Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Politica - L'ex premier Matteo Renzi sulla sua e-news parla delle elezioni del nuovo segretario, di economia e del governo

“Primarie Pd, chiunque vinca non tema una mia guerriglia”

Condividi la notizia:

Matteo Renzi

Matteo Renzi

Roma – “Chiunque vinca non dovrà temere da parte mia alcuna guerriglia come quella che io ho subito”. L’ex premier Matteo Renzi nella sua e-news sulle primarie del Partito Democratico di domani in oltre settemila seggi in tutta Italia. 

“Auguri ai tre candidati: Martina, Zingaretti, Giachetti. Mi fa piacere – ha scritto Matteo Renzi – che tutti e tre abbiano escluso accordi con i Cinque Stelle e ritorni al passato. Chiunque vinca non dovrà temere da parte mia alcuna guerriglia come quella che io ho subito”.

“Alcuni media – ha aggiunto l’ex premier – dicono che si deve andare a votare contro Renzi. Io penso che sia il riflesso condizionato di chi a sinistra combatte da sempre il Matteo sbagliato. Le primarie del Pd sono per l’Italia; al massimo sono contro Salvini e Di Maio. Ok, anche se votasse meno gente dell’altra volta non significa nulla: il Pd è l’unica forza politica che si affida alla democrazia, altro che piattaforma Rousseau. Grazie ai volontari dei gazebo”.

Matteo Renzi si è soffermato anche sull’economia italiana e sul governo. 

“Sono preoccupato sul futuro dell’economia italiana – ha spiegato – perché il Pil scende, il lavoro arranca, l’industria dell’auto rischia, la fiducia stenta. E il governo? Il governo dorme. In questo scenario il premier Conte annuncia un piano anti dissesto idrogeologico che era un piano realizzato da noi cinque anni fa (Italia sicura) e su cui nessuno ricorda che proprio Conte, come primo atto, aveva chiuso la nostra unità di missione e liquidato il progetto Casa Italia. Hanno fatto perdere otto mesi e tanto Pil all’Italia con la loro incompetenza. E adesso vediamo che cosa si inventano per giustificare la marcia indietro sulla Tav”.


Condividi la notizia:
2 marzo, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR