--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tuscania - Omicidio di Angelo Gianlorenzo - Per l'accusa un indizio di colpevolezza - Per la difesa lo sfogo di un anziano traumatizzato dall'uccisione del cognato e dal fatto di essere lui l'unico indagato

“Contro di me non hanno niente” diceva tra sé Aldo Sassara intercettato in macchina…

Condividi la notizia:

Angelo Gianlorenzo

Angelo Gianlorenzo

L'avvocato Marco Valerio Mazzatosta

L’avvocato Marco Valerio Mazzatosta – E’ uno dei difensori del cognato accusato dell’omicidio

L'avvocato Giovanni Bartoletti

L’avvocato Giovanni Bartoletti – E’ uno dei difensori di parte civile dei familiari della vittima 

Tuscania – Processo davanti alla corte d’assise per il 77enne di Tuscania, Aldo Sassara, accusato dell’omicidio volontario del cognato, l’agricoltore 83enne Angelo Gianlorenzo. Il suo corpo martoriato fu trovato nelle campagne di Tuscania la vigilia di Ferragosto del 2016. 


 – Omicidio di Angelo Gianlorenzo, rinviato a giudizio Aldo Sassara


“Contro di me non hanno niente” diceva tra sé Aldo Sassara intercettato in macchina. Per l’accusa un indizio di colpevolezza. Per la difesa lo sfogo di un anziano traumatizzato dall’uccisione del cognato e dal fatto di essere lui l’unico indagato. 

Unico indagato per il delitto, Aldo Sassara è stato rinviato a giudizio ieri dopo due anni e mezzo dal gup Francesco Rigato, al termine di un’udienza molto combattuta nel corso della quale sia i legali dei familiari della vittima, sia i difensori dell’imputato sono tornati a ribadire, a tratti con veemenza, le rispettive ragioni. Il processo si aprirà davanti ai sei giudici popolari e ai due togati della corte d’assise il prossimo 3 giugno. Parti civili i familiari della vittima, la vedova e i due figli, assistiti dall’avvocato Giovanni Bartoletti e Francesco Bergamini. 

“Non esiste un motivo per processare Aldo Sassara, il cui unico torto, se così si può dire, era avere una causa civile con il cognato, il motivo per cui è stato iscritto nel registro degli indagati. Non hanno dato esito le investigazioni, niente dagli accertamenti tecnici, scientifici e biologici. Niente dai numerosi testimoni sentiti a sommarie informazioni, che nulla hanno potuto dire del fatto”, sono tornati a dire i difensori Marco Valerio Mazzatosta e Danilo Scalabrelli a margine dell’udienza, che si è conclusa, dopo circa tre ore, poco dopo l’una e mezza con il rinvio a giudizio per omicidio volontario dell’anziano indagato. 

Ironia della sorte, nell’immediatezza del delitto, l’imputato Aldo Sassara, parlando da solo mentre era alla guida della sua macchina, senza sospettare di viaggiare con a bordo delle microspie messe dalla procura, avrebbe detto frasi tipo “contro di me non hanno niente”. Un indizio di colpevolezza secondo l’accusa, solo uno sfogo per la difesa. 

Durante la discussione, il pm Michele Adragna ha parlato delle intercettazioni ambientali autorizzate dal tribunale su richiesta della procura, nel corso delle indagini preliminari, a carico di Sassara.

Il 77enne avrebbe  avuto l’abitudine di parlare da solo mentre era alla guida della propria vettura e proprio le captazioni ambientali durante gli spostamenti in macchina avrebbero suscitato l’interesse degli investigatori. In particolare dei soliloqui, durante i quali il presunto omicida avrebbe ripetuto piùvolte a se stesso frasi del tipo “non mi hanno trovato niente” oppure “non c’è niente contro di me”.

“Quelle frasi dette tra sé e sé sono solo lo sfogo di una persona rimasta traumatizzata da tutto quello che gli è accaduto dopo la morte del cognato – secondo i difensori – peraltro si tratta di intercettazioni relative a un periodo precedente alla richiesta di misura di custodia cautelare del pm massimiliano Siddi che è stata rigettata dal gip Stefano Pepe ‘per mancanza di gravi indizi di colpevolezza’, il che vuol dire che nemmeno per il magistrato avevano altro significato se non quello di uno sfogo”. 


La ricostruzione dell’omicidio

La mattina del 14 agosto 2016 Sassara, stando a quanto riferito dalla moglie ai carabinieri, “è uscito di casa tra le 7 e le 7,30 per recarsi nel proprio terreno, confinante con quello della vittima, in località San Savino”. In realtà dalle telecamere di videosorveglianza “si rileva che l’indagato è transitato sull’incrocio di via del Pratino (Capodimonte, ndr), poco distante dalla sua abitazione, alle 6,31. Da solo e a bordo del suo motorino bianco”.

Angelo Gianlorenzo viene invece immortalato sulla Martana alle 7,03. Mentre anche lui, a bordo del suo Piaggio Ape, sta raggiungendo la campagna.
“Fondamentale”, come il pm l’ha definita, la testimonianza di un pastore della zona. Alle 9,30, mentre portava le pecore al pascolo, ha “sentito in lontananza delle urla e degli strilli, come di persone che stavano litigando. Più mi avvicinavo al casale – racconta -, più udivo forte la discussione. Le urla e gli strilli sono durati per circa dieci minuti e, secondo me, la discussione era tra due o più persone. Mentre portavo il gregge al fiume, ho sentito in lontananza una voce che diceva: ‘Dai, forza! Vai, vai’. Poi ho udito soltanto dei lamenti provenire da una sola persona. Lamenti riferibili a una persona che era stata picchiata, malmenata o che stava male. Sono durati per circa dieci minuti, poi non ho sentito più nulla”. Se non “un calpestio, desumibile dal movimento di foglie e arbusti, che mi ha fatto ritenere che qualcuno stesse correndo o scappando. Il movimento andava in direzione di alcune piante d’olivo”.

“Alle 11,15 – scrivono gli inquirenti nelle carte d’inchiesta – Sassara viene nuovamente ripreso dalle telecamere”. Questa volta però nel senso opposto di marcia. Ovvero, mentre dalla campagna ritorna a Capodimonte. Dove, verso le 11,30, “si sarebbe recato in un chiosco” e avrebbe anche “consumato un aperitivo”. Tra le 12 e le 12,45 fa “rientro a casa per pranzare. Per poi riuscire alle 14,15, sempre a bordo del suo ciclomotore”.


Il ritrovamento del cadavere

Il ritrovamento del cadavere di Angelo Gianlorenzo avviene alle 12,15. A fare la macabra scoperta è il figlio, allertato dalla madre perché il padre non era rientrato in casa alla solita ora. Tra le 10 e le 10,15. “Giunto sul posto – ricorda il figlio della vittima – ho chiamato a gran voce mio padre, non ricevendo però risposta. L’ho ritrovato alle spalle del casale riverso a terra. In un primo momento ho pensato a un malore, ma poi ho visto la testa piena di sangue, la camicia strappata e graffi sulla pancia e il costato. Chiazze di sangue e oggetti sparsi sul terreno, la dentiera per terra e le scarpe sfilate. Ho provato a soccorrerlo, ma non c’era più nulla da fare. Ho preso un lenzuolo e l’ho coperto”.

Quando i carabinieri arrivano sul luogo del delitto trovano accanto al corpo di Gianlorenzo anche un berretto, un paio di scarpe nere, un mazzo di chiavi, frammenti di tegola e un sasso. “Tutti – sottolineano – con tracce ematiche sopra”. Infine monete e banconote. “Il tutto – continuano gli investigatori – in posizione sparsa e tale da far desumere che ci fosse stata una colluttazione”. E vicino a dei tubi per l’irrigazione notano anche “una grossa tegola rustica, riconducibile ai frammenti rinvenuti vicino al cadavere, con tracce ematiche nella parte in cui era spezzata e dei residui piliferi sul bordo”.


“Prima o poi te la farò pagare”

Sassara finisce nel mirino degli inquirenti dopo alcune dichiarazioni del figlio della vittima. “Da dieci anni – racconta – abbiamo dei dissidi per degli appezzamenti di terreno e alcune proprietà abitative, con causa al tribunale civile di Viterbo, con mio zio Aldo Sassara. Dieci giorni fa, mentre annaffiavo l’orto, ho sentito un’animata discussione tra mio zio e mio padre, che erano arrivati anche alle mani. Dopo averli separati, ho invitato mio zio ad andarsene. E mentre andava via ha proferito a mio padre la frase: Tanto prima o poi te la fo’ pagare”.


“Si è cambiato i vestiti”

“Prima di andare via dal terreno Aldo Sassara si è cambiato. È uscito di casa vestito in un modo e se n’è andato dal terreno con indumenti diversi da quelli con i quali vi è giunto”. Secondo i carabinieri questo cambio d’abito è avvenuto “con assoluta certezza”, nonostante Sassara lo abbia più volte negato. “In maniera insistente e sospetta – sottolineano i militari -, appoggiato dalla moglie”.

Per gli inquirenti la prova regina sono le immagini della videosorveglianza, che immortalano Sassara andare e tornare dalla campagna. Mentre alle 6,31 “indossa il casco, un giubbotto senza maniche di colore verde militare e una camicia a maniche lunghe color granata\terracotta. Un paio di pantaloncini scuri e un paio di scarpe chiare\beige”. Alle 11,15 “indossa una canottiera azzurra e dei pantaloncini”. Ovvero, gli abiti che aveva addosso quando è stato rintracciato dai carabinieri e che sono stati sequestrati. 


Condividi la notizia:
1 marzo, 2019

Tuscania - Omicidio in campagna ... Gli articoli

  1. "Male non fare, paura non avere", si dichiara innocente il 76enne accusato di avere ucciso il cognato
  2. Accusato di avere ucciso il cognato, attesa per l'interrogatorio di Aldo Sassara
  3. "Se m'evono trovato la maglietta, da mo' che m'avevano arrestato"
  4. Omicidio Gianlorenzo, è il giorno della verità per il cognato accusato di averlo ucciso
  5. Omicidio Gianlorenzo, in aula il supertestimone rivela: "Voci di due uomini sul luogo del crimine..."
  6. Omicidio Gianlorenzo - Furgone sul luogo del delitto, è giallo
  7. "Non ha ucciso lui il cognato, quella mattina è andato col trattore in direzione opposta"
  8. Aldo Sassara sgridò la moglie: "Rifai la deficiente, tu chiacchieri troppo"
  9. "Aldo non è un fratello, ma una belva feroce. Pensammo avesse ucciso anche nostro padre"
  10. "Meno male che mio cognato è morto, uno di meno. Era un birbaccione, vaffanculo"
  11. "Gianlorenzo aveva il collo spezzato e tutte le costole rotte, ma è morto d'infarto"
  12. Due "interpreti" di dialetto martano per tradurre i soliloqui del presunto killer
  13. "Trenta-quaranta colpi che lui ansimava ancora ed era cosciente"
  14. "E' stata una morte violenta, ma nessun riscontro scientifico porta a Aldo Sassara"
  15. Omicidio Angelo Gianlorenzo, tocca ai primi testi dell'accusa
  16. "Il cognato incastrato dal suo soliloquio in macchina e dalla videosorveglianza"
  17. Agricoltore massacrato e ucciso nelle campagne di Tuscania, processo al cognato al via il 17 giugno
  18. Omicidio di Angelo Gianlorenzo, rinviato a giudizio Aldo Sassara
  19. Omicidio di Tuscania, Aldo Sassara davanti al gup
  20. "Contro di me solo congetture, i colpevoli sono altrove"
  21. "L'ha ucciso, si è cambiato e ha fatto sparire i vestiti sporchi di sangue..."
  22. Omicidio di Tuscania, chiuse le indagini
  23. Un anno fa l'omicidio dell'agricoltore Angelo Gianlorenzo
  24. Omicidio di Tuscania, dissequestrati il casale e i mezzi agricoli dell'indiziato
  25. Omicidio di Tuscania, nuovo interrogatorio in procura per Sassara
  26. Omicidio di Tuscania, è giallo sull’ora della morte
  27. "Massacrato di botte finché non è morto di crepacuore"
  28. Omicidio di Tuscania, restano sotto sequestro i mezzi agricoli
  29. "Ho pensato subito che era stato assassinato”
  30. Omicidio di Tuscania, chiesto il dissequestro dei mezzi agricoli
  31. Nessuna traccia di Gianlorenzo sull'uomo accusato dell'omicidio
  32. Al lavoro i sommozzatori dell'Arma
  33. Gianlorenzo aveva anche il torace fracassato
  34. Omicidio di Tuscania, i Ris sul luogo del delitto
  35. Si cercano i vestiti sporchi di sangue
  36. "Aldo? Incensurato e benvoluto da tutti"
  37. "Non dovevi decidere tu della morte di Angelo"
  38. "Assassini, costituitevi!"
  39. Anziano ucciso, indagato il cognato
  40. I Ris sulla scena del delitto
  41. I vestiti strappati e il cranio fracassato
  42. Colpito alla testa e ucciso dopo una lite
  43. Aggredito e ucciso con un colpo alla testa

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR