- Viterbo News – Viterbo Notizie – Tusciaweb – Tuscia News – Newspaper online Viterbo – Quotidiano on line – Italia Notizie – Roma Notizie – Milano Notizie – Tuscia web - http://www.tusciaweb.eu -

“Basta ingerenze dei parlamentari, o si pensa ai cittadini o si torna alle urne”

Condividi la notizia:
  • Tweet [1]
  • [2]
  • [3]

Fabrizio Purchiaroni [4]

Fabrizio Purchiaroni

Viterbo – “Basta con la spartizione delle poltrone col manuale Cencelli. Basta ingerenze di deputati e senatori in Comune. Basta con la conta dei consiglieri necessari a mantenere in piedi la maggioranza. Basta!”.

L’elenco dei “basta” che mette in fila Fabrizio Purchiaroni è lungo. Molto lungo. E non guarda in faccia a nessuno. Men che meno al sindaco, espressione del suo stesso partito: Forza Italia.

“Intanto partiamo da una cosa che dovrebbe essere a dir poco elementare – chiarisce subito Purchiaroni -. L’impegno prioritario e principale di un sindaco è quello di partecipare al consiglio comunale e di lavorare per i cittadini. Tutto il resto dovrebbe venire dopo. Le visite dei ministri, le occasioni di rappresentanza, vengono dopo”.

L’allusione è fin troppo facile da capire. Giovedì mattina il sindaco Giovanni Arena sarà impegnato in mattinata a ricevere la ministra della Difesa Elisabetta Trenta. Ma nel pomeriggio, alle 15,30, c’è in calendario il consiglio comunale straordinario sulla crisi di palazzo dei Priori.

Arena, per ora, ha dichiarato che non assicura la sua presenza [5] in consiglio. “Io spero che verrà – dice Purchiaroni fiducioso -, me lo auguro davvero”.

Altrimenti? “Altrimenti non sarebbe certo una bella cosa – spiega -. La città ha bisogno di rispetto e di risposte. Non di crisi di palazzo che si trascinano per settimane. E non hanno bisogno nemmeno, i cittadini, che Arena pensi al bilancio facendo la conta dei consiglieri di maggioranza e minoranza per capire se passerebbe o meno. La gente ha bisogno di idee, proposte, progetti. E così anche noi consiglieri comunali che siamo chiamati a votarlo, il bilancio. I contenuti sono importanti, non il fatto che passi o no. Già farlo slittare alla seconda convocazione sarebbe un insuccesso…”.

Intanto però la crisi c’è e la soluzione non accenna ad arrivare. “Io non ho ancora capito questa crisi da cosa è dipesa – dice Fabrizio Purchiaroni -. O meglio, purtroppo penso di averlo capito bene, ma non mi capacito del motivo per cui si dia tutto questo peso alla richiesta di qualche senatore o deputato. Gli elettori li hanno votati per esprimersi in Parlamento, non al Comune di Viterbo. Perché, dunque, togliere le deleghe a un’assessora su richiesta di uno di loro? Io queste le chiamo ingerenze”.

Ingerenze, per altro, che secondo Purchiaroni sono anche “squilibrate”. “Non solo si è dato retta a un senatore per cose che non lo riguardano – affonda Purchiaroni -, ma mi pare anche che tutte le scelte conseguenti hanno favorito sempre e solo un partito. Quel partito. Perché alla fine chi non ha più rappresentanza in giunta è Fratelli d’Italia, mica la Lega”.

Alla luce di tutto questo, Purchiaroni chiede al sindaco trasparenza. “E’ dall’inizio della consiliatura che mandiamo giù bocconi amari – conclude -. Ora è arrivato il momento di essere chiari. Arena è stato eletto grazie ai voti di una coalizione. Ai cittadini non interessa la spartizione delle poltrone col manuale Cencelli, ma è giusto che tutti i partiti che hanno portato voti vengano rappresentati. Se non ci si riesce, che si torni a votare”.

Francesca Buzzi

 


Condividi la notizia:
  • Tweet [1]
  • [2]
  • [3]
  • Tweet [1]
  • [2]
  • [3]