Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Roma - Bus sequestrato - Il ministro della Giustizia interviene a radio Capital - Il Guardasigilli aggiunge: "il Pd poteva approvare la legge nella scorsa legislatura"

Bonafede su cittadinanza a Rami: “Bisogna dargliela, ius soli non c’entra”

Condividi la notizia:

Alfonso Bonafede

Alfonso Bonafede

Roma – “La cittadinanza a Rami? Bisogna dargliela, ius soli non c’entra”. Il ministro della giustizia Alfonso Bonafede interviene così sulla possibilità di dare la cittadinanza a Rami, lo studente di origine egiziane che durante il dirottamento dello scuolabus, dello scorso 20 marzo, è riuscito ad avvertire i soccorsi mettendo così in salvo la scolaresca. 

Il ministro, a Circo Massimo su Radio Capital, ha poi aggiunto: “Credo si debba riconoscere un merito e dare un riconoscimento importante a un bambino che è stato capace di essere forte e di evitare una tragedia. Bisogna dare la cittadinanza a Rami”. 

Una posizione in contrasto con quanto detto in questi giorni dal ministro dell’Interno e vicepremier Matteo Salvini. Ieri Salvini aveva specificato che “a oggi purtroppo non ci sono gli elementi per concedere la cittadinanza al ragazzo”, facendo probabilmente riferimento a presunti precedenti penali nella sua famiglia.

“Rispetto il ruolo e le competenze di ogni ministero – ha continuato Bonafede su radio Capital – il ministro dell’Interno fa le sue valutazioni ma questa spinta di emozione positiva la dobbiamo avere. Come si è compatti nel piangere e affrontare una tragedia, c’è un momento in cui si deve essere compatti nel gioire per una tragedia evitata e dare un riconoscimento a un ragazzino”.

Quanto allo ius soli, Bonafede ha chiarito che “non ha nulla a che fare con questa vicenda e non è nel contratto di governo: M5s ha più volte ribadito che va discusso nell’agenda europea. Mi fa sorridere chi parla dello ius soli e quando era al governo non ha approvato la legge”.

Il ministro ha poi concluso che “il Pd poteva approvare la legge nella scorsa legislatura”.

 


Condividi la notizia:
26 marzo, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR