--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Politica - Alfonso Antoniozzi (Viterbo 2020) sul fatto che il centrodestra ha disertato il consiglio straordinario sulla crisi

“La maggioranza si è sottratta a un suo dovere morale…”

Condividi la notizia:

Alfonso Antoniozzi

Alfonso Antoniozzi

Viterbo – “La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della costituzione”, recita l’articolo di apertura della costituzione della Repubblica Italiana, una carta che non è soltanto l’insieme delle regole fondanti di uno Stato ma soprattutto, e questo pare sfuggire a molti politici, politicanti e -ahimè- cittadini, costituisce il patto civile e sociale su cui si fonda la convivenza delle persone che abitano una nazione.

La sovranità appartiene al popolo, e la forma in cui questa sovranità si applica è, a meno che la pratica di ogni giorno non sovverta prima o poi la teoria ribaltando definitivamente il patto che ci siamo dati, la democrazia rappresentativa.

Non la democrazia diretta, che non ha bisogno di rappresentanti, né tantomeno le decisioni prese dietro le porte chiuse dei palazzi, dove il popolo non entra e dove le scelte che lo riguardano vengono prese da quattro satrapi che pensano di essere alla corte di Bisanzio. La democrazia rappresentativa.

Questa premessa, noiosa ma necessaria, è fondamentale per capire l’entità dello schiaffo che le istituzioni e la città stanno ricevendo dall’inizio della crisi in cui versa l’amministrazione.

Una crisi che, sia chiaro, è avvenuta -almeno ufficialmente- per motivi di equilibri politici, che è nata a porte chiuse, a porte chiuse si è dipanata e a porte chiuse, pare si risolverà.

Niente di nuovo sotto il sole, dirà qualcuno. Io stesso ricordo qualcosa di simile nella precedente consiliatura, quando la maggioranza si spezzò, la crisi durò per mesi e poi tutto si ricompose senza che nessun cittadino, me compreso, abbia capito a tutt’oggi le ragioni della fuoriuscita e del rientro di parte del gruppo consiliare del Pd.

Ragioni di palazzo, ho concluso all’epoca, e me ne sono fatto una ragione. Eppure non dovremmo farcene una ragione. La democrazia rappresentativa non è una versione aggiornata del medioevo in cui ci viene data la possibilità di eleggere il barone di turno invece di ritrovarcelo sul trono per linea di sangue.

Nella democrazia rappresentativa gli eletti hanno piena libertà morale ma sono tenuti a rispondere a chi gli ha conferito il mandato, ossia ai loro elettori.

E il luogo cittadino in cui si risponde ai propri elettori, in questa forma di democrazia, è il consiglio comunale. In nome di questo, da uomo cresciuto nel rispetto delle istituzioni e del patto di convivenza che va sotto il nome di “Costituzione”, quando giovedì ho visto un’intera maggioranza sottrarsi al dialogo democratico non presentandosi in consiglio per discutere la crisi, per un attimo mi sono augurato che tutti i padri fondatori del nostro Stato insieme alle figure storiche viterbesi affrescate sui muri della Sala facessero irruzione gridando “vergogna!”. Surreale? Può darsi.

Ma non tanto surreale quanto l’intervento richiesto da qualcuno dietro le quinte per rimuovere le immagini della lupa capitolina che avevamo messo sui banchi vuoti, proprio per stigmatizzare lo schiaffo a una democrazia imbavagliata dalle trame romane di palazzo. “Il decoro della sala!” ci è stato detto.

Spiace informare chi di dovere, e la cittadinanza intera, che il decoro della sala era già finito a ramengo quando l’intera maggioranza ha deciso di sottrarsi a quello che era il suo dovere morale, ossia spiegare chiaramente a una cittadinanza intera le ragioni di una crisi che nessuno comprende e confrontarsi democraticamente con l’opposizione.

E spiace ancora di più prendere atto che, disgraziatamente, il rispetto delle istituzioni nella nostra città viene sporadicamente ricordato per questioni meramente di forma, talvolta persino per ragioni di convenienza, ma che lo si può calpestare a libero piacimento nei comportamenti quotidiani (e basta riguardarsi una seduta di consiglio per constatarne l’atmosfera) e soprattutto nelle linee di principio senza che nessuno abbia una virgola da eccepire.

Alfonso Antoniozzi
Consigliere comunale gruppo Viterbo 2020


Condividi la notizia:
9 marzo, 2019

Crisi in comune 2019 ... Gli articoli

  1. "Agricoltura delega irrilevante? Sono sconcertato”
  2. “La crisi si è chiusa a tarallucci, vino e uova fresche...”
  3. Primo incarico per l'assessora all'Agricoltura: "Uova fresche tutti i giorni"
  4. Francesca Bufalini nominata assessora
  5. "Il dialogo mi ha permesso di mettere la parola fine alla crisi"
  6. "La città non può più rimanere bloccata da personalismi, minacce e ultimatum"
  7. Fratelli d'Italia sblocca la crisi in comune, carta bianca al sindaco
  8. "Sindaco sotto tutela e giunta a rischio azzeramento"
  9. Poltrone, poltrone, poltrone e... a governare ci pensa il prefetto
  10. Finché c'è crisi c'è speranza
  11. "Nessuno ci ha obbligato a candidarci..."
  12. La maggioranza esplode, FdI abbandona i lavori e la seduta salta
  13. La crisi è risolta... a chiacchiere, spunta la giunta a 7
  14. “Ritrovata l'armonia, ora al lavoro per rilancio del territorio”
  15. La Lega vuole risolvere, FdI vuole Nunzi e Arena vuole aspettare
  16. Ritornano Nunzi, Allegrini e De Carolis ma le acque restano agitate
  17. La crisi è finita, Nunzi pronta a tornare in giunta
  18. "Viterbo, ancora una volta, è sotto lo schiaffo di chi decide a Roma"
  19. "Un sindaco che scappa dalle sue responsabilità"
  20. "Sindaco e maggioranza in fuga! Mai successo"
  21. “Un sindaco in fuga e una maggioranza incapace”
  22. Salta il consiglio straordinario, straordinaria figuraccia del centrodestra
  23. Claudia Nunzi e Giovanni Arena, il bacio del ritorno...
  24. "La città non può permettersi rallentamenti, prevalga senso di responsabilità"
  25. "La prossima settimana incontro per chiudere definitivamente la crisi"
  26. "Basta ingerenze dei parlamentari, o si pensa ai cittadini o si torna alle urne"
  27. Galati (FdI): "Basta col muro contro muro, cerchiamo un accordo"
  28. "L'assenza del sindaco sarebbe già una risposta politica..."
  29. "Consiglio sulla crisi, non garantisco di esserci"
  30. Giovedì il consiglio straordinario sulla crisi
  31. "Ma quale sfiducia! La maggioranza è compatta..."
  32. "Via Claudia Nunzi per garantire serenità all'amministrazione"
  33. Crisi senza sbocchi e l'opposizione minaccia di ricorrere al Tar
  34. FdI non molla, c'è il sostegno dei vertici nazionali del partito
  35. "Giunta illegittima, intervenga il prefetto"
  36. "Fino all'approvazione del bilancio la giunta resta questa"
  37. "La Lega ha devastato gli equilibri elettorali e ci insulta..."
  38. "I partiti risolvano il problema sennò arrivederci e grazie"
  39. Galati: "Non ho chiesto assessorati" e Scardozzi spera di recuperare Nunzi
  40. Allegrini e De Carolis si sono dimessi, stavolta sul serio
  41. Da crisi politica a crisi di nervi
  42. "Ho rifiutato le dimissioni di Allegrini e De Carolis"
  43. La crisi è dentro FdI, gli assessori riconsegnano le deleghe
  44. Tre assessori a Fratelli d'Italia e la crisi passa...
  45. Sporcarsi le mani per sortirne tutti insieme...
  46. "Arena pensi alla città se riesce e non polemizzi con un'assessora silurata"
  47. "Sono scandalizzato, disgustato e amareggiato da questa maggioranza"
  48. "Arena crede veramente di poter far finta di nulla e affrontare il bilancio come nulla fosse?"
  49. "Arena è un sindaco burattino nelle mani dei partiti che pensano alle poltrone"
  50. Quando la politica è "sangue e merda"...
  51. “Prima il bilancio, poi riequilibro la giunta”
  52. "I nostri assessori rimettano le deleghe e il sindaco azzeri la giunta"
  53. "Chi mi ha fatto fuori, non mi ha nemmeno chiamata per dirmelo..."
  54. FondAzione: "Abbassiamo i toni e pensiamo al bene della città"
  55. "Ho revocato le deleghe, Nunzi fuori dalla giunta"
  56. Fusco: "O la Nunzi se ne va o si va al voto a maggio"
  57. Pronta la sfiducia, il sindaco Arena in bilico
  58. "Via Claudia Nunzi entro stasera o usciamo dalla maggioranza"
  59. L'assessora Claudia Nunzi resta al suo posto, per ora
  60. "FdI determinante per la conquista del Comune, torna ad avere tre assessori"
  61. Nunzi e Scardozzi passano a Fratelli d'Italia
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR