--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Per il segretario della Cisl Fortunato Mannino l'anticipo della pensione promossa dal governo Conte non risponde alla necessità di un ricambio generazionale nel mondo del lavoro - Circa 300 le domande in tutta la Tuscia

“Quota 100 crea problemi senza risolverli”

di Daniele Camilli
Condividi la notizia:

Viterbo - Il Caf della Cisl

Viterbo – Il Caf della Cisl

Viterbo - Fortunato Mannino

Viterbo – Fortunato Mannino

Viterbo - Il Caf della Cisl

Viterbo – Il Caf della Cisl

Viterbo - Il Caf della Cisl

Viterbo – Il Caf della Cisl

Cisl - Manifestazione sindacale

Cisl – Manifestazione sindacale

Viterbo – “Quota 100 crea soprattutto problemi anziché risolverli”. Parola di sindacato. Nello specifico la Cisl del segretario generale Fortunato Mannino. “E anche per quanto riguarda l’affluenza ci aspettavamo qualcosa di più”. Trecento le domande raccolte in tutta la Tuscia dai 26 patronati che fanno riferimento alle principali sigle, vale a dire Cgil, Cisl e Uil. Il sindacato a guida Mannino ne ha totalizzate 120. Ma il punto vero non è questo.

Quota 100 è una delle misure cardine della legge di bilancio 2019 voluta dal governo giallo-verde Conte, Salvini, Di Maio. Ed è sostanzialmente volta a contrastare gli effetti della riforma delle pensioni 2011 di Mario Monti, la riforma Fornero. Operativa da quest’anno, andrà avanti fino al 2021 e consente l’uscita anticipata dal mondo del lavoro per tutti coloro che vantano almeno 38 anni di contributi e 62 anni di età. Trentotto più sessantadue uguale 100. 

“I problemi sono diversi – dice Mannino -. Uno su tutti. E’ stata pensata per aumentare i posti di lavoro. Tanti vanno in pensione e tanti altri li dovrebbero sostituire. Ma così non è, perché la richiesta di anticipare la pensione viene soprattutto dalla scuola e dal pubblico impiego. In tal caso – si domanda il segretario della Cisl – quale ricambio ci può essere se per entrare nell’amministrazione pubblica servono i concorsi pubblici e questi sono stati bloccati così come è stato stoppato anche il turn over?”.

Quindi, secondo il sindacato, non ci sarà alcun ricambio. “Anzi – aggiunge Mannino – il rischio è quello di ritrovarsi senza medici, infermieri e dirigenti. Al massimo verranno stabilizzati i precari che di suo è cosa buona, ma questo non significa creare nuovi posti di lavoro”.

Se nel pubblico Quota 100 va per la maggiore, nel privato invece è un vero e proprio pianto. E i problemi per la Cisl sono in particolare modo due.

Il primo riguarda i professionisti. “Chi andrà in pensione – evidenzia Fortunato Mannino – laddove ha una partita Iva, dovrà chiuderla accontentandosi di collaborazioni occasionali che non superino i 5 mila euro lordi l’anno. Il che significa un netto rifiuto di avvalersi del pensionamento anticipato anche se si hanno tutti quanti i requisiti. Parecchi autonomi hanno fatto retromarcia”.

La seconda incognita tira invece in ballo i lavori usuranti, edilizia e agricoltura su tutti. “Qui – dice Mannino – il punto vero è lo ‘spezzatino contributivo’. I trentotto anni di contributi vanno realizzati nell’ambito dello stesso ente previdenziale. Tutti con l’Inps oppure, ad esempio, tutti con l’Inpdap. Molti edili e braccianti sono passati da un sistema contributivo all’altro e non è insolito trovare persone che hanno vissuto lunghi periodi di cassa integrazione. Pertanto i 38 anni possono essere raggiunti avvalendosi dell’ente al quale sono stati versati la maggior parte dei contributi riscattando gli altri che mancano. Solo che questa cosa ha un costo in termini economici. In alcuni casi per riscattare tre anni di contributi servono 20 mila euro o giù di lì. E per un bracciante o un muratore è a dir poco impensabile”.

Ultimo, ma non da ultimo, la remissione in termini economici. “Chi va in pensione con Quota 100 – commenta Mannino – deve fare i conti con un assegno che sarà ridotto, dal 15 al 30%, rispetto a quello che prenderebbe se andasse a riposo a 67 anni e 42 di contributi, come normalmente avviene. E questo se lo possono permettere solo le persone che non hanno problemi economici, vale a dire lavoratori che hanno almeno la casa di proprietà, nessun figlio da aiutare e un potere di acquisto medio. Altrimenti non conviene. E noi del sindacato siamo i primi a sconsigliarlo. Tant’è vero che su 100 persone che chiedono informazioni alla fine soltanto 50 decidono di aderire all’iniziativa promossa dal governo”.

Insomma, a chi conviene Quota 100. Mannino non ha dubbi. “Ai disoccupati che hanno già raggiunto i 38 anni di contributi e agli esodati, ossia chi ha interrotto il proprio rapporto di lavoro in conseguenza di accordi di ristrutturazione o crisi aziendali, ma che non ha ancora diritto alla pensione. Per lo più over 50”. 

In poche parole, “Quota 100 – conclude Mannino – conviene a chi si è stufato di stare nel mondo del lavoro, non ce la fa più e si accontenta di quello che ha maturato in 38 anni di contributi. Sembra quasi un altro ammortizzatore sociale. Come sindacato consigliamo di rifletterci bene”.

Daniele Camilli

 

 


Condividi la notizia:
9 marzo, 2019

Reportage ... Gli articoli

  1. "Se c'è qualcosa da fare, le persone vengono in centro..."
  2. La guerra fredda sui muri della città dei papi
  3. A chi conviene la trasversale?
  4. "L'Ater è un'azienda sull'orlo del collasso"
  5. "Fabrizio Frizzi aveva il dono di saper abbracciare"
  6. La costituzione che il liceo classico ha dimenticato
  7. Il sole bacia la fiera dell'Annunziata
  8. "Giochiamo a cricket a Valle Faul per fare una cosa diversa nella vita"
  9. Riello, come nascondere la polvere sotto il tappeto
  10. "La ringraziamo a nome di tutta quanta la Chiesa"
  11. "Torneranno a cacciarci con la polizia..."
  12. "Terme ex Inps, sono stati già dati 20 mila euro per individuare l'advisor"
  13. "Case popolari, chiediamo di restare e pagare l'affitto in base al reddito"
  14. "Terme ex Inps, prima di chiuderle le hanno ristrutturate"
  15. Pranzo del Purgatorio, oltre 500 anni di solidarietà e beneficienza
  16. Carnevale 2019, vince il Regno di madre natura
  17. "Via dei Pellegrini, gli alloggi verranno sistemati entro maggio"
  18. Le Terme ex Inps saccheggiate, devastate e abitate
  19. Parcheggio selvaggio in tutto il centro storico
  20. "Via dei Pellegrini, il comune non ha fatto i lavori e non ha regolarizzato gli assegnatari"
  21. Alieu Jallow torna in Gambia
  22. Viterbo saluta don Angelo Gargiuli
  23. Il Carnevale va a gonfie vele...
  24. Un uragano di carri, maschere e colori...
  25. Quel pasticciaccio brutto di via dei Pellegrini
  26. "Vivo in uno stanzone del comune senza acqua, bagno e riscaldamento..."
  27. Carri, gruppi mascherati e mille scintillanti colori
  28. La città che non vuole la mafia scende in piazza...
  29. "Il decreto sicurezza somiglia alle leggi razziali volute dal fascismo"
  30. "Pronti a stanziare le risorse necessarie per la bonifica della discarica del Cinelli"
  31. Il Riello nel degrado
  32. "L'illegalità non può avere la precedenza, entro tre mesi avvieremo le procedure di sfratto"
  33. "Chi nega le foibe è un imbecille, un delinquente e un birbaccione..."
  34. Al "serpentone" di Bagnaia senza luce né acqua
  35. Addio al fiume fantasma che attraversa Viterbo...
  36. Riparata la recinzione del "Colosseo", ora è severamente vietato entrare
  37. Strade colabrodo ovunque
  38. "Appena abbiamo iniziato a costruirlo, le donne lo hanno subito presidiato"
  39. "Tutti trattengono il fiato, perché tutti sanno di essere colpevoli..."
  40. "Una festa per tutelare i diritti degli animali"
  41. il ricordo della sterminio degli ebrei è cosa viva anche nella Tuscia
  42. Cani e gatti contro il bullismo
  43. "Centro di ascolto, mensa e dormitorio Caritas aperti tutto il giorno"
  44. "Tutto perfetto, operativi e in allerta 24 ore su 24"
  45. I rifiuti al Riello rischiano di invadere la strada
  46. "I Pokemon Go c'hanno fatto impazzire, i ragazzi li cercavano sui binari"
  47. Quanto tempo ci vuole per riavere casa?
  48. Il collasso del centro storico
  49. Alieu Jallow tornerà in Gambia
  50. "A Mammagialla è difficile applicare pure le punizioni"
  51. Il focarone fa risplendere Bagnaia
  52. "Rischiamo la rivolta dei detenuti o un'evasione"
  53. "Piazza della Rocca, San Faustino e la Trinità vanno recuperate e valorizzate"
  54. Al Pilastro una partita di calcio contro il razzismo...
  55. "Il cortile di San Carluccio doveva essere una casa albergo per persone in difficoltà"
  56. "Un centro studi per indagare gli aspetti meno conosciuti del lavoro di Pier Paolo"
  57. La vergogna cittadina degli affreschi distrutti in via Annio e via Saffi
  58. Ventidue milioni di turisti rinunciano alla Tuscia
  59. "E' stato un padre e un fratello, l'amico del cuore"
  60. "Hai sempre cercato di disegnare un sorriso sui nostri volti"
  61. "Befane di tutta Italia unitevi..."
  62. Pienone per la calza della befana più lunga del mondo
  63. Luminaria, suggestioni poetiche nel segno del dialogo e dell’integrazione
  64. "Civita e Bagnoregio diventeranno lo snodo turistico e viario di tutta la Tuscia"
  65. Happy New Year
  66. "Chiesa San Lazzaro: reperite le risorse per il tetto, e affidati i lavori"
  67. Chiesa di San Lazzaro, dopo tre mesi il comune non ha fatto nulla
  68. "Vivo. Vivo? Respiro! Qui è pieno de topi..."
  69. "È una città che ha poca attenzione per il suo patrimonio culturale"
  70. Lago di Vico, nessuna contaminazione dovuta all'arsenico
  71. "Consiglio a tutti di visitarla, noi abbiamo deciso di passarci il Natale"
  72. La Teverina diventerà il paese delle fiabe d'Europa
  73. "Anpi, il prefetto Bruno doveva partecipare all'inaugurazione della sede"
  74. Due quintali di solidarietà per il Campo delle rose
  75. La banda della Polizia e la Croce Rossa incantano l'Unione
  76. "Provocazione fascista contro la sede dell'Anpi"
  77. "Un'aggressione mediatica senza precedenti"
  78. Un borgo dipinto a Bagnoregio e una flotta di bus turistici per collegare tutta la Tuscia
  79. Scontri, barricate, pallottole di gomma... è la battaglia di Parigi
  80. I sogni dei bambini nelle letterine a Babbo Natale...
  81. Cinelli, il telo della discarica verrà riparato e il sito bonificato
  82. I pericoli del "Colosseo", dove i ragazzi rischiano la vita
  83. "Trasformare lo studio di Pier Paolo in casa vacanze sarebbe solo uno sfregio"
  84. La Torre di Pier Paolo Pasolini rischia di diventare una casa vacanze
  85. "Pier Paolo passò qui il suo ultimo capodanno, con Bertolucci e Taviani"
  86. L'umidità sta divorando gli affreschi di Vanni al cimitero di San Lazzaro
  87. Nel cuore del rave, tra sballo, peace e love
  88. Discarica del Cinelli, l'inchiesta di Tusciaweb finisce su Rai News
  89. "Rifiuti pericolosi a Cinelli, si intervenga al più presto"
  90. La discarica di Cinelli vista dal drone
  91. Discarica del Cinelli, dieci regioni e 29 province coinvolte
  92. Oltre 140 mila tonnellate di rifiuti pericolosi
  93. Discarica del Cinelli, una bomba ecologica che rischia di esplodere
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR