Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cultura - Lo spettacolo sabato 30 marzo alle 21,30

Il teatro di Tarquinia ospita l’Orchestra sinfonica Europa musica

Condividi la notizia:

L'Orchestra sinfonica Europa musica

L’Orchestra sinfonica Europa musica

Viterbo – Il teatro comunale Città di Tarquinia, sabato 30 marzo alle 21,30, apre il sipario e il palcoscenico all’Orchestra sinfonica Europa musica, composta di 60 elementi e al coro lirico Italiano sotto la conduzione di Renzo Renzi.

Uno spettacolo appassionante e unico con una orchestra sinfonica, un coro lirico e quattro solisti, provenienti da importanti teatri italiani e stranieri come La Fenice di Venezia e L’Opera’ de Paris solo per citarne alcuni, che si alterneranno in arie, duetti e concertati, tratti dagli episodi delle più celebri opere del repertorio del melodramma italiano.

Un divertente ed emozionante viaggio tra gli eroi del teatro in musica creati dalla fantasia di Rossini, Bellini, Donizetti, Puccini e soprattutto Verdi al quale è dedicata l’intera prima parte. Il meglio della tradizione italiana riletto in una chiave particolare.

Tra la prima e la seconda parte, in prima mondiale, sarà eseguito il brano lirico “L’Infinito” , composto da Traversi sui versi di Giacomo Leopardi a 200 anni esatti dalla prima stesura della celeberrima poesia. Probabilmente come nessun altro poeta, Leopardi seppe comporre versi così intimamente musicali. Difatti, sulla musica Leopardi ragionò diffusamente già dalla redazione dello Zibaldone.

E proprio nell’infinito affiorano più compiutamente questi aspetti e riflessioni. Infatti, come l’esclusione dell’orizzonte alla vista del poeta gli consente di “fingere” nel pensiero “interminati spazi” e “sovrumani silenzi”, così accostando “quello infinito silenzio” alla “voce” del vento gli “sovvien l’eterno”.

Ne scaturisce allora che la sensazione uditiva del vento stimola la percezione dell’eternità, a cui il poeta non può approdare attraverso la poesia: ad essa è invece destinato il ragguaglio dell’esperienza vissuta, preservata così dall’oblio del tempo.


Condividi la notizia:
15 marzo, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR