Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Montefiascone - Nel consiglio comunale di venerdì, a 3 giorni dal termine concesso dal prefetto – L'opposizione non partecipa alla votazione del piano triennale dei lavori pubblici

Bilancio di previsione, l’approvazione arriva in extremis

Condividi la notizia:

Montefiascone - Il consiglio comunale

Montefiascone – Il consiglio comunale

Montefiascone - Il consiglio comunale

Montefiascone – Il consiglio comunale

Nel consiglio comunale di venerdì a soltanto 3 giorni dal termine concesso dal prefetto – L’opposizione non partecipa alla votazione del piano triennale dei lavori pubblici

Montefiascone – Il consiglio comunale – Il passaggio della processione del venerdì santo osservato dalla finestra

Montefiascone - Il consiglio comunale

Montefiascone – Il consiglio comunale

Montefiascone – Bilancio di previsione, è arrivata in extremis la fumata bianca.

Nella sera del 19 aprile, venerdì santo, è terminata la via crucis del bilancio di previsione 2019, un calvario durato quasi trenta giorni a 72 ore dalla fatidica data del 22 aprile, fissata dalla diffida del prefetto per non incorrere nel commissariamento del comune.

Infatti doveva essere approvato entro il 31 marzo, ma a quella data in prefettura era arrivato soltanto lo schema con la delibera di giunta. Per questo il 2 aprile erano scattati i venti giorni di proroga concessi dal prefetto Giovanni Bruno.

Nella seduta di venerdì, dopo tre ore di discussione, la maggioranza ha approvato il bilancio con nove voti a favore, cinque contrari dell’opposizione e un astenuto (Luca Bellacanzone, Centro destra Montefiascone). Assenti i consiglieri Luciano Femminella e Angelo Merlo.

La discussione è andata avanti dalle 19 alle 22,30 con l’approvazione dei sette punti all’ordine del giorno.

Molte le richieste di chiarimento da parte della minoranza ai vari assessori e al ragioniere capo sul bilancio di previsione con alcuni scontri verbali tra maggioranza e opposizione.

L’altro momento più accesso è stato quello della votazione del piano triennale delle opere pubbliche, dove la minoranza non ha partecipato al voto uscendo dall’aula poiché, secondo loro, non sarebbero state rispettate le procedure.

Una seduta consiliare che passerà alla storia, in particolare per la concomitanza del transito della processione del venerdì santo. Intorno alle 21,30 il suono dei tamburi ha riecheggiato a lungo nell’aula consiliare ma proprio in quel momento si stava discutendo il tanto agognato bilancio di previsione. Alcuni consiglieri e assessori hanno potuto assistere al primo passaggio del corteo sotto il comune dalla finestra.

Poi a seduta conclusa, intorno alle 22,30 tutti “di corsa”, con in testa il sindaco, in processione, almeno per l’ultimo tratto, quello da piazza Vittorio Emanuele fino a piazza Santa Margherita per assistere poi alla rappresentazione della crocifissione.

Michele Mari


Condividi la notizia:
21 aprile, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR