Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cronaca - La sede sarà attiva dal prossimo 1 settembre

Il centro per l’istruzione degli adulti anche a Civita Castellana

Condividi la notizia:

Civita Castellana - La fontana a piazza Giacomo Matteotti

Civita Castellana – La fontana a piazza Giacomo Matteotti

Civita Castellana – Riceviamo e pubblichiamo – Dal prossimo 1 settembre il centro provinciale per l’istruzione degli adulti (Cpia) “Giuseppe Foti”, diretto dalla professoressa Francesca Sciamanna, per effetto del dimensionamento regionale 2019/2020, acquisirà anche una nuova sede a Civita Castellana, estendendo quindi all’area sud della provincia di Viterbo la possibilità di accesso ai percorsi ordinamentali di primo livello aperti alla cittadinanza adulta validi per: la certificazione del diploma del primo grado di istruzione (ex licenza media), la certificazione delle competenze al termine del primo biennio della scuola superiore, il riconoscimento delle competenze nella lingua Italiana per stranieri ai fini del permesso di soggiorno.

Dallo scorso anno scolastico il territorio di Civita Castellana dispone inoltre di un percorso “serale” per l’istruzione degli adulti presso la scuola superiore di secondo grado “Colasanti”, diretta dal professor Massimo Giuseppe Bonelli.

Si tratta di una notevole opportunità acquisita nel territorio provinciale per la cittadinanza che abbia necessità del riconoscimento di regolari attestazioni e titoli di studio con valore legale, che si possono ottenere con iscrizione e frequenza completamente gratuite, trattandosi di scuola di stato.

L’amministrazione comunale di Civita Castellana, in collaborazione con il Cpia “Giuseppe Foti”, ha organizzato per giovedi 28 marzo prossimo, presso la sala consiliare di Civita Castellana alle 16, una conferenza aperta alla cittadinanza per illustrare le nuove possibilità per l’istruzione degli adulti che si aprono su questo territorio dal prossimo anno scolastico. La partecipazione è aperta a tutti gli interessati.

Il Cpia “Giuseppe Foti” Viterbo/Roma del Lazio è una realtà istituzionale ormai da quattro anni; ha una strutturazione interprovinciale ed è articolato in una sede amministrativa sita a Viterbo in piazza M. Fani (via Saffi), di fronte a palazzo Gentili, e quattro sedi associate/punti di erogazione delle attività didattiche istituiti presso le seguenti scuole: a Viterbo presso la sede dell’I.T.E. “P. Savi” con entrata su via Lorenzo da Viterbo, a Civitavecchia presso l’I.C. “Flavioni” di via Barbaranelli, a Ladispoli presso l’I.S.S. “Di Vittorio” di via De Begnac e a Fiumicino presso l’I.C. “Porto Romano” di via Bignami.

Il Cpia ha inoltre il coordinamento, in accordo di rete previsto dalla normativa vigente, delle seguenti scuole del secondo grado con percorsi di istruzione degli adulti ad indirizzo tecnico, professionale e artistico, distribuite sul territorio interprovinciale di competenza, con l’obiettivo di abbassare l’elevato grado di dispersione scolastica esistente nel nostro paese: a Viterbo l’ITE P. Savi e l’ITIS L. da Vinci, a Tarquinia l’IIS Cardarelli, a Civita Castellana l’I.I.S. “Colasanti”, a Civitavecchia l’IIS “Calamatta” e l’Alberghiero “Stendhal”, a Bracciano l’IIS “Paciolo”, a Fiumicino l’IIS “Baffi” e a Ladispoli l’’I.S.S. “Di Vittorio”

I Cpia si occupano di apprendimento permanente con i seguenti compiti istituzionali: rientro nei percorsi di istruzione del I ciclo di istruzione (ex licenza scuola media) dei minori che abbiano compiuto i 16 anni e della popolazione adulta sprovvista di relativo titolo di studio, certificazione delle competenze europee, relative agli insegnamenti generali del primo biennio degli istituti tecnici, professionali e licei artistici, formazione linguistica ai cittadini stranieri sulla conoscenza della lingua e cultura italiana a livello A2 del quadro europeo delle lingue (Qcer), ai fini dell’accordo per l’integrazione dello straniero che prevede una serie di azioni interistituzionali concordate tra ministero dell’Istruzione e ministero dell’Interno, attraverso le sinergie operative con le questure e le prefetture territoriali.

La novità più interessante dell’istruzione degli adulti è il riconoscimento delle competenze acquisite in contesti non solo formali, ma anche informali e non formali, possibilità che comporta il riconoscimento di crediti e quindi la possibilità di percorsi di studio agevoli e facilitati soprattutto per adulti lavoratori.

Centro provinciale per l’istruzione degli adulti 


Condividi la notizia:
25 marzo, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR