--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - La mobilitazione dei sindacati della sanità privata - Ieri a Villa Immacolata il presidio di Cgil, Cisl e Uil - Davanti ai cancelli i segretari Antonino Ferrini, Francesco Guitarrini, e Maurizio Bizzoni

“Dodici anni senza contratto è una vergogna”

Condividi la notizia:

Viterbo - La mobilitazione della sanità privata

Viterbo – La mobilitazione della sanità privata

San Martino al Cimino - Villa Immacolata

San Martino al Cimino – Villa Immacolata

Viterbo - La mobilitazione della sanità privata

Viterbo – La mobilitazione della sanità privata

Viterbo – (dan.ca.) – Dodici anni senza contratto. Succede nella cosiddetta sanità privata. Quella in convenzione con lo stato. Strutture private, ma con finanziamenti pubblici. 

“Una vergogna! – dicono i sindacati Cgil, Cisl e Uil che ieri si sono mobilitati in in tutto il Lazio – Per la dignità del lavoro e un nuovo contratto. Subito!”.

A Viterbo, la struttura presidiata dalle tre sigle è stata Villa Immacolata, tra San Martino e l’ospedale di Belcolle. Il direttore generale, Michele Bellomo, è anche responsabile regionale dell’Aris. “La controparte – spiegano subito Antonino Ferrini, Francesco Guitarrini, e Maurizio Bizzoni, responsabili, rispettivamente, di Cgil, Cisl e Uil funzione pubblica Viterbo -. L’equivalente, per capirci, di Unindustria”.

 

Contratto e stipendi che vanno riadeguati. “E’ dal 2007 – raccontano i sindacalisti – che non ci rinnovano il contratto, cosa che non accade in nessun altro settore. Questo, mentre l’imprenditoria sanitaria continua a fare profitti all’ombra della spesa pubblica. I nostri stipendi sono invece fermi. Però hanno aumentato le ore di lavoro, da 36 a 38”.

Davanti a Villa Immacolata ieri mattina c’erano anche due pattuglie. Una dei carabinieri, l’altra della polizia. Ordinaria amministrazione. Di lì a qualche ora c’è stata un’assemblea sindacale unitaria per discutere della situazione interna a Villa Immacolata. Fuori dai cancelli c’erano infatti soltanto striscioni e bandiere. I lavoratori della sanità stavano tutti dentro. All’esterno solo qualche sindacalista a dare i volantini alle persone che entravano e uscivano da Villa Immacolata, 400 dipendenti e 220 posti letto.

Daniele Camilli

 


Condividi la notizia:
16 marzo, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR