Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Savona - Parla la madre al Secolo XIX: "Episodio vergognoso"

Insulti razzisti a portiere 14enne, partita sospesa 2 volte

Condividi la notizia:

Calcio

Calcio

Savona – A Cairo Montenotte, in provincia di Savona, la partita di calcio del campionato Giovanissimi è stata sospesa due volte per insulti razzisti rivolti al portiere 14enne.

Ancora cori razzisti in campo. Questa volta a essere stato preso di mira dagli insulti un calciatore di 14 anni della categoria Giovanissmi provinciali durante una partita di calcio a Cairo Montenotte, in provincia di Savona. L’episodio si è verificato ieri pomeriggio durante la partita tra Cairese e Priamar.

L’arbitro della gara, una donna, ha deciso di sospendere la partita due volte per via degli insulti pronunciati dalle tribune.

Il giovane portiere è di origini sudamericane e gioca nella squadra del Priamar di Savona. “Nero di merda”, secondo quanto riporta Repubblica, si sarebbe sentito gridare da altri giovanissimi seduti in tribuna. 

A riportare l’episodio anche il Secolo XIX che ha raccolto la testimonianza della madre del 14enne. “Mio figlio è ferito e amareggiato, è un episodio vergognoso che non merita altri commenti se non un intervento deciso della Federazione, non si possono accettare certi episodi”, ha denunciato la madre.

Per l’episodio, sempre secondo il il Secolo XIX, sono arrivate le scuse della Cairese, la squadra di Cairo Montenotte. “Condanniamo il gesto – ha spiegato il direttore generale –. Nessuno deve permettersi di discriminare un’altra persona, ragazzo o adulto, per il colore della pelle. I nostri dirigenti sono subito intervenuti. La Cairese ha fatto dell’accoglienza una delle sue priorità”. 

A commentare l’accaduto anche il direttore generale della Priamar. “E’ stato veramente spiacevole – ha detto -. Ma ci tengo a precisare che la Cairese non è colpevole, i dirigenti hanno fatto di tutto per tranquillizzare la situazione. Anche l’arbitro è stato in gamba. Il nostro portiere ha dimostrato grande maturità e ha proseguito a giocare. L’accaduto, però, deve far riflettere”.

 


Condividi la notizia:
17 marzo, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR