da una vita, il comune che fa?”

Condividi la notizia:

Viterbo - Teatro Unione

Viterbo – Teatro Unione

Viterbo – (g.f.) – Teatro Unione, il bar che fine ha fatto? La ristrutturazione sembra diventata, non a caso, una chiacchiera da bar e i consiglieri d’opposizione ne vogliono sapere di più.

Per questo, hanno chiesto la convocazione della quarta commissione. E discutere di molto altro.

Non c’è solo il bar. All’Unione, anche la sala scenografia e le strutture adiacenti attendono interventi. Per non parlare della mostra di Sebastiano del Piombo, prevista nei locali attualmente in ristrutturazione sotto i portici di palazzo dei Priori. “Quali sono i progetti di recupero – chiede l’opposizione – per il percorso espositivo e qual’è la pianificazione per il rilancio del Museo Civico, una volta portate via le due opere?”.

Sul fronte turismo e cultura, nulla sembra muoversi, visti i dubbi, parecchi, da parte della minoranza. Sulla via Francigena: “Chiediamo se sono stati immaginati o posti in essere piani per la mappatura e la segnaletica. L’amministrazione intende utilizzare il percorso come volano turistico e in che modo?”. A saperlo.

Nulla, pure sulla strategia di comunicazione e promozione turistica o sull’impiego dell’imposta di soggiorno o se, tornando all’Unione, il comune, per l’allestimento del cartellone intenda proseguire con Atcl o, invece, studiare alternative che consentano di partecipare direttamente all’assegnazione di fondi.

E poi, i locali della ex farmacia a via Ascenzi. L’assessore al Patrimonio Paolo Barbieri pensava di metterci i faldoni ricevuti in eredità da Esattorie. Una memoria storica utile in caso di contestazioni.

La minoranza ha un’idea diversa. “Si chiede l’assegnazione dei locali per finalità culturali, come uno spazio d’aggregazione culturale polivalente”.

Barelli, Antoniozzi, Frontini, Chiatti, Notaristefano, Serra, Frittelli, Delle Monache, Ciambella, Ricci, Minchella ed Erbetti attendono con ansia risposte. In commissione.


Condividi la notizia:
14 marzo, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR