--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Delitto di Santa Lucia - L'avvocato Roberto Massatani non esclude comunque di ricorrere in appello - Potrebbe farlo anche la procura, che aveva chiesto 20 anni

15 anni per omicidio e occultamento di cadavere a Fieno, “una pena congrua” per la difesa

di Silvana Cortignani

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Rosa Franceschini e Gianfranco Fieno

Le vittime – Rosa Franceschini e Gianfranco Fieno

Delitto di via Santa Lucia - Ermanno Fieno

Ermanno Fieno condannato per omicidio e occultamento di cadaveri

L'avvocato di Mauro Rotelli, Roberto Massatani

Il difensore Roberto Massatani

Viterbo - Il procuratore Paolo Auriemma e la pm Chiara Capezzuto

Il procuratore Paolo Auriemma e la pm Chiara Capezzuto

Viterbo – Quindici anni di reclusione e tre anni di libertà vigilata alla scadenza della pena. Quindici mesi di carcere già scontati. Si è chiuso così, ieri, il processo per l’omicidio volontario della madre e l’occultamento dei corpi dei genitori a Ermanno Fieno. L’imputato, jeans e felpa nera, era presente in aula. 

Il processo, iniziato lo scorso 28 settembre, si è concluso con quattro udienze nell’arco di sei mesi, a distanza di meno di un anno e mezzo da quando il 46enne viterbese ha ucciso la madre Rosa Franceschini di 77 anni, in seguito alla morte naturale del padre 83enne Gianfranco.

Una morte che, per motivi economici, avrebbe voluto nascondere. 

Se l’è cavata con una pena mite Fieno – reo confesso anche se soltanto a distanza di quattro mesi dal delitto – che il 28 novembre 2017 ha ucciso la madre con un attizzatoio da camino poco dopo la morte per cause naturali del padre, avvolgendo entrambi i corpi nel cellophane e nascondendoli in casa fino alla sera del 13 dicembre quando, dopo due settimane, il fratello e la sorella hanno fatto scattare l’allarme. 

“Una sentenza giusta, anche se non è stata riconosciuta la seminfermità”, il commento a caldo del difensore Roberto Massatani, a mezzogiorno di ieri, subito dopo la lettura del dispositivo della sentenza. Massatani aveva nominato perito di parte il professor Alessandro Meluzzi, mentre per il tribunale ha visitato Fieno il collega Giovanni Battista Traverso. L’imputato non sarebbe incapace di intendere e di volere, anche se soffrirebbe di un disturbo d’adattamento con umore depresso e ansioso. Si è parlato però di “famiglia patologica” e di un uomo “talmente abituato alla finzione da pensare di poter fare finta di niente anche di fronte alla morte dei genitori”.

L’avvocato Massatani aspetta ora il deposito delle motivazioni della sentenza per decidere se fare appello. Sarà da vedere cosa deciderà di fare la procura. Il giudice si è presa novanta giorni. I corpi furono ritrovati nella camera da letto della casa dove convivevano col figlio nel quartiere di Santa Lucia.

La furia omicida sarebbe scattata quando Fieno avrebbe detto all’anziana madre che sarebbe stato meglio attendere la pensione prima di dire ai prossimi congiunti della morte del padre. In modo, si sarebbe giustificato, da avere i soldi per celebrare i funerali.

In casa erano senza acqua e senza elettricità, in seguito a problemi economici che la famiglia vrebbe cercato di dissimulare coi familiari e coi vicini. Fieno, che per muoversi avrebbe preso spesso il taxi, in realtà si recava due volte al giorno alla fontanella dell’acqua dell’Ellera, tornando ogni volta con due taniche piene da venti litri, per le esigenze casalinghe.

I familiari, ovvero il fratello e la sorella con le rispettive famiglie, non si sono costituiti parte civile contro il 46enne per il risarcimento danni, ma hanno preso parte al processo solo come parti offese, rappresentati anche ieri in aula dall’avvocato Daniela Fieno. In aula anche il procuratore capo Paolo Auriemma, titolare del fascicolo con il sostituto Chiara Capezzuto.

La pm Capezzuto, al termine della discussione del processo con l’abbreviato condizionato alla perizia psichiatrica, ha chiesto per l’imputato 30 anni di carcere, per l’omicidio volontario della madre e l’occultamento dei cadaveri dei genitori, con l’aggravante della parentela, ridotti a 20 anni con lo sconto di un terzo della pena previsto dal rito.

Dopo un’ora e mezza di camera di consiglio, il giudice dell’udienza preliminare Rita Cialoni, davanti alla quale le quattro udienze del processo si sono celebrate a porte chiuse, è uscita a mezzogiorno con la sentenza di condanna a 15 anni di reclusione e 3 anni di libertà vigilata. Inferiore a quanto chiesto dall’accusa. 

Silvana Cortignani

 


Condividi la notizia:
3 aprile, 2019

Delitto di Santa Lucia ... Gli articoli

  1. Nozze di Ermanno Fieno e Alessia De Rubeis, fiori d'arancio in carcere il 13 novembre
  2. Uccise la madre, Ermanno Fieno si sposa in carcere con Alessia De Rubeis
  3. Uccise la madre, condannato a quindici anni Ermanno Fieno
  4. Uccise la madre, chiesti 20 anni per Ermanno Fieno
  5. "Ermanno Fieno non è infermo di mente", secondo lo psichiatra del tribunale
  6. "Fieno, incapace di volere in una famiglia patologica, non va messo in carcere..."
  7. Uccise la madre, oggi si saprà se Ermanno Fieno è sano di mente
  8. Rubò fette di tacchino al supermercato, assolto Ermanno Fieno
  9. Al via la perizia psichiatrica su Ermanno Fieno, il verdetto a primavera
  10. Uccise la madre, due psichiatri per stabilire se Ermanno Fieno è sano di mente
  11. Coniugi morti e avvolti nel cellophane, al via il processo al figlio
  12. Avvolse nel cellophane i genitori morti, perizia psichiatrica per Ermanno Fieno
  13. Uccise la madre, rito abbreviato per Ermanno Fieno
  14. Uccise la madre, via libera al processo per Ermanno Fieno
  15. La procura vuole il giudizio immediato per Ermanno Fieno...
  16. "Ho ucciso io mia madre"
  17. Delitto di Santa Lucia, Ermanno Fieno confessa l'omicidio della madre
  18. L'autopsia al vaglio di procura e difesa
  19. Non è stato duplice omicidio
  20. "Truffa, furto e falso" nel passato di Ermanno Fieno
  21. "A mamma e papà hai detto che gli hai raccontato molte bugie?"
  22. Colpita con l'attizzatoio e finita con un cuscino...
  23. "Morto per insufficienza cardiocircolatoria"
  24. Okay alla difesa Fieno, Massatani incontra la pm Capezzuto
  25. Incontro in carcere tra Ermanno Fieno e l'avvocato Massatani
  26. "Non eravamo graditi a persone vicine a Ermanno Fieno"
  27. "L'interrogatorio di Ermanno Fieno non è sinonimo di abbreviato"
  28. Ermanno Fieno rinuncia al riesame contro l'accusa di duplice omicidio
  29. "Cattivi rapporti con i miei per colpa di Ermanno"
  30. Delitto coniugi Fieno, venerdì l'udienza al Riesame
  31. Ermanno Fieno scrive lettere alla compagna dal carcere
  32. Fieno ricorre al riesame contro l'accusa di duplice omicidio
  33. "Devo litigare con mia sorella, sarà una lunga nottata..."
  34. In procura il fratello e la sorella di Ermanno Fieno
  35. "Capace di agire con violenza del tutto sproporzionata..."
  36. "Fieno voleva sbarazzarsi dei cadaveri"
  37. Ermanno Fieno "studia" le carte dell'inchiesta
  38. Due colpi in testa per uccidere la madre
  39. Fieno vuole farsi interrogare
  40. I difensori di Fieno: "Infondata l'accusa di duplice omicidio"
  41. Ermanno Fieno resta in carcere
  42. I fratelli di Ermanno tentarono di parlare con i genitori...
  43. "Frastornato, ma inizia a rendersi conto della situazione"
  44. Primo incontro a Mammagialla tra Fieno e i suoi avvocati
  45. Perizia psichiatrica su Fieno, difesa al lavoro
  46. "La verità verrà accertata solo nelle sedi giudiziarie..."
  47. Fieno in isolamento a Mammagialla
  48. Ermanno Fieno nel carcere di Mammagialla
  49. "15 giorni con due cadaveri in casa, serve una perizia psichiatrica su Fieno"
  50. "I corpi nel cellophane per cancellare l'omicidio dalla mente..."
  51. Gianfranco e Rosa morti da almeno due settimane
  52. Gianfranco non è stato ammazzato
  53. "Ermanno Fieno non è un mostro e non è matto"
  54. "I giorni in carcere non sono i più duri della mia vita..."
  55. Il gip: "Fieno deve restare in carcere"
  56. "Chi ha sbagliato comprenda l'errore"
  57. "Una violenta lite, poi non li ho più visti..."
  58. Rosa colpita alle spalle, il sangue sulle pareti
  59. Fieno non ha versato una lacrima
  60. Ermanno Fieno ha fatto scena muta
  61. Ermanno Fieno davanti al magistrato
  62. Ermanno Fieno riconosciuto mentre scendeva le scale della stazione
  63. Sangue anche in cucina
  64. "Aveva 750 euro in contanti e vestiti appena acquistati"
  65. Rintracciato e fermato a Ventimiglia Ermanno Fieno
  66. Oggi il riconoscimento delle vittime e l'affidamento dell'autopsia
  67. Rintracciato e fermato a Ventimiglia Ermanno Fieno
  68. “Non li abbiamo mai sentiti litigare, lui era un solitario”
  69. Rosa uccisa con uno spiedo di ferro
  70. Indagato per omicidio volontario il figlio Ermanno
  71. La scientifica col luminol sul luogo del delitto
  72. Aperto dalla procura un fascicolo per duplice omicidio
  73. Trovati morti sul letto avvolti nel cellophane
  74. Coppia trovata morta in casa, si ipotizza il duplice omicidio
  75. Trovati due cadaveri in una casa
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR