Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Agenzie funebri concorrenti - Si difende in aula il titolare di un'impresa di Bassano Romano

“Estumulazioni regolari e col via libera del comune”

Condividi la notizia:

Bassano Romano - Cimitero

Bassano Romano – Cimitero

Bassano Romano  (sil.co.) – Estumulazioni fuorilegge, si difendono il titolare delle pompe funebri incriminate e il geometra del comune.

“Regolari col via libera del comune, ma per le ditte terze serviva specifica richiesta”, ha detto il titolare delle pompe funebri al collegio presieduto dal giudice Gaetano Mautone.

È ripreso ieri il processo in cui sono imputati i due titolari dell’agenzia Onoranze funebri Orsini di Bassano Romano e tre dipendenti comunali. Sono accusati di abuso d’ufficio in seguito alla denuncia dell’impresa funebre San Giorgio di Oriolo Romano, parte civile, che sentendosi danneggiata, il 21 maggio 2014, ha sporto denuncia ai carabinieri della locale stazione, guidati dal luogotenente Andrea De Fusco. 

Al centro presunte estumulazioni fuori legge, effettuate nel cimitero di Bassano Romano il 22 maggio di quattro anni fa.

L’avvocato Fausto Barili, che con Carlo Taormina difende le pompe funebri, ha chiesto a Antonello Orsini la differenza tra esumazioni da terra e estumulazioni da loculo, considerate straordinarie prima dei venti anni.

“Quando un privato chiede l’estumulazione bisogna che vada in comune per l’autorizzazione, che poi dà il via libera a noi, che siamo la ditta che ha l’appalto per la manutenzione e i servizi cimiteriali del paese”, ha spiegato Orsini.

Il problema è sorto da sette richieste di estumulazioni giunte da privati nella primavera di cinque anni fa, cinque regolarmente effettuate il 22 maggio 2017, mentre due estumulazioni non furono portate a termine perchè i parenti non si presentarono.

“Il capoarea del comune aveva detto di no perchè non era stata indicata nella richiesta di autorizzazione dei privati l’impresa funebre terza, come previsto dal regolamento”, ha spiegato l’imputato Orsini, dicendo di non sapersi spiegare le contestazioni sollevate dalla ditta concorrente.

Il geometra del comune ha confermato la procedura è l’affidamento all’impresa locale del servizio così come descritto.

Il processo riprenderà il prossimo 18 settembre.


Condividi la notizia:
21 marzo, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR