- Viterbo News – Viterbo Notizie – Tusciaweb – Tuscia News – Newspaper online Viterbo – Quotidiano on line – Italia Notizie – Roma Notizie – Milano Notizie – Tuscia web - http://www.tusciaweb.eu -

“Unitus realtà consolidata, per questo Mattarella ha presenziato”

Condividi la notizia:
  • Tweet [1]
  • [2]
  • [3]

Viterbo - Mattarella e gli studenti dell'Unitus [4]

Viterbo – Mattarella e gli studenti dell’Unitus

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – L’università degli studi della Tuscia sta crescendo, sempre di più.

Dalla sua fondazione, di cui nel 2019 si festeggia il 40esimo anniversario, l’ateneo è diventato passo dopo passo un punto di riferimento nella provincia di Viterbo (e non solo) per tutto ciò che riguarda cultura, formazione ed eventi. In particolar modo è l’aspetto didattico ad essere motivo di orgoglio per l’università, che può vantare ben tre dipartimenti di eccellenza sui sei totali. Tutti comunque in grado di fornire allo studente corsi e servizi di alto livello, per permettergli di inserirsi nel mondo del lavoro con tutti gli strumenti necessari.

Ciò è reso possibile anche da una situazione economica più che buona e in continua crescita: frutto dell’instancabile lavoro del comparto amministrativo. Agli ottimi risultati che l’università ha conseguito nei suoi quarant’anni di vita, hanno senza dubbio contribuito anche i rappresentanti degli studenti, che hanno affrontato il loro compito con passione e impegno nei vari organi collegiali in cui si sono trovati impegnati. In sostanza, dunque, l’ateneo della Tuscia è una realtà consolidata che sta diventando sempre più grande e centrale nella vita della città e della provincia: è per questo che il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha presenziato all’inaugurazione dell’anno accademico 2018/2019. Dicendosi estremamente colpito dalla qualità e dal tenore di crescita della nostra università.

Università dello studente
Rappresentanti degli studenti
in consiglio d’amministrazione Filippo Lazzari
e in senato accademico Carlotta Venezian


Condividi la notizia:
  • Tweet [1]
  • [2]
  • [3]
  • Tweet [1]
  • [2]
  • [3]