--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Gustavo Adolfo Rosado Canela e Mariela Garçia Rodriguez occupano una casa popolare al Pilastro - Lavorano, guadagnano 700 euro in due e hanno quattro figli - Il comune gli ha detto che se ne devono andare

“Torneranno a cacciarci con la polizia…”

di Daniele Camilli

Condividi la notizia:


Viterbo – Dovevano arrivare alle 9 e mezza di mattina. Si sono presentati all’una, all’ora di pranzo. Impiegati del comune di Viterbo chiamati a dire a Gustavo Adolfo Rosado Canela e Mariela Garçia Rodriguez che da quella casa popolare al Pilastro se ne devono andare. Perché c’è un ordine esecutivo del tribunale di Viterbo. Da quattro anni. Tra qualche settimana pare torneranno alla carica. “Questa volta – ci dice Mariela – anche con le forze dell’ordine”.


Multimedia – Fotoracconto: “Vogliamo restare e pagare in base al reddito” – Video: La storia di Gustavo e Mariela


Quattro, come i figli di Gustavo e Mariela che da 9 anni occupano una casa popolare del comune di Viterbo. Undici, otto, sette e tre anni. L’età dei figli. trentadue, quella di Gustavo e Mariela. Ieri mattina ad aspettare per ore gli impiegati comunali andati a convincere la famiglia di origine dominicana, con cittadinanza italiana, a sbaraccare, c’era Mariela che, per l’occasione, ha preso un giorno libero dal lavoro. Cioè una giornata di lavoro non pagata. Mariela Garçia Rodriguez fa la donna delle pulizie e la badante a 300 euro al mese. Il marito, si sono conosciuti a Santo Domingo da ragazzini e non si sono mai lasciati, è dovuto invece andare al lavoro. Gustavo Adolfo Rosado Canela è un operaio e guadagna 400 euro al mese.

“Qualcuno ci ha anche detto – racconta Mariela – che se non ce ne andiamo, va a finire che ci tolgono i figli. Noi lavoriamo, tutto il giorno. Ma con quello che guadagniamo nessuno ci affitterebbe una casa. E comunque non avremmo più i soldi per far mangiare e studiare i nostri figli, che vanno tutti a scuola”.


Viterbo - Mariela Garçia Rodriguez

Viterbo – Mariela Garçia Rodriguez


Al Pilastro, storico quartiere popolare viterbese, le case popolari del comune si intrecciano con quelle dell’Ater, quello che una volta si chiamava Iacp. Storie di conquiste e al tempo stesso di potere. Un quartiere che vanta anche un istituto comprensivo e due istituti superiori, entrambi tecnici e di buona fama, così come una tradizione di solidarietà di lunga data.

“Siamo abusivi, lo sappiamo – prosegue Mariela -. Siamo entrati 9 anni fa. Avevo pagato una persona affinché mi aiutasse a fare domanda per le graduatorie delle case popolari. Si è preso i soldi e ha presentato la domanda quando i termini erano scaduti. Io e mio marito non avevamo più una casa e avevamo un bambino. Siamo entrati per necessità. Come fanno in tanti, al Carmine, al Pilastro e nelle altre zone dove ci stanno le case popolari. E lo facciamo per necessità”.


Viterbo - Il piccolo altare in casa di Gustavo e Mariela

Viterbo – Il piccolo altare in casa di Gustavo e Mariela


Passano le ore e quelli del comune non si fanno vivi. C’è tempo per tre caffè e l’album di famiglia, ricostruito saltando da un social all’altro. Mariela ha due sorelle, una vive a Milano e l’altra in Germania. Prepara una quarto caffè e offre un po’ di rum da una bottiglia, direttamente da Santo Domingo. In una delle camere della casa c’è un piccolo altare, con santi e candele. “Per noi i santi sono molto importanti – confida Mariela -. Soprattutto San Michele, che protegge i bambini”. Accanto ai santi ci stanno caramelle e dolci. A che servono? “Sono bambini”, risponde Mariela. I santi del piccolo altare in casa di Mariela raccontano il cosmo di una donna che vede nel santo il bambino che, un tempo, anche lui era. E lo raffigura pure. Diverse sono infatti le immagini di bambini che s’affacciano dall’altare in camera di Mariela. Sono i santi da bambini, e le caramelle sono per loro. Un gesto di tenerezza verso chi viene riconosciuto come più piccolo e più debole. Come dire, che l’infanzia è sacra.  


Viterbo - Mariela Garçia Rodriguez

Viterbo – Mariela Garçia Rodriguez


“Noi vogliamo pagare l’affitto – dice Mariela – ma possiamo farlo solo col reddito che abbiamo e con cui dobbiamo arrivare alla fine del mese. E l’alternativa non può essere finire sotto un ponte o vedersi togliere i figli. O peggio ancora sentire gente e leggere commenti in cui ti dicono ‘perché li hai fatti?’. I figli si fanno per amore, e comunque sia non avrei mai abortito. E quando si leggono certi commenti si ha la sensazione che chi li scrive non attribuisca umanità alla persona che va a giudicare”.


Viterbo - Mariela Garçia Rodriguez

Viterbo – Mariela Garçia Rodriguez


Mariela è preoccupata. Cerca di trattenersi. E’ una persona molto vitale. Una bella donna. Nell’attesa dei messaggeri comunali ci scappano anche un paio di pianti. “Sono quattro anni che andiamo avanti così – confida Mariela -. Uno stress terribile. Qualcuno ci dice ‘andatevene!’ Ma dove andiamo con quattro figli? E l’alternativa, ripeto, non può essere toglierceli. Dove andiamo con 700 euro al mese? ‘Dovevate pensarci prima’, si sente anche dire. Ma voi, con un figlio e in mezzo a una strada, a cosa avreste pensato? E a lavorare ci andiamo, e ci siamo sempre andati”. 

I vicini hanno dato più volte la loro solidarietà a Gustavo e Mariela, con messaggi e gesti concreti. Anche ieri mattina. Diversi hanno scritto a Mariela per sapere come era andata a finire. Ed erano solo le 11 e mezza. 

Infine i messaggeri del comune. Sono arrivati attorno all’una. Hanno fatto la loro parte e detto a Mariela che torneranno. Una mezz’oretta in tutto. “La prossima volta – chiude Mariela – ci hanno detto che ci sarà anche la polizia”.

Daniele Camilli


Articoli: “Case popolari, chiediamo di restare e pagare l’affitto in base al reddito”


Condividi la notizia:
16 marzo, 2019

Reportage ... Gli articoli

  1. "Se c'è qualcosa da fare, le persone vengono in centro..."
  2. La guerra fredda sui muri della città dei papi
  3. A chi conviene la trasversale?
  4. "L'Ater è un'azienda sull'orlo del collasso"
  5. "Fabrizio Frizzi aveva il dono di saper abbracciare"
  6. La costituzione che il liceo classico ha dimenticato
  7. Il sole bacia la fiera dell'Annunziata
  8. "Giochiamo a cricket a Valle Faul per fare una cosa diversa nella vita"
  9. Riello, come nascondere la polvere sotto il tappeto
  10. "La ringraziamo a nome di tutta quanta la Chiesa"
  11. "Terme ex Inps, sono stati già dati 20 mila euro per individuare l'advisor"
  12. "Case popolari, chiediamo di restare e pagare l'affitto in base al reddito"
  13. "Terme ex Inps, prima di chiuderle le hanno ristrutturate"
  14. "Quota 100 crea problemi senza risolverli"
  15. Pranzo del Purgatorio, oltre 500 anni di solidarietà e beneficienza
  16. Carnevale 2019, vince il Regno di madre natura
  17. "Via dei Pellegrini, gli alloggi verranno sistemati entro maggio"
  18. Le Terme ex Inps saccheggiate, devastate e abitate
  19. Parcheggio selvaggio in tutto il centro storico
  20. "Via dei Pellegrini, il comune non ha fatto i lavori e non ha regolarizzato gli assegnatari"
  21. Alieu Jallow torna in Gambia
  22. Viterbo saluta don Angelo Gargiuli
  23. Il Carnevale va a gonfie vele...
  24. Un uragano di carri, maschere e colori...
  25. Quel pasticciaccio brutto di via dei Pellegrini
  26. "Vivo in uno stanzone del comune senza acqua, bagno e riscaldamento..."
  27. Carri, gruppi mascherati e mille scintillanti colori
  28. La città che non vuole la mafia scende in piazza...
  29. "Il decreto sicurezza somiglia alle leggi razziali volute dal fascismo"
  30. "Pronti a stanziare le risorse necessarie per la bonifica della discarica del Cinelli"
  31. Il Riello nel degrado
  32. "L'illegalità non può avere la precedenza, entro tre mesi avvieremo le procedure di sfratto"
  33. "Chi nega le foibe è un imbecille, un delinquente e un birbaccione..."
  34. Al "serpentone" di Bagnaia senza luce né acqua
  35. Addio al fiume fantasma che attraversa Viterbo...
  36. Riparata la recinzione del "Colosseo", ora è severamente vietato entrare
  37. Strade colabrodo ovunque
  38. "Appena abbiamo iniziato a costruirlo, le donne lo hanno subito presidiato"
  39. "Tutti trattengono il fiato, perché tutti sanno di essere colpevoli..."
  40. "Una festa per tutelare i diritti degli animali"
  41. il ricordo della sterminio degli ebrei è cosa viva anche nella Tuscia
  42. Cani e gatti contro il bullismo
  43. "Centro di ascolto, mensa e dormitorio Caritas aperti tutto il giorno"
  44. "Tutto perfetto, operativi e in allerta 24 ore su 24"
  45. I rifiuti al Riello rischiano di invadere la strada
  46. "I Pokemon Go c'hanno fatto impazzire, i ragazzi li cercavano sui binari"
  47. Quanto tempo ci vuole per riavere casa?
  48. Il collasso del centro storico
  49. Alieu Jallow tornerà in Gambia
  50. "A Mammagialla è difficile applicare pure le punizioni"
  51. Il focarone fa risplendere Bagnaia
  52. "Rischiamo la rivolta dei detenuti o un'evasione"
  53. "Piazza della Rocca, San Faustino e la Trinità vanno recuperate e valorizzate"
  54. Al Pilastro una partita di calcio contro il razzismo...
  55. "Il cortile di San Carluccio doveva essere una casa albergo per persone in difficoltà"
  56. "Un centro studi per indagare gli aspetti meno conosciuti del lavoro di Pier Paolo"
  57. La vergogna cittadina degli affreschi distrutti in via Annio e via Saffi
  58. Ventidue milioni di turisti rinunciano alla Tuscia
  59. "E' stato un padre e un fratello, l'amico del cuore"
  60. "Hai sempre cercato di disegnare un sorriso sui nostri volti"
  61. "Befane di tutta Italia unitevi..."
  62. Pienone per la calza della befana più lunga del mondo
  63. Luminaria, suggestioni poetiche nel segno del dialogo e dell’integrazione
  64. "Civita e Bagnoregio diventeranno lo snodo turistico e viario di tutta la Tuscia"
  65. Happy New Year
  66. "Chiesa San Lazzaro: reperite le risorse per il tetto, e affidati i lavori"
  67. Chiesa di San Lazzaro, dopo tre mesi il comune non ha fatto nulla
  68. "Vivo. Vivo? Respiro! Qui è pieno de topi..."
  69. "È una città che ha poca attenzione per il suo patrimonio culturale"
  70. Lago di Vico, nessuna contaminazione dovuta all'arsenico
  71. "Consiglio a tutti di visitarla, noi abbiamo deciso di passarci il Natale"
  72. La Teverina diventerà il paese delle fiabe d'Europa
  73. "Anpi, il prefetto Bruno doveva partecipare all'inaugurazione della sede"
  74. Due quintali di solidarietà per il Campo delle rose
  75. La banda della Polizia e la Croce Rossa incantano l'Unione
  76. "Provocazione fascista contro la sede dell'Anpi"
  77. "Un'aggressione mediatica senza precedenti"
  78. Un borgo dipinto a Bagnoregio e una flotta di bus turistici per collegare tutta la Tuscia
  79. Scontri, barricate, pallottole di gomma... è la battaglia di Parigi
  80. I sogni dei bambini nelle letterine a Babbo Natale...
  81. Cinelli, il telo della discarica verrà riparato e il sito bonificato
  82. I pericoli del "Colosseo", dove i ragazzi rischiano la vita
  83. "Trasformare lo studio di Pier Paolo in casa vacanze sarebbe solo uno sfregio"
  84. La Torre di Pier Paolo Pasolini rischia di diventare una casa vacanze
  85. "Pier Paolo passò qui il suo ultimo capodanno, con Bertolucci e Taviani"
  86. L'umidità sta divorando gli affreschi di Vanni al cimitero di San Lazzaro
  87. Nel cuore del rave, tra sballo, peace e love
  88. Discarica del Cinelli, l'inchiesta di Tusciaweb finisce su Rai News
  89. "Rifiuti pericolosi a Cinelli, si intervenga al più presto"
  90. La discarica di Cinelli vista dal drone
  91. Discarica del Cinelli, dieci regioni e 29 province coinvolte
  92. Oltre 140 mila tonnellate di rifiuti pericolosi
  93. Discarica del Cinelli, una bomba ecologica che rischia di esplodere
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR