--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Delitto di Santa Lucia - Secondo il professor Meluzzi, che lo ha visitato col collega Traverso - Per entrambi gli psichiatri l'imputato soffre di disturbo d'adattamento

“Fieno, incapace di volere in una famiglia patologica, non va messo in carcere…”

di Silvana Cortignani

Condividi la notizia:

Tribunale - Gli psichiatri Alessandro Meluzzi e Giovanni Battista Traverso si salutano prima del processo

Tribunale – Gli psichiatri Alessandro Meluzzi e Giovanni Battista Traverso si salutano prima del processo

Tribunale - Lo psichiatra Alessandro Meluzzi

Tribunale – Lo psichiatra Alessandro Meluzzi ha spiegato le sue conclusioni dopo l’udienza

Viterbo – “Una grande tragedia familiare, una famiglia patologica”, così il perito di parte della difesa, il professor Alessandro Meluzzi, a margine dell’udienza di ieri del processo col rito abbreviato condizionato alla perizia psichiatrica a Ermanno Fieno.  “Incapace di volere nell’ambito di una famiglia patologica, talmente abituato alla finzione da pensare di poter fare finta di niente”, secondo lo psichiatra. Se fosse per lui, lo farebbe ricoverare e curare, non lo terrebbe in carcere. 

Fieno non è schizofrenico, ma per entrambi i periti, quello di parte e il ctu del tribunale, soffrirebbe di una patologia psichiatrica: il cosiddetto disturbo d’adattamento con umore depresso e ansioso. E’ la diagnosi che mette d’accordo il professor Giovanni Battista Traverso, nominato dal gup Rita Cialoni, e il professor Alessandro Meluzzi, nominato dal difensore Roberto Massatani.

I due consulenti hanno illustrato le rispettive conclusioni ieri, durante il processo a porte chiuse al 46enne viterbese che il 28 novembre 2017 ha ucciso la madre dopo la morte naturale del padre, occultando i cadaveri avvolti nel cellophane in casa, dove sono rimasti composti, come in una macabra scena, fino alla sera del 13 dicembre quando, dopo due settimane, il fratello e la sorella di Fieno hanno dato l’allarme facendo accorrere sul posto vigili del fuoco e polizia mentre il figlio si dava  alla fuga verso la Francia. 

Fieno, detenuto a Mammagialla da un anno e tre mesi, è accusato dell’omicidio volontario della madre e dell’occultamento dei cadaveri dei genitori. 

“Fieno – ha spiegato Meluzzi al termine dell’udienza –  viveva in una famiglia sicuramente singolare dal punto di vista del condotto esistenziale, perché vivevano senza luce e senza acqua e lui doveva percorrere due chilometri e mezzo ad andare e due chilometri e mezzo a tornare con due taniche da venti litri. E questo certamente fa parte di un repertorio di comportamenti che nessuno di noi considererebbe fisiologici al nostro tempo, quando sarebbe bastato chiedere aiuto ai servizi sociali o a chiunque”. 

“Ma la cosa più interessante, che è la conclusione cui giunge lo stesso ctu, cioè di disturbo di adattamento con umore depresso, se letto all’interno del disturbo borderline di personalità di cui il Fieno sicuramente soffriva, e combinato con questa psicopatologia, produce una di quelle condizioni che la sentenza della Cassazione a sezioni riunite del 2005 considera una scriminante anche rispetto alla capacità di intendere e di volere”, ha proseguito il consulente. 

“A mio modo di vedere, viveva in una condizione di totale inautenticità e di sudditanza anche, a un padre-padrone e a una madre in qualche modo simbiotica con lui e anche con il marito. Questa inateunticità non si spingeva solo nel prendere il taxi con i pochi soldi senza pagare la bolletta della luce o dell’acqua, per far vedere alla cittadinanza che vivevano in condizioni di benessere, ma anche per parte propria uno stile di vita che nessun giovane della sua età avrebbe potuto sopportare”, ha detto il professor Meluzzi. 

“Ci troviamo di fronte a un soggetto labile e fragile – per lo psichiatra di parte – che probabilmente ha commesso il delitto di uccidere la madre da cui dipendeva e che amava in modo simbiotico con un attizzatoio nel momento in cui spera di poter eludere la morte improvvisa del padre mettendolo dentro un cellophane sotto il letto, con una condotta che nessun assassino lucido penserebbe di potere realizzare mai”. 

“Avviene in una di quelle situazioni che la psichiatria fenomenologica chiama di Wahnstimmung cioè di stato d’animo delirante, delirio che si realizza anche in qualcuno che non è francamente schizofrenico. Potrei anche io essere colto da una Wahnstimmung, se mi ritrovassi in una condizione esistenziale talmente tragica, talmente assurda, talmente ingovernabile, io che vivo nella totale inateunticità, come Fieno, e che devo in qualche modo mettere una pezza a una situazione”, ha spiegato lo psichiatra.

“Per cui lui non soltanto occulta anche il cadavere della madre, ma pensa, come veramente un matto, di potere fare finta di niente. Talmente abituato alla finzione, talmente abituato a una situazione di subalternità, di sudditanza e di dissociazione dalla realtà da trovarsi, diversamente da quello che pensa il perito d’ufficio, in tale condizione che, anche da un punto di vista psichiatrico forense, è una scriminante di capacità di intendere e di volere diminuita”, ha sottolineato. 

“Mi permetterei di dire, anche se non l’ho detto in aula, una capacità in cui la capacità di intendere potrebbe essere discussa, mentre quella che certamente non c’è è la capacità di volere, infatti il nostro codice le considera anche disgiunte. Lui forse poteva, ma non era più capace di volere in modo cosciente. Quindi secondo me ci sono tutti gli elementi per una valutazione che intanto sgombera il campo dalle aggravanti, che sono le finalità futili e abiette. Qui non c’è né la futilità né l’abiezione, ma c’è una grande tragedia familiare, una famiglia patologica. Secondo me, mette in campo tutte le attenuanti possibili. In una situazione come questa, fossi il giudice, uno come Fieno lo manderei a curarsi in una comunità terapeutica e non in carcere. Non c’è più l’ospedale psichiatrico giudiziario, una volta un soggetto così sarebbe stato da opg”, la conclusione. 

Si torna in aula il 2 aprile, quando sono previsti sia la discussione che la sentenza. 

Silvana Cortignani


Condividi la notizia:
20 marzo, 2019

Delitto di Santa Lucia ... Gli articoli

  1. Nozze di Ermanno Fieno e Alessia De Rubeis, fiori d'arancio in carcere il 13 novembre
  2. Uccise la madre, Ermanno Fieno si sposa in carcere con Alessia De Rubeis
  3. 15 anni per omicidio e occultamento di cadavere a Fieno, "una pena congrua" per la difesa
  4. Uccise la madre, condannato a quindici anni Ermanno Fieno
  5. Uccise la madre, chiesti 20 anni per Ermanno Fieno
  6. "Ermanno Fieno non è infermo di mente", secondo lo psichiatra del tribunale
  7. Uccise la madre, oggi si saprà se Ermanno Fieno è sano di mente
  8. Rubò fette di tacchino al supermercato, assolto Ermanno Fieno
  9. Al via la perizia psichiatrica su Ermanno Fieno, il verdetto a primavera
  10. Uccise la madre, due psichiatri per stabilire se Ermanno Fieno è sano di mente
  11. Coniugi morti e avvolti nel cellophane, al via il processo al figlio
  12. Avvolse nel cellophane i genitori morti, perizia psichiatrica per Ermanno Fieno
  13. Uccise la madre, rito abbreviato per Ermanno Fieno
  14. Uccise la madre, via libera al processo per Ermanno Fieno
  15. La procura vuole il giudizio immediato per Ermanno Fieno...
  16. "Ho ucciso io mia madre"
  17. Delitto di Santa Lucia, Ermanno Fieno confessa l'omicidio della madre
  18. L'autopsia al vaglio di procura e difesa
  19. Non è stato duplice omicidio
  20. "Truffa, furto e falso" nel passato di Ermanno Fieno
  21. "A mamma e papà hai detto che gli hai raccontato molte bugie?"
  22. Colpita con l'attizzatoio e finita con un cuscino...
  23. "Morto per insufficienza cardiocircolatoria"
  24. Okay alla difesa Fieno, Massatani incontra la pm Capezzuto
  25. Incontro in carcere tra Ermanno Fieno e l'avvocato Massatani
  26. "Non eravamo graditi a persone vicine a Ermanno Fieno"
  27. "L'interrogatorio di Ermanno Fieno non è sinonimo di abbreviato"
  28. Ermanno Fieno rinuncia al riesame contro l'accusa di duplice omicidio
  29. "Cattivi rapporti con i miei per colpa di Ermanno"
  30. Delitto coniugi Fieno, venerdì l'udienza al Riesame
  31. Ermanno Fieno scrive lettere alla compagna dal carcere
  32. Fieno ricorre al riesame contro l'accusa di duplice omicidio
  33. "Devo litigare con mia sorella, sarà una lunga nottata..."
  34. In procura il fratello e la sorella di Ermanno Fieno
  35. "Capace di agire con violenza del tutto sproporzionata..."
  36. "Fieno voleva sbarazzarsi dei cadaveri"
  37. Ermanno Fieno "studia" le carte dell'inchiesta
  38. Due colpi in testa per uccidere la madre
  39. Fieno vuole farsi interrogare
  40. I difensori di Fieno: "Infondata l'accusa di duplice omicidio"
  41. Ermanno Fieno resta in carcere
  42. I fratelli di Ermanno tentarono di parlare con i genitori...
  43. "Frastornato, ma inizia a rendersi conto della situazione"
  44. Primo incontro a Mammagialla tra Fieno e i suoi avvocati
  45. Perizia psichiatrica su Fieno, difesa al lavoro
  46. "La verità verrà accertata solo nelle sedi giudiziarie..."
  47. Fieno in isolamento a Mammagialla
  48. Ermanno Fieno nel carcere di Mammagialla
  49. "15 giorni con due cadaveri in casa, serve una perizia psichiatrica su Fieno"
  50. "I corpi nel cellophane per cancellare l'omicidio dalla mente..."
  51. Gianfranco e Rosa morti da almeno due settimane
  52. Gianfranco non è stato ammazzato
  53. "Ermanno Fieno non è un mostro e non è matto"
  54. "I giorni in carcere non sono i più duri della mia vita..."
  55. Il gip: "Fieno deve restare in carcere"
  56. "Chi ha sbagliato comprenda l'errore"
  57. "Una violenta lite, poi non li ho più visti..."
  58. Rosa colpita alle spalle, il sangue sulle pareti
  59. Fieno non ha versato una lacrima
  60. Ermanno Fieno ha fatto scena muta
  61. Ermanno Fieno davanti al magistrato
  62. Ermanno Fieno riconosciuto mentre scendeva le scale della stazione
  63. Sangue anche in cucina
  64. "Aveva 750 euro in contanti e vestiti appena acquistati"
  65. Rintracciato e fermato a Ventimiglia Ermanno Fieno
  66. Oggi il riconoscimento delle vittime e l'affidamento dell'autopsia
  67. Rintracciato e fermato a Ventimiglia Ermanno Fieno
  68. “Non li abbiamo mai sentiti litigare, lui era un solitario”
  69. Rosa uccisa con uno spiedo di ferro
  70. Indagato per omicidio volontario il figlio Ermanno
  71. La scientifica col luminol sul luogo del delitto
  72. Aperto dalla procura un fascicolo per duplice omicidio
  73. Trovati morti sul letto avvolti nel cellophane
  74. Coppia trovata morta in casa, si ipotizza il duplice omicidio
  75. Trovati due cadaveri in una casa
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR