--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Acquapendente - Stalking - Parte civile l'ex convivente di 28 anni - Avrebbe aggredito la vittima anche davanti al figlioletto di pochi anni

La caccia di casa senza le scarpe, processo lampo per un 33enne

Teverina-Buskers-560x60-sett-19

Condividi la notizia:

L'avvocato Enrico Valentini

L’avvocato Enrico Valentini – Difensore col collega Romano Pesciaroli

L'avvocato Vincenzo Dionisi

L’avvocato Vincenzo Dionisi – Difensore di parte civile

Acquapendente – (sil.co.) – Processo lampo per stalking a carico di un 33enne originario di Grosseto, ma residente ad Acquapendente, per il quale è stata accolta dal tribunale la richiesta di giudizio immediato avanzata dal sostituto procuratore Michele Adragna. 

Venerdì scorso la prima udienza del processo, davanti al giudice Gaetano Mautone. Contro l’imputato, difeso dagli avvocati Romano Pesciaroli e Enrico Valentini, si è costituita parte civile la ex convivente, una 28enne, assistita dall’avvocato Vincenzo Dionisi.

Il 33enne avrebbe maltrattato la donna anche davanti al figlioletto della coppia, un bambino di nemmeno quattro anni. Rimproverato dalla compagna, in quanto spesso in stato di ubriachezza, nel febbraio 2018, sarebbe arrivato a cacciarla di casa, costringendola da allontanarsi per chiedere aiuto senza scarpe. 

A maggio dell’anno scorso, sempre in preda ai fumi dell’alcol, avrebbe sferrato un coltello, minacciando di uccidersi, quindi si sarebbe allontanato, facendo ritorno nell’abitazione soltanto la mattina successiva. Ossessionato dalla gelosia, inoltre, convinto che la compagna lo tradisse, sempre a maggio dell’anno scorso, l’avrebbe cacciata ancora una volta da casa.

“Zoccola, troia, bocchinara”, sarebbero diventati in breve gli appellativi all’ordine del giorno. “Se scopro chi è il tuo amante, faccio una strage”, le avrebbe ripetuto per mesi, fino a luglio 2018. Quando la vittima, alla fine, lo ha lasciato, avrebbe preso a perseguitarla, seguendola anche sul posto di lavoro, insultandola davanti a tutti con  frasi come “vai zoccolona, stasera ti diverti”, nei giorni in cui spettava a lui la cura del figlio minore. 

 

 

 


Condividi la notizia:
7 marzo, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR