Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Roma - A sostegno dell’iniziativa, la regione Lazio e il Miur hanno finanziato borse di studio - Per partecipare c’è tempo fino al 25 marzo

Cultura e Innovazione, 17 nuovi corsi del Dtc Lazio

Condividi la notizia:

Fabio Panci, Stefano Fancone di Lazio Innova

Un convegno di Lazio Innova

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Il centro di eccellenza del distretto tecnologico per i beni e le attività culturali della regione Lazio, ha aperto le iscrizioni a 17 corsi di alta formazione dedicati a giovani laureati, imprenditori e professionisti che operano nel settore.

Le iscrizioni ai corsi sono aperte fino al 25 marzo. Ad oggi, a sostegno dell’iniziativa, la regione Lazio e il Miur hanno finanziato 161 borse di studio.

Nell’ampia offerta formativa del centro, vi sono corsi che mirano a fornire conoscenze teorico-pratiche, o a perfezionare abilità specifiche, per la gestione e conservazione delle risorse culturali digitali o per la gestione e conservazione a lungo termine di archivi di manoscritti e documenti antichi e preziosi.

Vi sono poi i corsi dedicati a Virtual Reality, New Media Art e Gaming per i beni culturali, che hanno lo scopo di contribuire alla promozione dei beni culturali attraverso applicazioni di realtà virtuale e aumentata.

Di profilo ancora più tecnico i corsi dedicati alla conservazione e fruizione di beni archeologici, cartacei, ai materiali lapidei e murature, oltre a quelli incentrati sulla diagnostica per i beni culturali e sul controllo ambientale ed efficienza energetica nel patrimonio culturale.  Infine, per i più creativi del settore, ci sono corsi di storytelling, comunicazione e accessibilità museale.

Il centro svolge la propria missione grazie all’integrazione sinergica delle ampie e qualificate competenze multidisciplinari che qualificano e caratterizzano i partner fondatori: Sapienza Università di Roma (capofila), Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, Università degli studi di Roma “Roma Tre”, Università degli studi di Viterbo “Tuscia”, Università degli Studi di Cassino e del Lazio meridionale, e Cnr, Enea, info.

Il Centro, inoltre, si avvale di un gruppo di lavoro costituito dalle maggiori associazioni imprenditoriali, imprese, enti, istituti e musei del Lazio, e punta alla creazione di sinergie tra mondo della ricerca e dell’alta formazione e mondo imprenditoriale, al fine di sviluppare competenze nel settore e aprire nuovi scenari e opportunità dal punto di vista lavorativo. L’Italia, d’altronde, è la nazione con il maggior numero di siti Unesco mentre il Lazio spicca per quantità e qualità del proprio patrimonio culturale, con 259 musei e gallerie, 28 aree e parchi archeologici, 29 monumenti, nonché 13 università, 4 organismi di ricerca, 6 Istituti centrali del MiBAC, 40 mila imprese con oltre 200 mila addetti (14% del totale nazionale), con una produzione pari a 14,7 miliardi di euro (16% del totale nazionale). A questi dati si aggiunge che almeno il 70% delle produzioni italiane nel comparto cinema e audiovisivo sono state realizzati nel territorio laziale.

Dtc Lazio ha appena chiuso le iscrizioni anche ai Master nazionali e internazionali, di primo o secondo livello, che hanno registrato 132 iscrizioni e l’erogazione, ad oggi, di 65 borse di studio.

Infine sono in fase di sperimentazione dei Corsi di Apprendimento Permanente, dedicati alle Imprese, e dei Corsi di e-learning in lingua inglese, italiana e spagnola rivolti a un vasto pubblico nazionale e internazionale.

Lazio innova


Condividi la notizia:
15 marzo, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR