Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Trasporti - L'annuncio degli assessori Meleo e Cafarotti - La stazione è chiusa dal 23 ottobre per il cedimento di una scala mobile

Roma, la metro Repubblica riapre a maggio

Condividi la notizia:

L'assessora ai trasporti del comune di Roma - Linda Meleo

L’assessora ai trasporti del comune di Roma – Linda Meleo

Roma – La stazione Repubblica della metropolitana di Roma riaprirà a inizio maggio.

L’hanno annunciato ieri gli assessori capitolini ai Trasporti e al Commercio, Linda Meleo e Carlo Cafarotti, in un incontro con i commercianti della zona.

La stazione è chiusa dallo scorso 23 ottobre, quando una scala mobile cedette, coinvolgendo, tra gli altri, un gruppo di tifosi del Cska Mosca, squadra di calcio russa impegnata in una gara di coppa contro la Roma.

Gli assessori hanno spiegato che la struttura è rimasta chiusa inizialmente perché sotto sequestro, poi perché non erano disponibili pezzi di ricambio per le scale mobili, che devono essere fabbricati su misura e dovrebbero arrivare entro marzo.

“Atac si è impegnata a riaprire entro i primi giorni di maggio – ha detto Meleo a Sky Tg24 – e l’assessorato si è impegnato a monitorare passo dopo passo, come sta facendo dal giorno dell’incidente, l’operato dell’azienda”. 

La fermata Repubblica è una delle più frequentate della linea A. La sua chiusura è stata definita “un danno enorme per la città” dal presidente del Codacons Carlo Rienzi, che ha annunciato lo studio di “un’azione risarcitoria contro comune e Atac per conto di tutti gli esercenti dell’area”.


Condividi la notizia:
5 marzo, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR