Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - E' l'allarme lanciato da Coldiretti

“Impianti fotovoltaici a terra, altissimi i rischi ambientali”

Condividi la notizia:

Viterbo - Coldiretti - Pacifici e Frau

Viterbo – Coldiretti – Pacifici e Frau

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Sono molti, pericolosi e sottovalutati i danni portati dai nuovi sterminati progetti di costruzione di impianti fotovoltaici a terra.

Quelli maggiori sono provocati dall’utilizzo dei diserbanti irrorati a terra, impiegati nei campi fotovoltaici per sterminare erbacce e muschi, che in realtà sono sostanze chimiche vietate dalle legge.

In alcune regioni, ricordiamo il caso della regione Puglia, a Lecce, sono scattati i controlli dell’Asl in seguito alla morte di numerosi esemplari nelle zone con impianti fotovoltaici, in cui sarà contemplata anche la proposta di rimozione dei sistemi solari.

“Vi siete per caso chiesti come vengono annientate le erbacce sotto i pannelli? Utilizzando una quantità enorme di diserbanti – puntualizza il direttore di Coldiretti Viterbo Alberto Frau -. Stiamo creando un ambiente che porterà solo ed esclusivamente veleni mentre si continua a perdere tempo con i pochi e sporadici trattamenti dell’agricoltura; corriamo dietro alle mosche e non vediamo gli elefanti”.

“Non dimentichiamo, inoltre, la composizione dei pannelli solari, i quali contengono sostanze come il cadmio e l’arsenico, altamente tossiche – aggiunge il presidente di Coldiretti Viterbo Mauro Pacifici -; chiamato anche stato di calamità artificiale, il problema si riflette anche sulla salute dell’uomo, in modo particolare sulle persone che sostano o vivono nelle immediate vicinanze degli impianti fotovoltaici e eolici industriali e sulla produzione agricola, facendo entrare le sostanze nocive nella catena alimentare tramite il consumo di latticini o erbe commestibili vicine alle zone dei parchi fotovoltaici.

I dati acquisiti attestano che ogni anno muoiono circa 15mila animali nei terreni agricoli e nelle zone adibite all’affitto del tetto. A tale proposito è in atto la denuncia della Aidaa, l’Associazione italiana a difesa di animali ed ambiente, la quale chiede che i proprietari ed i responsabili di parchi eolici e fotovoltaici siano perseguiti per i reati di maltrattamento, morte di animali, uccisione di animali indiretta e per deturpamento e distruzione di territori agricoli e bellezze naturali.

Coldiretti Viterbo


Condividi la notizia:
11 marzo, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR