--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Civita Castellana - Deve rispondere di resistenza, minacce e lesioni a pubblico ufficiale - In attesa del processo è stato rimesso in libertà

Bottigliate ai carabinieri durante il corso mascherato, convalidato l’arresto

Condividi la notizia:

Viterbo - Il tribunale

Viterbo – Il tribunale

Civita Castellana – Aggredisce i carabinieri con una bottiglia di vetro durante la sfilata dei carri di Carnevale di martedì grasso, bloccato la sera del 5 marzo è stato rimesso in libertà senza alcuna misura dopo la convalida dell’arresto.

E’ il 25enne che ha dato in escandescenze durante l’ultima giornata del Carnevale di Civita Castellana, finendo in manette per resistenza, minacce e lesioni a pubblico ufficiale.

Ieri è comparso davanti al giudice Roberto Colonnello che, dopo la convalida dell’arresto, ha rilasciato il giovane, concedendo al suo avvocato i termini a difesa e rinviando al 9 aprile il processo per direttissima.

In quella data il ragazzo potrà chiedere il ricorso a riti alternativi, come il patteggiamento e l’abbreviato, che prevedono lo sconto di un terzo della pena, oppure di essere processato col rito ordinario. 

Nei guai si è messo contravvenendo alle disposizioni di pubblica sicurezza che in occasione della sfilata dei carri del 5 marzo prevedevano il divieto delle bottiglie di vetro.

Quando gli si sono avvicinati i carabinieri della stazione di Orte, che erano in servizio di ordine pubblico, per fargli la contestazione, il 25enne avrebbe reagito brutalmente, aggredendo e minacciando i carabinieri, recuperano la bottiglia che gli era stata fatta posare e provando a colpirli, riuscendo infine a sferrare una bottigliata a uno dei militari che lo stavano bloccando, mentre cercava di darsi alla fuga. 

Un brutto episodio di violenza che per l’aggressore si è concluso in caserma, dove è stato identificato per poi essere riaccompagnato a casa, dove ha trascorso due notti agli arresti domiciliari in attesa di comparire davanti al giudice. 

In tribunale dovrà tornare fra un mese, il 9 aprile, per essere processato per direttissima. 

 


Condividi la notizia:
8 marzo, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR