--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Politica - Duro attacco del vicepremier grillino al collega leghista: "Grave non festeggiare il giorno della Liberazione"

25 aprile, Di Maio contro Salvini: “Chi lo nega era con gli antiabortisti”

Condividi la notizia:

Luigi Di Maio

Luigi Di Maio

Roma – “Quelli che negano la festa del 25 aprile sono gli stessi che hanno aderito al congresso di Verona, passeggiando mano nella mano con gli antiabortisti”.

Luigi Di Maio va all’attacco di Matteo Salvini sulla festa della Liberazione. Il vicepremier grillino tuona su Facebook contro il suo collega leghista, non nominandolo mai direttamente, ma riferendosi a lui in maniera chiara. 

“Leggo che qualcuno arriva persino a negare il 25 aprile, il giorno della Liberazione – afferma -. Lo trovo grave. Non è alzando le spalle e sbuffando che questo Paese cresce. Al contrario, cresciamo se diamo forza a certi valori, alla nostra storia”.

Negli scorsi giorni Salvini aveva definito la ricorrenza della Liberazione “un derby tra rossi e neri”.

Giovedì Di Maio, insieme al ministro della Giustizia Bonafede, sarà alla sinagoga di Roma, per celebrare la festa con la comunità ebraica.

Dopo le parole del leader 5 stelle, Salvini ha risposto annunciando che festeggerà il 25 aprile “in mezzo alle donne e agli uomini della polizia di Stato di Corleone, per ringraziarli del fatto che ogni giorno rischiano la loro vita per liberare la Sicilia e l’Italia dalla mafia. Onorare il passato preparando un futuro migliore, questo faccio da uomo, da padre e da ministro. Le polemiche le lascio volentieri agli altri”.

 


Condividi la notizia:
23 aprile, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR