Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Sport - Calcio - Prima categoria - La denuncia del club dopo il 2-2 sul campo della Storta: "Direttore di gara circondato e costretto a indietreggiare per sottrarsi al tentativo di aggressione e alle minacce"

Jfc Civita Castellana, l’arbitro annulla il gol vittoria dopo dieci minuti

Condividi la notizia:

Sport - Calcio - Jfc Civita Castellana - Un match dei civitonici

Sport – Calcio – Jfc Civita Castellana – Un match dei civitonici

Roma – (s.s.) – L’incontro è terminato in parità e tra le polemiche. Un 2-2 che è destinato a far parlare ancora molto.

Il match di Prima categoria tra La Storta e Jfc Civita Castellana, molto prima del fischio finale, era già pieno di contenuti: due calci di rigore trasformati da Strappetti, le marcature di Salvatori (sempre su rigore) e Michelini e un tiro dal dischetto parata da Lisco alla squadra di casa.

L’ira degli ospiti, però, si è scatenata attorno al minuto numero 42, quando il direttore di gara avrebbe annullato il gol vittoria per un presunto fuorigioco dopo dieci minuti di proteste dei giocatori locali.

“Oggi non possiamo parlare di calcio – si legge nel racconto del Jfc pubblicato su Facebook -. Perchè sul campo de La Storta la partita ha avuto un finale che con il calcio ha poco a che fare. Al culmine di una gara giocata su ritmi alti, agonisticamente valida, con le due contendenti tese a superarsi per opposti interessi di classifica, avviene il fattaccio.

Al 42′ del secondo tempo, Coletta appena subentrato al posto di un esausto Panico, riceve palla da Michelini ed insacca il gol che ribalta il risultato e poteva essere decisivo per il risultato finale. L’arbitro convalida il gol ma i giocatori di casa reclamano per un presunto fuorigioco, circondano l’arbitro, il quale è costretto a indietreggiare per sottrarsi al tentativo di aggressione e alle minacce, espelle due giocatori locali e dopo svariati minuti, circa una decina, inopinatamente annulla la marcatura.

A questo punto alcune riflessioni sono d’obbligo: per poter ottenere qualcosa basta minacciare il direttore di gara? Cosa ha indotto l’arbitro a cambiare una decisione già presa? La classifica non è falsata? Le altre squadre impegnate nella lotta per evitare la retrocessione, saranno contente? Di sicuro questi due punti sottratti allo Jfc renderanno felici le altre contendenti che lottano per raggiungere il podio della classifica. A questo punto punto non ci vengano più a dire che protestare è inutile, tanto gli arbitri quando prendono una decisione non tornano indietro. Non tornavano”.

Ora, come di consueto in casi del genere, bisognerà attendere la scrittura del referto da parte dell’arbitro e le conseguenti decisioni del giudice sportivo sul comunicato di metà settimana. In ogni caso il club del presidente Massimo Salvatori sembra intenzionato a presentare un reclamo.

Samuele Sansonetti


Condividi la notizia:
11 marzo, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR