Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Ricci (Pd) ed Erbetti (M5s) attaccano l'amministrazione: "Sconcertante, in 9 mesi procedura rifatta 3 volte, per una spesa da 11mila euro"

“Bullicame, comune incapace pure di sostituire i vetri rotti”

Condividi la notizia:

Massimo Erbetti (M5s)

Massimo Erbetti (M5s)

Alvaro Ricci

Alvaro Ricci

Viterbo – (g.f.) – Bullicame e la sostituzione dei vetri rotti da vandali. In nove mesi pubblicate tre procedure, due sono state revocate e una aggiudicata. Era il 19 ottobre 2018. Ma a oggi è tutto fermo, il parco chiuso e i vetri ancora rotti.

Sono passati nove mesi e la parte peggiore è che non siamo su Scherzi a parte, ma è quello che si sono trovati di fronte, Alvaro Ricci (Pd) e Massimo Erbetti (M5s), dopo l’accesso agli atti, per capire come mai l’amministrazione non riesca nemmeno a riparare un danno da poche migliaia di euro.

I due l’avevano anticipato in seconda commissione, e l’hanno fatto. “Quello che abbiamo letto – affermano Ricci ed Erbetti – è a dir poco sconcertante. Gi atti vandalici risalgono al 23 giugno 2018, 6 giorni dopo i primi sopralluoghi e un mese dopo, il 25 luglio, la prima procedura di gara per acquistare i nuovi cristalli. Ma lo stesso giorno la revocano”.

Il comune ritenta. Sarà più fortunato? Manco per idea. “La seconda procedura è del 26 luglio, ma il 22 agosto revocano pure questa”. Tuttavia, a palazzo dei Priori non si arrendono. Il 10 settembre ne pubblicano una terza. Del resto, non c’è due senza tre.

“C’è voluto un mese per l’affidamento – continuano Ricci ed Erbetti – e il 19 ottobre aggiudicano l’intervento per 10mila e 700 euro. Ma a tutt’oggi non c’è traccia della consegna lavori. Ecco di cosa sono capaci quest’amministrazione e la ex assessora al ramo. Disarmante”.

I conti, ai due consiglieri d’opposizione non tornano.

“L’assessora Nunzi aveva dichiarato che per il Termalismo non aveva trovato un centesimo e in variazione di bilancio ha fatto istituire un apposito capitolo con 40mila euro, derivanti dall’amministrazione Michelini”.

Il settore avrebbe bisogno di ben altre cifre. Eppure, da quelle parti non sono riusciti a spendere nemmeno pochi spiccioli. “Tredicimila euro sono andati alla sistemazione dei vetri, seppure non ancora effettuata. I rimanenti, 27mila, sono andati persi. Non utilizzati.

L’ex assessora Nunzi – sottolinea Ricci – si lamentava tanto di non avere risorse e poi non riesce a investire nemmeno quelle disponibili. Non che di cose da fare non ce ne fossero”. Del resto, pure quelli investiti, di soldi, al momento non hanno fruttato.

“Sconcertante che da giugno dello scorso anno, siamo a marzo e ancora il Bullicame sia in quelle condizioni. Tre procedure avviate e ancora senza esito. È dovuto intervenire pure il prefetto, per ben due volte. Ragioni di sicurezza”.

Se non si riescono a sostituire vetri rotti, figurarsi il resto. “Per un intervento da 11mila euro – concludono Ricci ed Erbetti – è passato invano tutto questo tempo. Immaginiamo cosa succederà con il rilancio delle ex Terme Inps. Il bando di gara è stato predisposto dalla precedente amministrazione, finanziato dalla regione Lazio.

I lavori dell’advisor, che deve individuare il progetto per far decollare la struttura, sono stati consegnati, però non abbiamo conoscenza. Questo è il grande lavoro dell’amministrazione in un settore così importante, in nove mesi”.


Condividi la notizia:
7 marzo, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR