--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Montefiascone - Imputato di atti osceni e stalking un sessantenne - Finì per tre notti in carcere, anche se poi l'arresto non fu convalidato

Accusato di masturbarsi davanti a una quindicenne, è stato assolto dopo quattro anni

Condividi la notizia:

Viterbo - Tribunale - Carabinieri

Viterbo – Tribunale – Carabinieri

Montefiascone – Arrestato dai carabinieri alla vigilia del weekend mentre tornava a casa dal suo oliveto nella valle del lago, ha trascorso tre notti a Mammagialla con l’infamante accusa di essersi masturbato in giardino di fronte a una quindicenne.

Poi fu rimesso subito in libertà dallo stesso giudice per le indagini preliminari Stefano Pepe che non convalidò l’arresto dopo l’interrogatorio di garanzia, anche se dispose il divieto di avvicinamento alla presunta vittima.

Era Ognissanti del 2015. Nei giorni sorsi l’uomo, un sessantenne di Montefiascone, all’epoca dipendente di una casa di riposo, difeso dall’avvocato Luca Paoletti, è stato assolto.

Parte civile la famiglia della presunta vittima, allora minorenne. Il sessantenne era accusato di atti osceni e stalking, accuse che lo hanno perseguitato per quasi quattro anni.

La quindicenne, secondo la difesa suggestionata dai racconti sentiti in famiglia sul vicino, chiamò i carabinieri dicendo che, mentre era nella sua casa, aveva notato il vicino che nel giardino di quella accanto si sarebbe masturbato facendosi notare dalla giovane che era alla finestra e guardandola negli occhi.

Nella circostanza, la madre della ragazza disse ai militari della locale compagnia che, già in altre occasioni, l’uomo aveva compiuto atti del genere ed in più occasioni si era fatto notare mentre spiava la donna con un cannocchiale tanto da costringerla a cambiare alcune abitudini di vita in casa. 

Il processo si è concluso mercoledì davanti al giudice Silvia Mattei che, sentito per ultimo l’avvocato Luca Paoletti, ha assolto in primo grado l’imputato dalle accuse. Il pubblico ministero aveva chiesto la condanna a un anno di reclusione. 

Silvana Cortignani


Condividi la notizia:
23 aprile, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR